CRÊPES VEGAN

Le crêpes sono una pietanza molto versatile, possono essere infatti gustate dolci o come pietanza salata, a seconda dei vostri gusti. Ecco quindi la ricetta base delle crêpes con varie idee sia dolci che salate, per farcirle in modo diverso e originale, senza l’utilizzo di ingredienti di origine animale.

05FAC239-D7C7-4574-A2C0-C2E57F3AAEDA.jpeg
Crêpe con Nutella spolverata con zucchero a velo di canna

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 200 gr farina di farro integrale

– 200 gr farina di Maiorca

– 400 gr latte di soia alla vaniglia

– 18 gr olio di semi di girasole

– 140 gr acqua minerale

– un pizzico di sale

– 200 gr altro latte vegetale di soia alla vaniglia (secondo necessità)

Per la farcitura dolce con “Nutella”:

– NUTELLA CIOCCOLATOSA 🍫 DEI 10 MINUTI

– NUTELLA FONDENTE VEGAN versione 2.0

🍴 Preparazione

1. In una terrina mettete le farine setacciate versando lentamente i 400 ml di latte vegetale unito con l’acqua, l’olio e un pizzico di sale. Mescolate con una frusta fino a quando il composto sarà uniforme, liscio e privo di grumi.

2. Se notate che l’impasto risulta ancora “troppo denso” e asciutto aggiungete sempre lentamente anche i restanti 200 ml di latte vegetale.

3. Lasciate riposare la pastella per almeno mezz’ora in frigorifero. Se riposa di più è anche meglio.

4. Ungete una padella antiaderente per crêpes con un filo di olio, aiutandovi con un pennello in silicone e scaldatela sul fuoco.

5. Quando sarà ben calda, versateci un mestolo di pastella (che avrete rimescolato dopo il tempo di riposo in frigorifero) e con un movimento rotatorio distribuitela su tutta la superficie.

6. Cuocete per circa due minuti e appena la crêpe si staccherà dalla padella, giratela con l’aiuto di una spatola e continuate la cottura sull’altro lato fino a quando entrambi i lati si saranno dorati.

7. Fatela scivolare sul piatto e continuate così fino ad esaurimento della pastella.

8. Guarnite le crepes a vostro piacimento. Io solitamente le guarnisco nel modo più classico è goloso: nutella vegan con sopra una spolverata di zucchero a velo di canna 🤤 oppure con granella di nocciola/mandorla/pistacchio che può essere messa sia all’interno che al di sopra della crêpe.

Crêpe con nutella vegan e pistacchi
Nutella cioccolatosa dei 10 minuti Made in Home

📒 Note

Qui vi proporrò alcune varianti diverse rispetto alla classica versione dolce con la “Nutella” .

E ora veniamo ad alcune IDEE su come farcire le CRÊPES DOLCI:

Banana 🍌 e topping al cioccolato: un classico con cui non si sbaglia mai ed è sempre molto apprezzato. Tagliate una banana a fettine non troppo sottili e rivestitela con topping al cioccolato. Mix perfetto.

Gelato 🍨 alla vaniglia o cioccolato con dentro mango o fragole fresche tagliate sottili. Per finire una spolverata di zucchero di canna a velo.

Mele 🍎 e noci: fate cuocere le mele a fuoco moderato con l’olio di riso fino a  renderle morbide, ma non disfatte. Toglietele dal fuoco e uniteci lo zucchero e i gherigli delle noci.

Crema chantilly e granella di nocciole.

Gelato alla vaniglia con cioccolato fuso sopra.

IDEE FARCITURE SALATE

  • Possiamo impiegare le crêpes in versione salata come se fossero dei cannelloni, arrotolandoli con dentro una farcitura che può essere preparata con salsa di besciamella vegan con ragù di soia o setain oppure spinaci, mescolati insieme e insaporiti con PARMIGIANO DI MANDORLE 🌱VEGAN  e formaggio filante vegan.
  • Altre versioni salate ottime, sono quelle con un ripieno a base di affettati vegan come quello a base di lupino o mopur, accompagnate da verdure come, pomodoro, lattuga o olive. Si possono aggiungere insieme o singolarmente anche formaggi spalmabili di riso o paté.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

Annunci

TAGLIATELLE CON ZUCCA FUNGHI E PANNA SENZA GLUTINE

Un primo piatto autunnale semplice e gustoso che concilia la dolcezza della zucca con l’intensità dei funghi.

