GRANO SARACENO CON ZUCCA 🎃 HOKKAIDO, CAVOLO VIOLA E CECI

Non tutti la conoscono e usano ma la zucca Hokkaido si è diffusa inizialmente in Giappone 🇯🇵 dove tuttora rappresenta uno degli alimenti base. È una varietà d’eccellenza che vale la pena provare. Il suo sapore è semi dolce, molto delicato e si adatta bene ad ogni tipo di preparazione specialmente nei dolci. In questa ricetta ho deciso di abbinarla al cavolo viola e ceci, un unione al dir poco fantastica.

👉🏻 Cosa ti serve?
Ingredienti 📝
– 55 gr di grano saraceno

– 1 cavolo viola piccolo

– Zucca Hokkaido (o altra zucca ) q.b.

– ceci (cotti)

– cipolla q.b.

– curcuma e zenzero q.b

– sale rosa e olio evo q.b

– olio di lino q.b

– “parmigiano” di mandorle auto prodotto

🍴 Preparazione

1. Mondate, lavate e tagliate a finemente il cavolo viola. Stesso procedimento per la zucca che invece andrà tagliata a cubetti.

2. In due padelle differenti facciamo cuocere per 15 minuti circa per primo il cavolo viola che verrà saltato in padella con un soffritto di cipolla. Nella seconda andremo a cuocere a vapore la zucca accompagnata da uno spicchio d’aglio. A fine cottura inserite le spezie, il sale rosa e l’olio evo.

3. Cuocere il grano saraceno in acqua salata per 16 minuti.

4. In una terrina unire tutti gli ingredienti precedentemente preparati, ovvero: il cavolo, la zucca , il grano saraceno, i ceci (nel mio caso precedentemente preparati nella pentola a pressione con un brodo di verdure fatto da me), e l’olio di lino. Mescolate il tutto.

5. Servite con una bella spolverata di “parmigiano” di mandorle che esalterà il tutto.


📒 Note

– Potete usare qualsiasi altro cereale senza glutine o no (per i non celiaci)

– Per il “parmigiano” Vegan di mandorle: vi basterà tostare delle mandorle con del sale rosa, dopo aggiungere del lievito alimentare in fiocchi e tritare il tutto finemente in frullatore.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

PEPERONI RIPIENI ALLA SICILIANA

13906792_1100501029987803_8607474531162660257_n

Un altro piatto della tradizione siciliana sono: i peperoni ripieni, che dalle mie parti chiamiamo ‘Pipi Chini’. Una ricetta ricca di sapore, che amo preparare in estate con i peperoni piccoli e tondi. All’interno c’è un ripieno saporito di pan grattato, capperi di Pantelleria (oppure olive nere), prezzemolo, parmigiano veg di mandorle, qualche pezzetto di pomodoro fresco unito a della salsa per dare umidità, e un po’ di erba cipollina. Per finire io aggiungo sempre della mozzarella di riso.
Buoni tiepidi ma anche freddi, sono eccezionali specialmente se mangiati il giorno dopo la preparazione.

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 10 peperoni piccoli e tondi

– pan grattato di mais senza glutine q.b

– pan grattato di riso senza glutine q.b

– 60 gr parmigiano Veg di mandorle

– mozzarella di riso q.b

– due pomodori

– salsa di pomodoro q.b

– una manciata di capperi di Pantelleria o olive nere (facoltativi)

– prezzemolo q.b

– qualche filo di erba cipollina

– curcuma e coriandolo q.b

– sale rosa ed olio evo q.b

🍴 Preparazione

1. Lavare i peperoni piccoli, togliere la parte superiore ( il cosiddetto ‘cappello’) e metterla da parte, quindi svuotateli con cura dai semi.

13921038_1100501093321130_5251970299142190540_n

2. Ungere sia esternamente che internamente i peperoni, compresi i “cappelli” con un po’ di olio evo e salarli leggermente. Preriscaldare il forno a 200° in modalità statico – ventilata.

3. Passiamo al ripieno: In una ciotola mescoliamo i due tipi di pan grattato senza glutine, il prezzemolo, l’erba cipollina e i capperi tritati finemente (oppure le olive nere), unite anche il parmigiano veg di mandorle, un pizzico di sale rosa, le spezie, il pomodoro privato della buccia (tagliato a cubetti piccoli), e qualche cucchiaio di salsa di pomodoro. Aggiungere quindi al composto tanto olio quanto basta a inumidire il tutto senza renderlo ‘troppo umido’ poiché deve risultare un composto sgranato ma soffice.

