CRÊPES VEGAN

Le crêpes sono una pietanza molto versatile, possono essere infatti gustate dolci o come pietanza salata, a seconda dei vostri gusti. Ecco quindi la ricetta base delle crêpes con varie idee sia dolci che salate, per farcirle in modo diverso e originale, senza l’utilizzo di ingredienti di origine animale.

05FAC239-D7C7-4574-A2C0-C2E57F3AAEDA.jpeg
Crêpe con Nutella spolverata con zucchero a velo di canna

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 200 gr farina di farro integrale

– 200 gr farina di Maiorca

– 400 gr latte di soia alla vaniglia

– 18 gr olio di semi di girasole

– 140 gr acqua minerale

– un pizzico di sale

– 200 gr altro latte vegetale di soia alla vaniglia (secondo necessità)

Per la farcitura dolce con “Nutella”:

– NUTELLA CIOCCOLATOSA 🍫 DEI 10 MINUTI

– NUTELLA FONDENTE VEGAN versione 2.0

🍴 Preparazione

1. In una terrina mettete le farine setacciate versando lentamente i 400 ml di latte vegetale unito con l’acqua, l’olio e un pizzico di sale. Mescolate con una frusta fino a quando il composto sarà uniforme, liscio e privo di grumi.

2. Se notate che l’impasto risulta ancora “troppo denso” e asciutto aggiungete sempre lentamente anche i restanti 200 ml di latte vegetale.

3. Lasciate riposare la pastella per almeno mezz’ora in frigorifero. Se riposa di più è anche meglio.

4. Ungete una padella antiaderente per crêpes con un filo di olio, aiutandovi con un pennello in silicone e scaldatela sul fuoco.

5. Quando sarà ben calda, versateci un mestolo di pastella (che avrete rimescolato dopo il tempo di riposo in frigorifero) e con un movimento rotatorio distribuitela su tutta la superficie.

6. Cuocete per circa due minuti e appena la crêpe si staccherà dalla padella, giratela con l’aiuto di una spatola e continuate la cottura sull’altro lato fino a quando entrambi i lati si saranno dorati.

7. Fatela scivolare sul piatto e continuate così fino ad esaurimento della pastella.

8. Guarnite le crepes a vostro piacimento. Io solitamente le guarnisco nel modo più classico è goloso: nutella vegan con sopra una spolverata di zucchero a velo di canna 🤤 oppure con granella di nocciola/mandorla/pistacchio che può essere messa sia all’interno che al di sopra della crêpe.

Crêpe con nutella vegan e pistacchi
Nutella cioccolatosa dei 10 minuti Made in Home

📒 Note

Qui vi proporrò alcune varianti diverse rispetto alla classica versione dolce con la “Nutella” .

E ora veniamo ad alcune IDEE su come farcire le CRÊPES DOLCI:

Banana 🍌 e topping al cioccolato: un classico con cui non si sbaglia mai ed è sempre molto apprezzato. Tagliate una banana a fettine non troppo sottili e rivestitela con topping al cioccolato. Mix perfetto.

Gelato 🍨 alla vaniglia o cioccolato con dentro mango o fragole fresche tagliate sottili. Per finire una spolverata di zucchero di canna a velo.

Mele 🍎 e noci: fate cuocere le mele a fuoco moderato con l’olio di riso fino a  renderle morbide, ma non disfatte. Toglietele dal fuoco e uniteci lo zucchero e i gherigli delle noci.

Crema chantilly e granella di nocciole.

Gelato alla vaniglia con cioccolato fuso sopra.

IDEE FARCITURE SALATE

  • Possiamo impiegare le crêpes in versione salata come se fossero dei cannelloni, arrotolandoli con dentro una farcitura che può essere preparata con salsa di besciamella vegan con ragù di soia o setain oppure spinaci, mescolati insieme e insaporiti con PARMIGIANO DI MANDORLE 🌱VEGAN  e formaggio filante vegan.
  • Altre versioni salate ottime, sono quelle con un ripieno a base di affettati vegan come quello a base di lupino o mopur, accompagnate da verdure come, pomodoro, lattuga o olive. Si possono aggiungere insieme o singolarmente anche formaggi spalmabili di riso o paté.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

Annunci

TAGLIATELLE CON ZUCCA FUNGHI E PANNA SENZA GLUTINE

Un primo piatto autunnale semplice e gustoso che concilia la dolcezza della zucca con l’intensità dei funghi.