È adatto a chi non può assumere il glutine nella propria alimentazione. Se come me, amate la zucca che in questo periodo è di stagione, allora non vi resta che provare.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– tagliatelle di mais senza glutine

– 500 gr di zucca pulita e tagliata a cubetti

– 400 gr circa Funghi champignon surgelati o freschi

– panna vegetale di riso (per cucinare)

– 2 spicchi d’aglio piccoli

– rosmarino fresco q.b

– prezzemolo fresco q.b

– 1 dado vegetale

– sale e pepe nero q.b

– misticanza di fiori (aromi misti facoltativi)

– olio evo q.b

– PARMIGIANO DI MANDORLE 🌱VEGAN
🍴
zucca eliminando buccia e semi. Ricavatene 500gr e tagliatela a cubetti.

2. Per quanto riguarda i funghi, pulite anch’essi eliminando la parte più terrosa del gambo, sciacquateli molto velocemente sotto un getto di acqua fredda e asciugateli rapidamente in modo che non assorbano acqua. Tagliate poi i funghi a fettine sottili. Se usate quelli surgelati potete saltare questo passaggio.

3. In una padella larga o in wok, fate un soffritto con olio evo, aglio e rosmarino fresco tritati. Mescolate qualche istante, poi unite la zucca tagliata a cubetti con il dado e cuocete per circa 10 minuti con coperchio a fuoco medio, mescolando spesso. Se necessario aggiungere un filo d’acqua ma solitamente non è necessario poiché la zucca rilascia abbastanza in cottura. A questo punto aggiungete anche i funghi mescolando sempre di tanto in tanto.

4. Quando il condimento sarà morbido e cotto, aggiustatelo di sale e pepe nero e se lo desiderate aggiungete anche una spolverata di misticanza di fiori. Infine unite un po’ di panna di riso mescolando il tutto giusto un minuto.

5. Prendete le tagliatelle e cuocetele in acqua bollente per circa 12 minuti, finché non saranno al dente, e scolatele. Dopo di che versatele sulla padella e amalgamate bene tutti gli ingredienti.

6. Servite le tagliatelle con una spolverata di parmigiano di mandorle e qualche ciuffetto di prezzemolo fresco.

📒 Note

– Questo piatto è realizzabile anche in versione glutinata con delle tagliatelle di semola o di farro integrali.

– Per chi non conosce la “Misticanza di Fiori” allego qui sotto foto. Ho trovato questo mix di aromi (che poi io ho tritato nel bimby), al Naturasì e me ne sono innamorata, dona ai vostri piatti un gusto eccezionale, provare per credere. Sul tofu e le patate è qualcosa di fenomenale.

È a base di sale marino, aglio, rosa damascena, origano, basilico, aglio selvatico, rosmarino, timo, calendula, fiordaliso.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

LASAGNE CON RAGÙ DI LENTICCHIE

Processed with MOLDIV

Una variante diversa, ma allo stesso tempo deliziosa 😋 delle classiche lasagne ma in versione senza glutine. Andiamo alla ricetta 👇🏻.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– RAGÙ DI LENTICCHIE 🍝

– lasagne in sfoglia senza glutine e vegan

– mozzarisella

– parmigiano Vegan di mandorle

– un filo d’olio evo

Ingredienti 📝per la Besciamella

– 100 gr Olio evo

– 100 gr Mix Farina S.G (per pane e pasta), farina di riso oppure amido di mais

– 1 pizzico sale rosa

– noce moscata da grattugiare q.b.

– 1 l di latte di sorgo o di soia al naturale (senza zuccheri)

Procedimento Besciamelle

1. Mettere l’olio evo in un tegame e farlo riscaldare a fuoco lento. Quando è completamente caldo togliere il tegame dal fuoco e aggiungere lentamente la farina S.G o la maizena, meglio se setacciata per evitare grumi.

