FOCACCIA 🍕 TRADIZIONALE MESSINESE CON FARINE DI GRANI ANTICHI

13932880_1098391646865408_2322299880667368884_n

Come accennato in un post passato, per la realizzazione di questa tradizionale focaccia siciliana, mi sono dovuta cimentare con un grande abile maestro del mestiere ovvero mio padre. In tutto questo, dovendo seguire la sua ricetta “famosa” e tramandata, è partita in atto una sfida, padre onnivoro contro figlia vegana …

Chi ha vinto? Beh, ovviamente l’allieva 🙋.
Ma andiamo alla ricetta 😊👇.

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

Per l’impasto:

– 100 gr farina di farro integrale

– 700 gr farina di farro bianco

– 200 gr semola di grano duro Timilia (grano antico siciliano)

– 20 gr zucchero di canna

– 60 gr olio evo

– 15 gr sale rosa

– 30 gr lievito di birra

– 588 gr acqua minerale naturale

Condimenti:

– Un cespo di scarola (invidia)

– pomodori tagliati a fette q.b

– mozzarisella (mozzarella di riso) q.b

– origano q.b

– sale rosa q.b

– pepe bianco q.b

– olio evo q.b

– coriandolo q.b (facoltativo)

– parmigiano veg di mandorle auto prodotto

🍴 Preparazione

1. Iniziamo con il disporre le farine a fontana, aggiungendo nel centro lo zucchero di canna, l’olio evo, il sale e sbriciolate all’interno il lievito di birra.

2. Lentamente aggiungere poca acqua per volta, in modo tale da sciogliere il lievito e amalgamate il tutto con una forchetta facendo attenzione a non far fuoriuscire quest’ultima.

3. Cominciare a lavorare l’impasto e appena otterrete un impasto omogeneo (deve essere appiccicoso) aggiungete la restante acqua sempre lentamente in modo tale che possa essere tutta assorbita.

4. Continuate a lavorare con le mani portando poco a poco al centro le farine restanti, finché non si è formato un impasto morbido, liscio ed elastico.

5. L’impasto deve essere molto elastico, non duro. Non preoccupatevi se risulterà leggermente appiccicoso. 13912728_1098392410198665_914682044191830496_n.jpg

6. Con le mani unte di olio, ponete il panetto d’impasto su una teglia con carta da forno oleata e lasciate lievitare in forno spento per 60/90 minuti circa.

13886887_1098392206865352_1526798347971031663_n.jpg

7. Per ottenere una focaccia non troppo alta e croccante consiglio di dividere l’impasto in tre panetti.

13938603_1098392030198703_5498367686326781098_n.jpg

8. Stendere con i polpastrelli della dita unti di olio evo l’impasto, allo spessore desiderato. Condire la base con delle fette di mozzarisella, seguite dalla scarola e dalle fette di pomodoro. Finite con l’aggiunta di aromi, olio evo, sale e spezie. Riposo per 30/45minuti.

13934616_1098391936865379_4380614327772129016_n

9. Preriscaldate il forno in modalità ventilata/statica a 220 gradi o se il vostro forno è di ultima generazione, impostatelo in modalità pizza. Cuocete per 35/45 minuti (dipende dal forno).

10. Circa 5/10 minuti prima della fase finale di cottura, estraete la teglia dal forno e disponete in superficie altre fette di mozzarisella. Rimettere in forno e completate la cottura.

13932880_1098391860198720_1440372352731527131_n.jpg

13903245_1098392126865360_7246513456012659588_n.jpg

📒 Note

– Per la mozzarella di riso se avete tempo potete anche realizzare la mia mozzarisella con latte di riso auto prodotto (ricetta nei post precedenti) oppure produrne una voi, ne esistono diverse versioni vegetali e presto ve ne mostrerò anch’io qualcun’altra 😉.

– Per il parmigiano Veg di mandorle: vi basterà tostare delle mandorle con del sale rosa, dopo aggiungere del lievito alimentare in fiocchi e tritare il tutto finemente in frullatore. Se desiderate potete lasciarlo anche più “granuloso” come ho fatto io per la focaccia.

– Se avete poco tempo e volete realizzare l’impasto della focaccia nel Bimby ecco il procedimento: Inserire nel boccale circa metà dell’acqua che ci occorrerà per la preparazione, il lievito e lo zucchero di canna e impostate 1.30 min, 37 gradi vel 3. Aggiungete le farine e andate a vel 4 per 50 secondi. Azionate la vel. spiga per 5 minuti circa e intanto versate poco per volta a più riprese la restante acqua e l’olio nell’impasto, lasciando che si assorba prima di aggiungerne altro. Poco prima dello scadere dei 5 minuti aggiungete il sale rosa. Prelevare l’Impasto dal boccale e continuare dal punto 6 in poi.

🌱The Happy Rabbit🐰

Annunci

FALAFEL DI FAVE AL FORNO

I falafel sono una pietanza mediorientale e consistono in polpette speziate e fritte a base di legumi – tra cui i più utilizzati sono ceci, fave e fagioli – 

La sua versione più antica probabilmente conteneva fave macinate, pressate in palle o dischi, e fritte. I ceci le hanno rimpiazzate quando la ricetta si è diffusa in tutta la cucina levantina. I falafel hanno origini antichissime, alcuni storici ipotizzano addirittura che venisse preparato un impasto simile già dagli antichi egizi. Oggi sono spesso venduti come street food, e normalmente si usano per farcire le pite (o piadine in rivisitazione europea) insieme a hummus, tahini, yogurt, pomodoro e melanzane grigliate. Quella che vi propongo io è una ricetta antica, passatami da una conoscente israeliana a cui ho apportato delle leggere modifiche.