È adatto a chi non può assumere il glutine nella propria alimentazione. Se come me, amate la zucca che in questo periodo è di stagione, allora non vi resta che provare.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– tagliatelle di mais senza glutine

– 500 gr di zucca pulita e tagliata a cubetti

– 400 gr circa Funghi champignon surgelati o freschi

– panna vegetale di riso (per cucinare)

– 2 spicchi d’aglio piccoli

– rosmarino fresco q.b

– prezzemolo fresco q.b

– 1 dado vegetale

– sale e pepe nero q.b

– misticanza di fiori (aromi misti facoltativi)

– olio evo q.b

– PARMIGIANO DI MANDORLE 🌱VEGAN
🍴
zucca eliminando buccia e semi. Ricavatene 500gr e tagliatela a cubetti.

2. Per quanto riguarda i funghi, pulite anch’essi eliminando la parte più terrosa del gambo, sciacquateli molto velocemente sotto un getto di acqua fredda e asciugateli rapidamente in modo che non assorbano acqua. Tagliate poi i funghi a fettine sottili. Se usate quelli surgelati potete saltare questo passaggio.

3. In una padella larga o in wok, fate un soffritto con olio evo, aglio e rosmarino fresco tritati. Mescolate qualche istante, poi unite la zucca tagliata a cubetti con il dado e cuocete per circa 10 minuti con coperchio a fuoco medio, mescolando spesso. Se necessario aggiungere un filo d’acqua ma solitamente non è necessario poiché la zucca rilascia abbastanza in cottura. A questo punto aggiungete anche i funghi mescolando sempre di tanto in tanto.

4. Quando il condimento sarà morbido e cotto, aggiustatelo di sale e pepe nero e se lo desiderate aggiungete anche una spolverata di misticanza di fiori. Infine unite un po’ di panna di riso mescolando il tutto giusto un minuto.

5. Prendete le tagliatelle e cuocetele in acqua bollente per circa 12 minuti, finché non saranno al dente, e scolatele. Dopo di che versatele sulla padella e amalgamate bene tutti gli ingredienti.

6. Servite le tagliatelle con una spolverata di parmigiano di mandorle e qualche ciuffetto di prezzemolo fresco.

📒 Note

– Questo piatto è realizzabile anche in versione glutinata con delle tagliatelle di semola o di farro integrali.

– Per chi non conosce la “Misticanza di Fiori” allego qui sotto foto. Ho trovato questo mix di aromi (che poi io ho tritato nel bimby), al Naturasì e me ne sono innamorata, dona ai vostri piatti un gusto eccezionale, provare per credere. Sul tofu e le patate è qualcosa di fenomenale.

È a base di sale marino, aglio, rosa damascena, origano, basilico, aglio selvatico, rosmarino, timo, calendula, fiordaliso.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

GRANITA AL CAFFÈ ☕️ 


La granita, si proprio lei, il “dolce” freddo al cucchiaio più gustato nelle stagioni calde. Adesso siamo a settembre è vero, ma la granita qui in Sicilia (sopratutto quella al caffè) è sempre ben apprezzata anche perché qui da me l’estate continuerà ancora per un bel po’. Nella zona del messinese, la granita al caffè è una delle piu’ richieste ed è perfetta se accompagnata con della panna montata e servita con la famosa brioche con il tuppo. Dalle mie parti non ci sono bar o pasticcerie vegan quindi è quasi impossibile gustare una granita che possa essere accompagnata sia dalla panna di soia che dalla brioche vegan. Per porre rimedio a ciò vi mostrerò quanto è facile è veloce gustarsi una deliosa colazione anche anche a casa propria.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 400 gr circa caffè (lungo) della macchinetta

– 150 gr zucchero di canna integrale o di cocco
– 300 gr circa acqua minerale

– cubetti di ghiaccio q.b

– panna di soia montata

Per la brioche: BRIOCHE CON IL TUPPO SICILIANE VEGAN Vers. 2.0

🍴 Preparazione

1. Preparate il caffè, dolcificatelo e versartelo in un contenitore basso e largo. Adesso congelatelo per almeno 12h .

2. Per preparare la granita al caffè vi basterà dividere il composto congelato in pezzi e tritarli con il Bimby aggiungendo acqua e ghiaccio q.b .