2. Aggiungere anche un bel pizzico di sale rosa e la noce moscata grattugiata.

3. Mescolare bene per far sciogliere il tutto e quando il composto è ben amalgamato rimettere il tegame sul fuoco e far cuocere per un paio di minuti, sempre mescolando.

4. Aggiungere quindi il latte di sorgo (precedentemente riscaldato) a filo, continuando a mescolare.

5. Far cuocere per circa 10 minuti a fuoco basso, mescolando sempre, fino a che la besciamella non si addensa e otterrete la consistenza che più si desiderate.

🍴 Preparazione LASAGNE

1. Scottare in acqua salata le sfoglie di pasta e disporle delicatamente su una tovaglia pulita per farle asciugare, in modo tale che non si attacchino tra loro.

2. Preparare il ragù di lenticchie secondo ricetta.

3. Preparare la salsa besciamella per ultima.

4. Prendere una pirofila e “sporcarla” con qualche cucchiaio di ragù di lenticchie e di besciamella; disporre uno strato di pasta, mettere qualche cucchiaio di ragù, qualche cucchiaio di besciamella, aggiungere la mozzarisella tagliata a cubetti e spolverare con il parmigiano di mandorle. Procedere allo stesso modo fino alla fine degli ingredienti terminando con il sugo, un poco di besciamella, la mozzarisella e il formaggio di mandorle.

5. Mettere in forno preriscaldato a 200° per circa mezz’ora; appena pronte farle riposare a forno spento per una decina di minuti quindi servirle subito in tavola.

📒 Note

Per chi NON è Celiaco o Intollerante al glutine: potete usare qualunque tipo di lasagna in sfoglia (purché non contenga uova). Io suggerisco quelle di semola o di farro. Per quanto riguarda il latte vegetale usato per la besciamella vi consiglio quello d’avena, rende benissimo per la preparazione di questa salsa e sinceramente lo preferisco al latte di soia. Per la farina usata nella besciamella andrà bene qualsiasi tipo, io prediligo quella semi integrale o di farro.

– Per chi possiede il bimby potete preparare la besciamella seguendo questa modalità: Inserite tutti gli ingredienti nel boccale. 12 Min. 90° Vel. 4.

– Per il parmigiano Vegan di mandorle: vi basterà tostare delle mandorle con del sale rosa, dopo aggiungere del lievito alimentare in fiocchi e tritare il tutto finemente in frullatore o nel bimby.

– Per la mozzarella di riso se avete tempo potete anche realizzare la mia MOZZARISELLA CON LATTE DI RISO AUTO PRODOTTO VERSIONE 2.0 oppure produrne una voi, ne esistono diverse versioni vegetali e presto ve ne mostrerò anch’io qualcun’altra 😉.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

GRANO SARACENO CON ZUCCA 🎃 HOKKAIDO, CAVOLO VIOLA E CECI

Non tutti la conoscono e usano ma la zucca Hokkaido si è diffusa inizialmente in Giappone 🇯🇵 dove tuttora rappresenta uno degli alimenti base. È una varietà d’eccellenza che vale la pena provare. Il suo sapore è semi dolce, molto delicato e si adatta bene ad ogni tipo di preparazione specialmente nei dolci. In questa ricetta ho deciso di abbinarla al cavolo viola e ceci, un unione al dir poco fantastica.

👉🏻 Cosa ti serve?
Ingredienti 📝
– 55 gr di grano saraceno

– 1 cavolo viola piccolo

– Zucca Hokkaido (o altra zucca ) q.b.

– ceci (cotti)

– cipolla q.b.

– curcuma e zenzero q.b

– sale rosa e olio evo q.b

– olio di lino q.b

– “parmigiano” di mandorle auto prodotto

🍴 Preparazione

1. Mondate, lavate e tagliate a finemente il cavolo viola. Stesso procedimento per la zucca che invece andrà tagliata a cubetti.

2. In due padelle differenti facciamo cuocere per 15 minuti circa per primo il cavolo viola che verrà saltato in padella con un soffritto di cipolla. Nella seconda andremo a cuocere a vapore la zucca accompagnata da uno spicchio d’aglio. A fine cottura inserite le spezie, il sale rosa e l’olio evo.

