PIADINA VEGAN

Piadina vegana integrale farcita con maionese di riso, rucola, affettato vegetale di lupino e funghetti sott’olio

Eccomi di nuova tornata a scrivere ✍🏻 nel blog dopo un periodo di assenza. Pronta e carica come sempre 😁💪🏻 oggi vi propongo questa fantastica (perché lo è davvero credetemi) ricetta, migliorata con il tempo, della piadina vegana fatta in casa. Qualche annetto fa ho provato diverse volte a ricreare una ricetta buona dal punto di vista della fragranza ma al contempo anche della morbidezza ma alla fine non era soddisfatta. Nell’ultimo periodo ho apportato alcune modifiche alla ricetta e voilà, un successone. Provatela!

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

Per 10- 12 piadine

– 210 gr farina di grano tenero Maiorca

– 200 gr farina di farro integrale

– 90 gr semola di grano duro Russello

– 30 gr olio evo

– 200 gr latte d’avena o miglio

– 50 gr di acqua minerale

– 6-7 gr sale

– un pizzico di bicarbonato

– un pizzico di curcuma

🍴 Preparazione

1. Mettete nel boccale del Bimby il latte vegetale, l’acqua e l’olio, e fate andare per 1:30 min 37°C vel 1;

2. Aggiungete le farine,il bicarbonato e il sale e lavorare 2 min vel spiga;

3. Prendete l’impasto e dividetelo in 10-12 palline;

4. Lasciate riposare per circa 30 minuti e poi stendete il più sottile possibile, aiutandovi col matterello.

5. Se volete ottenere una forma ovale “perfetta” per la vostra piadina, aiutatevi con un piatto piano da portata che appoggerete sulla piadina una volta stesa; con l’aiuto di un taglia pizza andate invece a tagliare i bordi in eccesso. Non buttate i ritagli di pasta ma raccoglieteli e formate un’altra pallina che andrete poi successivamente a stendere.

6. Sistemate le piadine stese in un vassoio ricoperto da un foglio di carta oleosa, disponendole una sopra l’altra con in mezzo sempre un foglio di carta forno per non farle appiccicare. Avvolgete il vassoio con della pellicola trasparente in modo tale da non far seccare le piadine. Non è necessario riporle in frigo.

7. Quando sarete pronti per la cottura, scaldate una padella antiaderente e cuocete la piadina da ambo le parti, avendo cura di sgonfiare le eventuali bolle che si formeranno;

8. Farcire a piacimento.

Piadina vegana integrale farcita con maionese di riso, rucola, affettato vegetale di lupino e pomodori secchi 

📒 Note

– Questa ricetta è realizzabile anche con un mix per pane senza glutine.

– È possibile sostituire le farine con quelle che più vi aggradano; io consiglio sempre la farina di farro o la farina di grano tenero tipo 1 in mancanza delle farine derivanti da grani antichi.

– Chi non possiede il Bimby può impastare tutto “a mano”. Basta riscaldare i liquidi (latte,olio e acqua) in un pentolino avendo cura di non farli bollire poiché devono essere solo intiepiditi. Successivamente aggiungere quest’ultimi lentamente agli ingredienti secchi. Impastare per circa 5 minuti.

– 🌱The Happy Rabbit 🐰 –

Annunci

MEDAGLIONI DI SPINACI E CECI CON PARMIGIANO VEGAN

Processed with MOLDIV

Dorati e croccanti grazie alla panatura di mais, queste “spinacine” (così soprannominate) hanno un delizioso ripieno di spinaci, ceci, spezie, erbe 🌿 aromatiche e parmigiano di mandorle. Ottimi per un secondo veloce e proteico. Delizieranno grandi e piccini.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 500 g ceci lessati

– 250 g spinaci

– curcuma e coriandolo q.b

– erbe 🌿 aromatiche q.b

PARMIGIANO DI MANDORLE 🌱VEGAN q.b

– prezzemolo q.b

– sale rosa e olio evo q.b

– farina di ceci q.b

– pan grattato senza glutine q.b

Per la pastella 📝

– farina di ceci + acqua q.b

Per la panatura 📝

– farina di mais tostata per impanatura (o bramata) + poco pangrattato senza glutine q.b (facoltativo)

🍴 Preparazione

1. Lavate e mondate gli spinaci freschi. Riscaldate in una padella un filo d’olio evo con uno spicchio d’aglio, versate gli spinaci, mescolate e fate cuocere a vapore con il coperchio per cinque minuti circa. Una una volta cotti fateli raffreddare e assicuratevi che siano ben asciutti prima di impiegarli.