4. Alla base di ogni peperone mettete dei cubetti di mozzarella di riso, seguite con la farcia preparata in precedenza e finite aggiungendo altri cubetti di mozzarella vegetale. ‘Chiudete’ coprendo con le calottine tagliate all’inizio.

5. Rivestite la teglia con la carta forno unta d’olio, e ponete i peperoni, spolverateli con parmigiano di mandorle.

6. Irrorateli con abbondante olio extravergine d’oliva, comprimendoli bene affinché non si secchino troppo durante la fase di cottura.

7. Cuocete a 190° per circa 45 minuti.

8. Serviteli tiepidi, ma il mio consiglio è di gustarli ben freddi 😋 magari accompagnati da un buon bicchiere di vino rosso.

13882591_1100501109987795_7456597555736780173_n

📒 Note

– Per il parmigiano Veg di mandorle: vi basterà tostare delle mandorle con del sale rosa, dopo aggiungere del lievito alimentare in fiocchi e tritare il tutto finemente in frullatore.

– Potete realizzare questa ricetta anche con del pangrattato integrale classico.

– Per la mozzarella di riso se avete tempo potete anche realizzare la mia mozzarisella con latte di riso auto prodotto (ricetta nei post precedenti) oppure produrne una voi, ne esistono diverse versioni vegetali e presto ve ne mostrerò anch’io qualcun’altra 😉.

🌱The Happy Rabbit🐰

 

INSALATA ESTIVA CON FAGIOLI NERI, CECI, FARRO E RADICCHIO

2016-06-07 13.49.51-2.jpg

Avete mai provato i fagioli neri? Se non l’avete mai fatto, ve li consiglio, sono ottimi, leggeri e proteici. L’estate è ormai presente, così come la voglia di cibi leggeri e freschi e veloci da preparare, quindi perché non provare a combinare una buona insalata, semplice gustosa e completa dal punto di vista nutrizionale. Come cereale io ho usato il farro ma potete tranquillamente sostituirlo con dell’ottimo grano saraceno o quinoa per una versione gluten free. Altro ingrediente “segreto” qui presente, è l’olio di sesamo, ricco di sali minerali, calcio, vitamina A, E e vitamine del gruppo B.

Ma andiamo alla ricetta 😉 👇.

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 60 gr circa di farro (o altro cereale senza glutine)

– fagioli neri già cotti q.b

– ceci già cotti q.b

– radicchio tagliato a julienne q.b

– olio di sesamo q.b

– olio evo q.b

– mix di semi tritati ( zucca, lino, sesamo, girasole)

– gomasio q.b (facoltativo)

🍴 Preparazione

1. Cuocere il farro in acqua salata per circa 15 minuti.

2. In una terrina unire tutti gli ingredienti precedentemente preparati, ovvero: i legumi, il radicchio, il farro, gli oli e il gomasio. Mescolate il tutto.

3. Servire l’insalata tiepida o fredda, a seconda dei vostri gusti, accompagnata da una spolverata di seno misti.

4. Il piatto è pronto, non vi resta che gustarvelo. Buon appetito amici 😉😋.

📒 Note

– Come accennato prima potere sostituire tranquillamente il farro con altri cereali senza glutine, come dell’ottimo grano saraceno o quinoa per una versione gluten free.

– I legumi (fagioli neri e ceci) sono tutti biologici e sono stati cotti precedentemente in pentola a pressione con un dado di verdure fatto da me nel bimby, con aggiunta di alga kombu, alloro (che facilitano la digestione e diminuiscono i tempi di cottura) e spezie a fine cottura; Se avete poco tempo potete usare tranquillamente anche dei legumi bio già cotti che troverete facilmente in delle boccette di vetro in qualsiasi negozio bio o supermercato.