3. Cuocere il grano saraceno in acqua salata per 16 minuti.

4. In una terrina unire tutti gli ingredienti precedentemente preparati, ovvero: il cavolo, la zucca , il grano saraceno, i ceci (nel mio caso precedentemente preparati nella pentola a pressione con un brodo di verdure fatto da me), e l’olio di lino. Mescolate il tutto.

5. Servite con una bella spolverata di “parmigiano” di mandorle che esalterà il tutto.


📒 Note

– Potete usare qualsiasi altro cereale senza glutine o no (per i non celiaci)

– Per il “parmigiano” Vegan di mandorle: vi basterà tostare delle mandorle con del sale rosa, dopo aggiungere del lievito alimentare in fiocchi e tritare il tutto finemente in frullatore.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

INSALATA ESTIVA CON FAGIOLI NERI, CECI, FARRO E RADICCHIO

2016-06-07 13.49.51-2.jpg

Avete mai provato i fagioli neri? Se non l’avete mai fatto, ve li consiglio, sono ottimi, leggeri e proteici. L’estate è ormai presente, così come la voglia di cibi leggeri e freschi e veloci da preparare, quindi perché non provare a combinare una buona insalata, semplice gustosa e completa dal punto di vista nutrizionale. Come cereale io ho usato il farro ma potete tranquillamente sostituirlo con dell’ottimo grano saraceno o quinoa per una versione gluten free. Altro ingrediente “segreto” qui presente, è l’olio di sesamo, ricco di sali minerali, calcio, vitamina A, E e vitamine del gruppo B.

Ma andiamo alla ricetta 😉 👇.

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 60 gr circa di farro (o altro cereale senza glutine)

– fagioli neri già cotti q.b

– ceci già cotti q.b

– radicchio tagliato a julienne q.b

– olio di sesamo q.b

– olio evo q.b

– mix di semi tritati ( zucca, lino, sesamo, girasole)

– gomasio q.b (facoltativo)

🍴 Preparazione

1. Cuocere il farro in acqua salata per circa 15 minuti.

2. In una terrina unire tutti gli ingredienti precedentemente preparati, ovvero: i legumi, il radicchio, il farro, gli oli e il gomasio. Mescolate il tutto.

3. Servire l’insalata tiepida o fredda, a seconda dei vostri gusti, accompagnata da una spolverata di seno misti.

4. Il piatto è pronto, non vi resta che gustarvelo. Buon appetito amici 😉😋.

📒 Note

– Come accennato prima potere sostituire tranquillamente il farro con altri cereali senza glutine, come dell’ottimo grano saraceno o quinoa per una versione gluten free.

– I legumi (fagioli neri e ceci) sono tutti biologici e sono stati cotti precedentemente in pentola a pressione con un dado di verdure fatto da me nel bimby, con aggiunta di alga kombu, alloro (che facilitano la digestione e diminuiscono i tempi di cottura) e spezie a fine cottura; Se avete poco tempo potete usare tranquillamente anche dei legumi bio già cotti che troverete facilmente in delle boccette di vetro in qualsiasi negozio bio o supermercato.

🌱The Happy Rabbit🐰

RISO ALLA CANTONESE VEGAN 🍚 🇨🇳

Dopo un breve periodo di assenza, eccomi 🙋 🏻💪🏻, tornata a fare ciò che amo, ovvero cucinare e scrivere ✍🏻sul blog, condividendo con voi, le mie realizzazioni e soddisfazioni. Quella che sto per proporvi, è una ricetta appartenente alla tradizione cinese, molto semplice e quasi senza glutine (ad eccezione di un ingrediente che potrete sostituire con molta facilità).

Vi sto parlando del Riso alla Cantonese, tipico piatto tradizionale cinese della regione di Canton. La ricetta originale prevedeva tra gli ingredienti il riso a grana lunga (tipo basmati) lessato e saltato insieme ai piselli e ad altri ingredienti di origine animale; ovviamente io vi propongo la mia versione Vegan. Quand’ero onnivora, preparavo spesso questa ricetta per me e la mia famiglia, ma vi assicuro che la versione vegana è nettamente migliore in termini di sapore, non ha eguali, infatti è stata molto gradita da tutti.