2. Iniziamo con la preparazione dei medaglioni: inserite nel bimby o in un potente frullatore i ceci precedentemente lessati e ben scolati, gli spinaci, le spezie, le erbe aromatiche, il parmigiano di mandorle, il prezzemolo e il sale.

Processed with MOLDIV

3. Azionate il robot e frullate il tutto finché non otterrete una sorta di “crema” granulosa.

4. Versare il composto in una ciotola a cui aggiungerete farina di ceci e pan grattato senza glutine quanto basta e mescolate bene con un cucchiaio fino ad amalgamare il composto. Dovrete ottenere una “palla” compatta.

Processed with MOLDIV

5. Fate riposare in frigo per circa 30/45 minuti.

6. Poco prima di preparare i medaglioni realizzate la pastella di acqua e farina di ceci in cui andrete ad bagnarli.

7. Tirate ora fuori dal frigo il composto.

8. Ungetevi le mani con olio evo o semplicemente inumiditele con acqua e iniziate a formare i vostri medaglioni prelevando una piccola parte di impasto alla volta (100 g circa) che poi andrete a lavorare con le mani schiacciandolo, come se doveste realizzare una sorta di “cotoletta”.

Processed with MOLDIV

9. Bagnate i medaglioni nella pastella di acqua e farina di ceci e successivamente impanateli nella farina di mais mischiata a poco pangrattato senza glutine.

10. I vostri medaglioni sono pronti. Fateli riposare in frigo una mezz’ora prima di cuocerli in padella con una spruzzata di olio di semi.

Processed with MOLDIV

📒 Note

– Se non avete necessità di sospendere il glutine potete usare il pangrattato classico. Io sono solita a farlo da me in casa con l’aiuto del bimby, usando del pane integrale essiccato prodotto con farine di grani antichi siciliani.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

 

PEPERONI RIPIENI ALLA SICILIANA

13906792_1100501029987803_8607474531162660257_n

Un altro piatto della tradizione siciliana sono: i peperoni ripieni, che dalle mie parti chiamiamo ‘Pipi Chini’. Una ricetta ricca di sapore, che amo preparare in estate con i peperoni piccoli e tondi. All’interno c’è un ripieno saporito di pan grattato, capperi di Pantelleria (oppure olive nere), prezzemolo, parmigiano veg di mandorle, qualche pezzetto di pomodoro fresco unito a della salsa per dare umidità, e un po’ di erba cipollina. Per finire io aggiungo sempre della mozzarella di riso.
Buoni tiepidi ma anche freddi, sono eccezionali specialmente se mangiati il giorno dopo la preparazione.

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 10 peperoni piccoli e tondi

– pan grattato di mais senza glutine q.b

– pan grattato di riso senza glutine q.b

– 60 gr parmigiano Veg di mandorle

– mozzarella di riso q.b

– due pomodori

– salsa di pomodoro q.b

– una manciata di capperi di Pantelleria o olive nere (facoltativi)

– prezzemolo q.b

– qualche filo di erba cipollina

– curcuma e coriandolo q.b

– sale rosa ed olio evo q.b

🍴 Preparazione

1. Lavare i peperoni piccoli, togliere la parte superiore ( il cosiddetto ‘cappello’) e metterla da parte, quindi svuotateli con cura dai semi.

13921038_1100501093321130_5251970299142190540_n

2. Ungere sia esternamente che internamente i peperoni, compresi i “cappelli” con un po’ di olio evo e salarli leggermente. Preriscaldare il forno a 200° in modalità statico – ventilata.

3. Passiamo al ripieno: In una ciotola mescoliamo i due tipi di pan grattato senza glutine, il prezzemolo, l’erba cipollina e i capperi tritati finemente (oppure le olive nere), unite anche il parmigiano veg di mandorle, un pizzico di sale rosa, le spezie, il pomodoro privato della buccia (tagliato a cubetti piccoli), e qualche cucchiaio di salsa di pomodoro. Aggiungere quindi al composto tanto olio quanto basta a inumidire il tutto senza renderlo ‘troppo umido’ poiché deve risultare un composto sgranato ma soffice.

4. Alla base di ogni peperone mettete dei cubetti di mozzarella di riso, seguite con la farcia preparata in precedenza e finite aggiungendo altri cubetti di mozzarella vegetale. ‘Chiudete’ coprendo con le calottine tagliate all’inizio.

5. Rivestite la teglia con la carta forno unta d’olio, e ponete i peperoni, spolverateli con parmigiano di mandorle.

6. Irrorateli con abbondante olio extravergine d’oliva, comprimendoli bene affinché non si secchino troppo durante la fase di cottura.