🌱The Happy Rabbit🐰

RISO ALLA CANTONESE VEGAN 🍚 🇨🇳

Dopo un breve periodo di assenza, eccomi 🙋 🏻💪🏻, tornata a fare ciò che amo, ovvero cucinare e scrivere ✍🏻sul blog, condividendo con voi, le mie realizzazioni e soddisfazioni. Quella che sto per proporvi, è una ricetta appartenente alla tradizione cinese, molto semplice e quasi senza glutine (ad eccezione di un ingrediente che potrete sostituire con molta facilità).

Vi sto parlando del Riso alla Cantonese, tipico piatto tradizionale cinese della regione di Canton. La ricetta originale prevedeva tra gli ingredienti il riso a grana lunga (tipo basmati) lessato e saltato insieme ai piselli e ad altri ingredienti di origine animale; ovviamente io vi propongo la mia versione Vegan. Quand’ero onnivora, preparavo spesso questa ricetta per me e la mia famiglia, ma vi assicuro che la versione vegana è nettamente migliore in termini di sapore, non ha eguali, infatti è stata molto gradita da tutti.

Ma eccovi la ricetta 👇🏻.

Processed with MOLDIV

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti (per 5 persone) 📝

– 380 gr di Riso basmati

– 400 gr circa di Piselli

– 1 panetto di tofu affumicato ( o classico che potrete aromatizzate voi per la versione gluten free)

– 200 gr farina di ceci ( per la farifrittata)

– Olio di semi di Sesamo

– Olio di semi di arachide

– Sale rosa q.b.

– Tamari (facoltativo)

🍴 Preparazione

La cottura del riso basmati:

1. Mettete il riso nel cestello del bimby o in uno scolapasta e inseritelo a sua volta in una bacinella.

2. Ricopritelo di acqua fredda e mescolate i chicchi con le mani fino a rendere l’acqua bianca. Alzate lo scolapasta, buttate l’acqua “sporca”, lavando ancora finché l’acqua non diventa completamente limpida. Questo procedimento servirà a far perdere l’amido del riso, rendendo a fine cottura i chicchi ben sgranati.

3. Se usate il bimby per la cottura, trasferitelo subito nel boccale, e impostate per 14 minuti circa, 100° , vel 1, modalità antiorario. Se invece volete procedere con la cottura in pentola classica, lasciate il riso in acqua fredda per altri venti/trenta minuti.

4. Successivamente procedete normalmente con la cottura (niente sale) che durerà circa 10 minuti dall’ebollizione (non dovrebbe essere necessario scolare il riso).

5. Quando il riso sarà cotto, versatelo in un recipiente e conditelo con due/tre cucchiai di olio di semi di sesamo e lasciate raffreddare.

Il condimento:

1. Sbollentate i piselli in acqua salata quindi scolateli molto al dente e tenete da parte.

2. Prepariamo la Farifrittata, versando la farina di ceci, il sale rosa, la curcuma o il Masala, in una ciotola. Aggiungiamo circa 400/450 ml di acqua sbattendo il tutto con un frustino. Regolatevi voi riguardo la consistenza (varia a volte in base alla marca di farina utilizzata) che non deve essere né troppo liquida né troppo densa. Se volete potete fare riposare l’impasto una mezz’oretta in frigo altrimenti se come me avete poco tempo, potete procedere direttamente con la cottura in padella antiaderente ben calda a cui avremo aggiunto precedentemente un filo d’olio di semi. A questo punto versate il composto e lasciate cuocere a fiamma bassa per 15 minuti circa. Una volta cotta, stracciate la Farifrittata come a “strapazzarla”.

2016-04-07 13.14.28-2.jpg

3. Tagliate a cubetti il tofu affumicato e tenete anch’esso da parte ( se volete potete passarlo in padella due minuti prima di aggiungerlo al resto degli ingredienti).

Processed with MOLDIV

4. Adesso che tutti i nostri ingredienti sono pronti passiamo alla fase finale della ricetta : Nel wok, versate due cucchiai colmi di olio di semi di arachidi, fatelo scaldare bene, quindi aggiungete il riso che dovrà “friggere” e sfrigolare (la ricetta originale si chiama Riso fritto alla cantonese). Il sale va aggiunto a questo punto.

5. Saltatelo per un paio di minuti e quando alcuni chicchi di riso cominceranno ad essere abbrustoliti e a scurirsi, unite il resto degli ingredienti precedentemente preparati , ovvero piselli, Farifrittata “strapazzata” e tofu affumicato.