Ma eccovi la ricetta 👇🏻.

Processed with MOLDIV

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti (per 5 persone) 📝

– 380 gr di Riso basmati

– 400 gr circa di Piselli

– 1 panetto di tofu affumicato ( o classico che potrete aromatizzate voi per la versione gluten free)

– 200 gr farina di ceci ( per la farifrittata)

– Olio di semi di Sesamo

– Olio di semi di arachide

– Sale rosa q.b.

– Tamari (facoltativo)

🍴 Preparazione

La cottura del riso basmati:

1. Mettete il riso nel cestello del bimby o in uno scolapasta e inseritelo a sua volta in una bacinella.

2. Ricopritelo di acqua fredda e mescolate i chicchi con le mani fino a rendere l’acqua bianca. Alzate lo scolapasta, buttate l’acqua “sporca”, lavando ancora finché l’acqua non diventa completamente limpida. Questo procedimento servirà a far perdere l’amido del riso, rendendo a fine cottura i chicchi ben sgranati.

3. Se usate il bimby per la cottura, trasferitelo subito nel boccale, e impostate per 14 minuti circa, 100° , vel 1, modalità antiorario. Se invece volete procedere con la cottura in pentola classica, lasciate il riso in acqua fredda per altri venti/trenta minuti.

4. Successivamente procedete normalmente con la cottura (niente sale) che durerà circa 10 minuti dall’ebollizione (non dovrebbe essere necessario scolare il riso).

5. Quando il riso sarà cotto, versatelo in un recipiente e conditelo con due/tre cucchiai di olio di semi di sesamo e lasciate raffreddare.

Il condimento:

1. Sbollentate i piselli in acqua salata quindi scolateli molto al dente e tenete da parte.

2. Prepariamo la Farifrittata, versando la farina di ceci, il sale rosa, la curcuma o il Masala, in una ciotola. Aggiungiamo circa 400/450 ml di acqua sbattendo il tutto con un frustino. Regolatevi voi riguardo la consistenza (varia a volte in base alla marca di farina utilizzata) che non deve essere né troppo liquida né troppo densa. Se volete potete fare riposare l’impasto una mezz’oretta in frigo altrimenti se come me avete poco tempo, potete procedere direttamente con la cottura in padella antiaderente ben calda a cui avremo aggiunto precedentemente un filo d’olio di semi. A questo punto versate il composto e lasciate cuocere a fiamma bassa per 15 minuti circa. Una volta cotta, stracciate la Farifrittata come a “strapazzarla”.

2016-04-07 13.14.28-2.jpg

3. Tagliate a cubetti il tofu affumicato e tenete anch’esso da parte ( se volete potete passarlo in padella due minuti prima di aggiungerlo al resto degli ingredienti).

Processed with MOLDIV

4. Adesso che tutti i nostri ingredienti sono pronti passiamo alla fase finale della ricetta : Nel wok, versate due cucchiai colmi di olio di semi di arachidi, fatelo scaldare bene, quindi aggiungete il riso che dovrà “friggere” e sfrigolare (la ricetta originale si chiama Riso fritto alla cantonese). Il sale va aggiunto a questo punto.

5. Saltatelo per un paio di minuti e quando alcuni chicchi di riso cominceranno ad essere abbrustoliti e a scurirsi, unite il resto degli ingredienti precedentemente preparati , ovvero piselli, Farifrittata “strapazzata” e tofu affumicato.

6. Cuocete a fuoco medio/alto finché avranno i segni della rosolatura.

7. Il nostro riso alla cantonese è pronto per essere gustato. Potete accompagnarlo con del tamari, come già detto è facoltativo. Ci sono molte versioni di questo piatto, in molte si usa la salsa di soia in altre no. Personalmente preferisco il tamari come salsa, anche perché è senza glutine ed è più saporita.

📒 Note

– Questa ricetta può sembrare elaborata ma non lo è affatto. Se avete poco tempo vi consiglio di preparare tutti gli ingredienti in anticipo, specialmente il riso 4/5 ore prima almeno, deve essere ben freddo.

– Gli oli di semi di sesamo e di arachide sono importantissimi perché doneranno al riso un gusto aromatico e tostato più accentuato, che difficilmente dimenticherete.