3. Impostate prima velocità 8 per 15 secondi e poi altri 20 secondi a velocità 6, spatolando ogni tanto.

4. Servite la granita al caffè con della panna montata di soia e una brioche con il tuppo.

Granita al caffè ☕️🍧

📒 Note

– Per chi non possiede il bimby può tranquillamente utilizzare un frullatore potente.

– Per chi è intollerante o celiaco può sostituire la brioche con il tuppo da ricetta con un altra brioche classica da colazione senza glutine oppure se avete la fortuna (come me) di avere un laboratorio di pasticceria rigorosamente certificato gluten free chiedete se possono realizzare tale dolce in chiave vegan .

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

ALLA FIERA DEL SUD: PULCUNI O GIOCATTOLI? 

Pulcini 🐥 (di cui alcuni ammassati in scatole 📦) venduti alla Fiera di paese a Santa Teresa di Riva, paese in provincia di Messina, Sicilia
“La civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta gli animali” diceva Mahatma Gandhi; da questo concetto possono partire tante riflessioni sulla nostra civiltà, su quello che è e su come vorremmo che sia. 

C’è da dire che il modo di trattare gli animali, il rispetto e la sensibilità con cui ci si rapporta a loro, è spesso messo in secondo piano o per meglio dire così sottovalutato che non ci si prodiga nemmeno a considerare che sono anche loro esseri viventi come noi e non “oggetti” che possiamo usare o distruggere a nostro piacimento. 

Detto ciò ho deciso di scrivere qualche riga di pensiero riguardo il traffico è la vendita di animali nelle fiere di città o paese. In questione oggi ci sono degli innocenti pulcini 🐥 venduti in modo ambulante al costo di 1€ . Queste povere creature come potrete vedere dalle foto da me scattate, sono in degli scatoloni uno sopra l’altro ammassati tra loro (ad esclusione dei primi).  La sola aria che possono respirare proviene da qualche foro bucherellato degli scatoli di cartone . Per me tutto questo è semplicemente uno scempio, non ho molto da aggiungere se non la rabbia che provo nell’aver visto quest’oggi tutto ciò. In tutta questa storia lo scortese e poco educato venditore ambulante non mi ha permesso nemmeno di avvicinarmi per una carezza ai piccoli 🐣 pulcini, anzi mi ha esclusivamente esortato ad acquistarli altrimenti dovevo allontarmi. A malincuore è quello che ho dovuto fare, ma spero vivamente che quanto detto in questo articolo potrà giovare a qualcosa e che in futuro venga vietata la vendita di animali in queste fiere. 


Purtroppo non è la prima volta che vedo animali come conigli 🐰, 🦆 papere, cani 🐶, tartarughe 🐢, roditori 🐭, volatili ecc… venduti per strada (fiere o meno) senza autorizzazioni. Le condizioni di detenzione pietose degli animali esposti e venduti è un problema non regolamentato nel mio comune, probabilmente non per cattiva volontà, ma semplicemente per “invisibilità”.  

Ed è proprio a questa “invisibilità” che mi appello affinché chi di dovere, apra gli occhi e non permetta tutto ciò, o quanto meno se lo fa, che imposti delle regole ben precise da far rispettare.  

Esortare i genitori e bambini ad acquistare dei pulcini (o altri animali) come se fossero giocattoli, non mi sembra infatti educativo, poiche fa passare un unico messaggio, ovvero che è una cosa “NORMALE” tenere in condizioni di prigionia esseri viventi innocenti. 

Non ignoriamo tutto ciò che ci circonda, piuttosto riflettiamo prima di compiere qualsiasi azione soprattutto per quanto concerne l’acquisto abusivo di animali. 

NOI ABBIAMO UNA VOCE, LORO NO! Evitiamo che qualsiasi essere animale vivente soffra, finisca morto o peggio ancora nei nostri piatti 🍽. 

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

SUCCO DI ALBICOCCHE CON BANANA 🍌, PESCA 🍑, CETRIOLO 🥒 E ZENZERO

Le albicocche sono fortemente antiossidanti, stimolano la produzione di melanina (sostanza che protegge la pelle), ricche di vitamina C, betacarotene e vitamina E. Sono remineralizzanti utili in caso di spossatezza, ma non solo, favoriscono il transito intestinale grazie alle fibre contenute.