Processed with MOLDIV

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti per 4 persone 📝

– 900gr di fave e piselli già cotti;

– cipolla q.b

– prezzemolo q.b

– un pizzico di cumino;

– coriandolo q.b

– curcuma q.b

– zenzero q.b

– 2 cucchiai di farina di ceci;

– 2 cucchiai di farina di riso;

– 1 pizzico di bicarbonato (facoltativo)

– semi di papavero (facoltativo)

– sale rosa q.b

– Olio evo q.b

– olio di mais o girasole q.b ( servirà per spennellare i falafel prima della cottura )

🍴 Preparazione

1. Premessa: Se avete a disposizione delle fave e piselli freschi quanto meglio, altrimenti vanno benissimo anche quelli surgelati. A questo punto vi consiglio di preparare fave e piselli qualche oretta prima in modo che possano essere ben asciutti e scolati dopo la cottura.

2. Iniziamo con il prendere una pentola o padella abbastanza capiente, in cui faremo un leggero soffritto di cipolla, seguito dall’aggiunta di fave e piselli (precedentemente sbucciati e lavati se freschi).

3. Copriamo con acqua lasciando cuocere 20/30 minuti circa, fino a cottura ultimata. Aggiustate di sale eventualmente.

4. Dopo la cottura prendete un colapasta e lasciatele scolare.

5. Nel bimby o in un frullatore abbastanza potente, versate le fave con i piselli, prezzemolo, spezie, sale e un filo di olio evo. Frullate bene il tutto.

6. Trasferite il composto in una ciotola e aggiungete i cucchiai di farina di ceci e di riso che serviranno a legare meglio il composto.

7. Formate tante palline dalle dimensioni medie e lasciatele riposare in frigo per una mezz’oretta.

8. Ricoprite una teglia con della carta da forno, distribuite i falafel e spennellateli con un po’ di olio di semi. Infornate a 180°C per 20 minuti circa.

9. Servite i falafel ben caldi, accompagnati da una bella insalata , hummus o da alcune salsine che potrete mettere in tante piccole ciotoline.

Processed with MOLDIV

 

📒 Note

– Potete realizzare i falafel anche con solo fave o altri legumi a vostro piacere, il procedimento non cambia.

– In base ai legumi a volte si possono anche omettere le farine oppure aggiungerne in piccole quantità.

– I semi di papavero sono facoltativi come già detto, se li gradite, dopo aver formato le polpettine potete cospargerli di quest’ultimi.

– Io non amo molto la frittura, ma se lo gradite potete preferirla alla cottura al forno. Suggerisco un olio di semi di arachide.

🌱The Happy Rabbit🐰

POLPETTE DI QUINOA NERA E SPINACI

Processed with Moldiv

Per la serie I love ♥ Quinoa! Io rispondo: Quinoa Nera forever :-P… Ma andiamo alla ricetta di queste golosissime polpette.

#quinoanera #zucchine #spinaci #glutenfree #ricettevegan

☛ Cosa ti serve?

Ingredienti ✍

– 100g Quinoa nera (peso a crudo)

– 25g farina di ceci

– 160g circa zucchine tagliate a cubetti e precedentemente cotte al vapore

– 170g circa spinaci precedentemente cotti al vapore

– farina di mais fioretto q.b per l’impanatura

– olio evo e sale q.b

– masala q.b

Processed with Moldiv

Preparazione

– Passare sotto l’acqua corrente la quinoa e sciacquarla più volte. In un pentolino portate a bollore dell’acqua salata e versatevi la quinoa. Cuocerla fino al raddoppio del suo volume e secondo i tempi di cottura.

– Una volta cotta, giusto il tempo che si raffreddi qualche istante per poterla usare senza scottarsi (ma mi raccomando la Quinoa deve essere ben calda per la preparazione delle polpette), la uniamo alle verdure precedentemente cotte, aggiungendo anche il masala e la farina di ceci. Aggiustate di sale e olio evo quanto basta.

– Mescolare il tutto e realizzate delle polpette che poi andrete ad passare nella farina di mais in modo tale da ottenere croccantezza una volta cotte.

– Fate riposare le polpette il più possibile in frigo in modo tale che si compattino (io consiglio di prepararle la sera prima per il giorno dopo).

– Cuocere le polpette in padella con poco di olio di mais oppure in forno a 180 gradi per 20 minuti circa.

📒 Note

– Potete usare anche la quinoa bianca o qualsiasi altra varietà di quinoa, io ho usato quella nera perché trovo che sia la migliore a livello di cottura e anche di gusto;

– Come già detto prima, è importante che la quinoa sia ben calda per la preparazione delle polpette poiché aiuterà a legare meglio gli ingredienti;

– Potete sostituire le zucchine con qualsiasi altra verdura di stagione e di vostro piacimento. Un piccolo consiglio è quello di tagliare le verdure, nel nostro caso le zucchine, a cubetti piccoli, anche questo aiuterà a legare meglio le polpette;

– Se preferite potete anche omettere di usare la farina di mais per la panatura, sono golose comunque… Garantito ✌

– Con questo impasto potete anche realizzare dei burger di quinoa invece delle polpette (100/150g il peso medio per un burger).

Processed with Moldiv

🌱The Happy Rabbit🐰