– Potete sostituire il tofu affumicato con quello classico (per la versione gluten free) marinandolo con quello che più vi piace.

– Per quanto riguarda il tamari: la ricetta originale non lo prevede assolutamente come del resto anche la salsa di soia. Il gusto tipico del piatto deriva dall’olio di sesamo nonché dal tipo di riso che ha un sapore aromatico. D’altro canto, esistono molte versioni di questo piatto, in cui si usa la salsa di soia, ma come già detto io preferisco e vi consiglio di gran lunga il tamari 😊.

– L’olio di sesamo va aggiunto sempre a crudo.

– Potete preparare questa ricetta anche la sera prima e portarla a lavoro per il pranzo in ufficio magari mettendola in un simpatico lunchbox (porta pranzo), online se ne trovano davvero di carini :-).

🌱The Happy Rabbit🐰

PASTA CON CAVOLFIORE ALLA SICILIANA

La pasta con il cavolfiore in Sicilia viene chiamata “pasta k’i vruocculi arriminati” ed è un’altra di quelle ricette che hanno un posto importante nella tradizione siciliana.

Cominciamo con il fare una precisazione: in Sicilia quando parliamo di broccoli facciamo riferimento al cavolfiore perché quelli che in tutto il resto d’Italia vengono chiamati broccoli, in Sicilia vengono chiamati sparacelli (il perché di questo ingarbuglio linguistico non mi è dato sapere!). Quindi la pasta con i broccoli arriminata (mescolata, saltata) altro non è che della pasta con del cavolfiore a pezzetti, cipolla, uva passa, pinoli e pangrattato tostato.

La versione originale prevede anche l’aggiunta di acciughe ma ovviamente noi ne facciamo tranquillamente a meno. In genere per questa ricetta, come formato di pasta vengono usati dei bucatini, io ho usato degli spaghetti grossi poiché non sono riuscita a trovare una buona qualità di pasta, e, detto sinceramente tra noi, nello scegliere dei bucatini Barilla e degli spaghetti grossi di semola integrale, ho preferito quest’ultimi. Nonostante ciò, è altrettanto buona con altri formati di pasta come spaghetti grossi, ziti, penne rigate e strozzapreti. Ma andiamo alla ricetta 😊👇.

2016-04-02 14.09.06-2-1.jpg

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 400 gr. bucatini o spaghetti grossi di semola integrale

– 1 cavolfiore grande

– 1 cipolla

– 180 gr circa di uva passa

– pinoli q.b

– sale rosa e olio evo q.b

– 1 bustina di zafferano e pepe nero q.b

🍴 Preparazione

1. Lavate, mondate e riducete a tocchetti il cavolfiore. Lessatelo al dente in acqua salata.

2. Una volto cotto, prendete circa metà cavolfiore e con l’aiuto del frullatore ad immersione andate a fare una “crema”, aggiungendo l’acqua di cottura avanzata. Aggiustate con sale, spezie ed olio evo. Mettetela da parte.

3. Rosolate la cipolla affettata nell’olio extravergine d’oliva, unitevi l’uva passa (precedentemente ammollata), i pinoli e, poco dopo, il cavolfiore tagliato a pezzetti.

4. Aggiungete un po’ dell’acqua di cottura avanzata del cavolfiore. Fate cuocere con lo zafferano, e se lo gradite aggiungete una spolverata di pepe nero.

5. Con la restante acqua di cottura del cavolfiore, lessate gli spaghetti grossi o i bucatini, scolateli e “arriminarli” (saltateli) nel tegame con il condimento preparato precedentemente e con la crema di cavolfiore per un paio di minuti.

6. Finite il piatto con una spolverata di pangrattato integrale appena tostato.

📒 Note

– Per la versione gluten free sostituire il formato di pasta e il pangrattato con i corrispettivi senza glutine.

– La ricetta originale non prevede l’aggiunta di una crema di cavolfiore, ma come ben sapete, io amo adattare le ricette a modo mio, così ho deciso di apportare questa leggera modifica che a mio avviso rende questa pasta ancora più gustosa.

🌱The Happy Rabbit🐰