6. Cuocete a fuoco medio/alto finché avranno i segni della rosolatura.

7. Il nostro riso alla cantonese è pronto per essere gustato. Potete accompagnarlo con del tamari, come già detto è facoltativo. Ci sono molte versioni di questo piatto, in molte si usa la salsa di soia in altre no. Personalmente preferisco il tamari come salsa, anche perché è senza glutine ed è più saporita.

📒 Note

– Questa ricetta può sembrare elaborata ma non lo è affatto. Se avete poco tempo vi consiglio di preparare tutti gli ingredienti in anticipo, specialmente il riso 4/5 ore prima almeno, deve essere ben freddo.

– Gli oli di semi di sesamo e di arachide sono importantissimi perché doneranno al riso un gusto aromatico e tostato più accentuato, che difficilmente dimenticherete.

– Potete sostituire il tofu affumicato con quello classico (per la versione gluten free) marinandolo con quello che più vi piace.

– Per quanto riguarda il tamari: la ricetta originale non lo prevede assolutamente come del resto anche la salsa di soia. Il gusto tipico del piatto deriva dall’olio di sesamo nonché dal tipo di riso che ha un sapore aromatico. D’altro canto, esistono molte versioni di questo piatto, in cui si usa la salsa di soia, ma come già detto io preferisco e vi consiglio di gran lunga il tamari 😊.

– L’olio di sesamo va aggiunto sempre a crudo.

– Potete preparare questa ricetta anche la sera prima e portarla a lavoro per il pranzo in ufficio magari mettendola in un simpatico lunchbox (porta pranzo), online se ne trovano davvero di carini :-).

🌱The Happy Rabbit🐰

POLPETTE DI QUINOA NERA E SPINACI

Processed with Moldiv

Per la serie I love ♥ Quinoa! Io rispondo: Quinoa Nera forever :-P… Ma andiamo alla ricetta di queste golosissime polpette.

#quinoanera #zucchine #spinaci #glutenfree #ricettevegan

☛ Cosa ti serve?

Ingredienti ✍

– 100g Quinoa nera (peso a crudo)

– 25g farina di ceci

– 160g circa zucchine tagliate a cubetti e precedentemente cotte al vapore

– 170g circa spinaci precedentemente cotti al vapore

– farina di mais fioretto q.b per l’impanatura

– olio evo e sale q.b

– masala q.b

Processed with Moldiv

Preparazione

– Passare sotto l’acqua corrente la quinoa e sciacquarla più volte. In un pentolino portate a bollore dell’acqua salata e versatevi la quinoa. Cuocerla fino al raddoppio del suo volume e secondo i tempi di cottura.

– Una volta cotta, giusto il tempo che si raffreddi qualche istante per poterla usare senza scottarsi (ma mi raccomando la Quinoa deve essere ben calda per la preparazione delle polpette), la uniamo alle verdure precedentemente cotte, aggiungendo anche il masala e la farina di ceci. Aggiustate di sale e olio evo quanto basta.

– Mescolare il tutto e realizzate delle polpette che poi andrete ad passare nella farina di mais in modo tale da ottenere croccantezza una volta cotte.

– Fate riposare le polpette il più possibile in frigo in modo tale che si compattino (io consiglio di prepararle la sera prima per il giorno dopo).

– Cuocere le polpette in padella con poco di olio di mais oppure in forno a 180 gradi per 20 minuti circa.

📒 Note

– Potete usare anche la quinoa bianca o qualsiasi altra varietà di quinoa, io ho usato quella nera perché trovo che sia la migliore a livello di cottura e anche di gusto;

– Come già detto prima, è importante che la quinoa sia ben calda per la preparazione delle polpette poiché aiuterà a legare meglio gli ingredienti;

– Potete sostituire le zucchine con qualsiasi altra verdura di stagione e di vostro piacimento. Un piccolo consiglio è quello di tagliare le verdure, nel nostro caso le zucchine, a cubetti piccoli, anche questo aiuterà a legare meglio le polpette;

– Se preferite potete anche omettere di usare la farina di mais per la panatura, sono golose comunque… Garantito ✌

– Con questo impasto potete anche realizzare dei burger di quinoa invece delle polpette (100/150g il peso medio per un burger).

Processed with Moldiv

🌱The Happy Rabbit🐰