Le banane sono ricche di ricca di vitamina A, vitamina B1, vitamina B2, vitamina C, vitamina PP e, seppur in misura minore, di vitamina E, di sali minerali (calcio, fosforo, ferro e potassio) e di carboidrati; hanno proprietà nutrienti, ri-mineralizzanti e stimolanti per la pelle. Aiutano a contrastare l’anemia, prevengono osteoporosi e debolezza legata all’invecchiamento, possono prevenire malattie cardiovascolari, ai reni e agli occhi . Ottime per la perdita di peso e durante i dolori mestruali in quanto contribuiscono a facilitare l’espulsione di estrogeni.

Le pesche hanno proprietà drenanti e disintossicanti, sono dei frutti estivi ricchi di acqua, vitamine e antiossidanti.

Il cetriolo è molto ricco di acqua e, quindi, aiuta la diuresi, grazie alle sue proprietà depurative e antinfiammatorie.

Infine lo zenzero: accelera il metabolismo, riduce il senso di fame, abbassa il colesterolo, è antiemetico (aiuta in causa di nausea e vomito), cura il mal di gola, favorisce il processo digestivo e funge anche da antinfiammatorio.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– Albicocche q.b

– 1 banana 🍌

– 2 cetrioli

– 1 pesca

– 2 fette di zenzero

🍴 Preparazione

1. Lavate e mondate le albicocche (togliendo il nocciolo), i cetrioli 🥒 e la pesca 🍑. Sbucciate anche la banana 🍌.

2. Tagliate a tocchetti la frutta, i cetrioli e lo zenzero in modo tale da poter essere inseriti con facilità.

3. Azionate il vostro estrattore e a poco a poco, inserite prima la banana, seguita dalle albicocche, dalla pesca, dai cetrioli e infine aggiungete lo zenzero.

4. Non appena pronto, se desiderate, potete anche aggiungere dei cubetti di ghiaccio sul momento.

5. Il vostro succo è pronto 🍹!

📒 Note

– La banana una volta inserita nell’estrattore verrà estratta come polpa non come succo quindi ogni volta che preparate un succo che la contiene ricordatevi di inserirla per prima tra gli ingredienti in modo tale da estrarla dal beccuccio che solitamente ha la funzione di scarto.

– Se non avete i cetrioli 🥒 in casa potete aggiungere del melone 🍈 .

– Abbiate cura di lavare bene frutta, verdura, tuberi e radici poiché andranno inserite con tutta la buccia. Non si butta “niente” per realizzazione di un succo. Io di solito uso il bicarbonato, ne aggiungo un cucchiaio per litro di acqua. Lascio in immersione frutta e verdura per 15 minuti. Risciacquate sempre molto bene e, se occorre, spazzolatela – e asciugatela.

– Consiglio di preparare il succo la mattina e berlo entro fine giornata (max 13-14h) sennò perde ogni beneficio e il sapore si altera.

 

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

GRANITA ALLA CILIEGIA 🍒 🍧

Come già detto nei post precedenti la colazione per eccellenza in Sicilia, è rappresentata da lei, la GRANITA, dolce freddo al cucchiaio, tipico della mia terra.

Questa volta vi propongo la versione alla ciliegia 🍒 , dal gusto deciso ma allo stesso tempo delicato.

Come sempre la granita è accompagnata dall’immancabile “brioscia cu tuppo” (brioche col tuppo).

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– Ciliegie denocciolate (precedentemente surgelate)

– 3 cucchiai di zucchero di canna integrale o di cocco

– 200/300 gr di ghiaccio

– acqua minerale naturale ben fredda q.b

Per la brioche:

🍴Preparazione

1. Almeno una notte prima prendete le vostre ciliegie (precedentemente lavate,mondate e denocciolate ), ponetele in sacchetto da freezer delle dimensioni 18 x 24 cm e surgelate.

2. Il mattino seguente togliete la frutta almeno 15-30 minuti prima della preparazione della granita riponendola a temperatura ambiente.

3. Prepariamo la granita : Inserire lo zucchero di canna nel bimby (o in qualsiasi potente frullatore) e polverizzatelo per 30 secondi a velocità turbo.

4. Aggiungete tutti gli altri ingredienti (frutta surgelata, ghiaccio, e poca acqua fredda ) lavorando per circa 3/5 minuti partendo da velocità cinque fino a velocità turbo. Aggiungete l’acqua in base alla consistenza che vorrete ottenere, senza superare i 500 ml di acqua.

5. Servite immediatamente la vostra granita fresca magari accompagnata con un bel ciuffo di panna montata di soia, con pezzetti di frutta, scagliette di cocco o cioccolato (in base anche al gusto di base) o granella di frutta secca.


📒Note

– Tradizionalmente i passaggi 1 e 2 potrebbero essere saltati poiché la granita viene preparata con frutta fresca e tanto ghiaccio almeno 600/800 gr su 500 gr di frutta fresca. Io preferisco surgelare la frutta per questioni di comodità e per risparmiare tempo quando ho voglia di una bella granita fatta in casa, ma ovviamente se avete della bella frutta fresca di stagione sotto le mani non perdete tempo e provate anche voi a gustarvi questo gustoso e rinfrescante dolce estivo.

– Ho notato che preparare la granita con frutta surgelata, la renda molto più vellutata e non granulosa, come molti pensano che dovrebbe essere quest’ultima. Questo sì ha dal fatto che la frutta surgelata “compensa” la presenza di “poco” ghiaccio presente nella ricetta. In questo modo risulta perfettamente mantecata e delicata al palato.

– La tradizione vuole che la si gusti immancabilmente con la classica e tradizionale “brioche col tuppo” e per chi lo desidera con l’aggiunta di panna montata.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

GRANITA PESCA E ALBICOCCA 🍧

Anche quest’anno non poteva mancare lei, la regina indiscussa dell’estate qui da me in Sicilia, ovvero la GRANITA, dolce freddo al cucchiaio, tipico della mia terra.

La “granita câ brioscia cu tuppo” (granita con brioche col tuppo) è la colazione tipica, sopratutto d’estate; morbida e fresca accompagna le ore calde dalla colazione del mattino, fino al dopo cena.

Questa volta vi propongo la versione pesca e albicocca, leggera e profumata grazie alla presenza della menta fresca.

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– Pesche e albicocche (precedentemente surgelate)

– 1 cucchiao di zucchero di canna integrale o di cocco

– 200/300 gr di ghiaccio

– acqua minerale naturale ben fredda q.b

– qualche ciuffetto di menta fresca

Per la brioche: BRIOCHE CON IL TUPPO SICILIANE VEGAN Vers. 2.0

🍴 Preparazione

1. Almeno una notte prima prendete le vostre pesche e albicocche (precedentemente lavate,mondate e tagliate), ponetele in sacchetto da freezer delle dimensioni 18 x 24 cm e surgelate.

2. Il mattino seguente togliete la frutta almeno 15-30 minuti prima della preparazione della granita riponendola a temperatura ambiente.

3. Prepariamo la granita : Inserire lo zucchero di canna nel bimby (o in qualsiasi potente frullatore) e polverizzatelo per 30 secondi a velocità turbo.

4. Aggiungete tutti gli altri ingredienti (frutta surgelata, ghiaccio, menta e poca acqua fredda ) lavorando per circa 3/5 minuti partendo da velocità cinque fino a velocità turbo. Aggiungete l’acqua in base alla consistenza che vorrete ottenere, senza superare i 500 ml di acqua.

5. Servite immediatamente la vostra granita fresca magari accompagnata con un bel ciuffo di panna montata di soia, con pezzetti di frutta, scagliette di cocco o cioccolato (in base anche al gusto di base) o granella di frutta secca.

Processed with MOLDIV

📒 Note

– Tradizionalmente il passaggio 1 e 2 potrebbe essere saltato poiché la granita viene preparata con frutta fresca e tanto ghiaccio almeno 600/800 gr su 500 gr di frutta fresca. Io preferisco surgelare la frutta per questioni di comodità e per risparmiare tempo quando ho voglia di una bella granita fatta in casa, ma ovviamente se avete della bella frutta fresca di stagione sotto le mani non perdete tempo e provate anche voi a gustarvi questo gustoso e rinfrescante dolce estivo.

– Ho notato che preparare la granita con frutta surgelata, la renda molto più vellutata e non granulosa, come molti pensano che dovrebbe essere quest’ultima. Questo sì ha dal fatto che la frutta surgelata “compensa” la presenza di “poco” ghiaccio presente nella ricetta. In questo modo risulta perfettamente mantecata e delicata al palato.

– La tradizione vuole che la si gusti immancabilmente con la classica e tradizionale “brioche col tuppo” e per chi lo desidera con l’aggiunta di panna montata.