7. Cuocete a 190° per circa 45 minuti.

8. Serviteli tiepidi, ma il mio consiglio è di gustarli ben freddi 😋 magari accompagnati da un buon bicchiere di vino rosso.

13882591_1100501109987795_7456597555736780173_n

📒 Note

– Per il parmigiano Veg di mandorle: vi basterà tostare delle mandorle con del sale rosa, dopo aggiungere del lievito alimentare in fiocchi e tritare il tutto finemente in frullatore.

– Potete realizzare questa ricetta anche con del pangrattato integrale classico.

– Per la mozzarella di riso se avete tempo potete anche realizzare la mia mozzarisella con latte di riso auto prodotto (ricetta nei post precedenti) oppure produrne una voi, ne esistono diverse versioni vegetali e presto ve ne mostrerò anch’io qualcun’altra 😉.

🌱The Happy Rabbit🐰

 

BIETOLE CON GRATINATURA MORBIDA ALLA SICILIANA

Le bietole in padella sono un classico della cucina tipica siciliana specie se gratinate, perché si sa, qui da me in Sicilia, soprattutto in alcune città, la gratinatura con pangrattato va a braccetto con qualsiasi cibo.

Oggi vi propongo queste ottime verdure gratinate morbide in padella (non in forno come si usa di solito) e spezziate. Un piatto semplice, veloce, senza glutine e proteico se accompagnato come ho fatto io con delle lenticchie precedentemente cotte.

Ma eccovi la ricetta 👇🏻😊.

2016-05-31 21.06.44-2.jpg

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 2 fasci di bietole

– pan grattato senza glutine q.b

– 1 spicchio d’aglio

– Olio evo e sale rosa q.b

– curcuma e coriandolo q.b

– gomasio q.b (facoltativo)

– lenticchie precedentemente cotte e condite per accompagnare (facoltative)

🍴 Preparazione

1. Pulire le bietole, eliminando tutte le foglie rovinate e i gambi più duri.

2. Lavarle molto bene, facendole scolare un po’, ma non del tutto.

3. A questo punto scottatele per alcuni minuti in acqua salata.

4. In una padella o pentola alta mettere l’olio evo e lo spicchio d’aglio, far soffriggere senza farlo scurire troppo. Aggiungere le bietole, il pan grattato, le spezie e salare.

5. Mettere il coperchio sulla padella o pentola e far cuocere a fiamma moderata, per circa 5/10 minuti al massimo. Se necessario, nel caso dovessero cominciare ad attaccarsi al fondo della pentola, aggiungere un pochino d’acqua.

6. Continuare la cottura fino a quando non si saranno ammorbiditi, e il pangrattato sarà diventato un tutt’uno con le bietole, formando una sorta di “gratinatura morbida”.

7. Servitele tiepide, con una spolverata di gomasio e se lo desiderate potete accompagnarle con delle lenticchie precedentemente cotte e dei crostini di pane tostato.

📒 Note

– Come pangrattato senza glutine io ho usato quello della KOILIA (che trovo davvero ottimo), ma voi potete usare quello che più gradite. Ovviamente potete realizzare la ricetta anche con ingredienti contenenti glutine, di cui consiglio sempre la versione integrale, se possibile con grani antichi.

🌱The Happy Rabbit🐰

BURGER DI 🍔 BARBABIETOLA E SPINACI AI FAGIOLI BORLOTTI

Volete gustare un burger 🍔 sfizioso, salutare e gluten free?

Eccolo!!! Con questa ricetta, veloce, otterrete parecchi burger, io faccio sempre una bella scorta in modo da poterli surgelare. 

Per chi come me non ha sempre molto tempo di cucinare causa università, lavoro o impegni vari questi burger vi torneranno utili. Provateli con varie salsine o con un’ ottima crema di avocado. Successo garantito ✌ 😋.
Consigli su come gustarli nelle note 📒.

2016-02-27 11.13.17.jpg

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 3 boccette di fagioli borlotti bio

– 1 barbabietola precotta (confenzione sottovuoto)

– spinaci già cotti q.b

– 4/5 cucchiai di farina di ceci

– mix semi (zucca,girasole,lino,sesamo) q.b

– fiocchi di grano saraceno o di avena (facoltativi) q.b

– sale rosa, olio evo, e spezie q.b

🍴 Preparazione

1. Versate nel bimby o in un robot da cucina la barbabietola, i fagioli borlotti ben scolati e gli spinaci.

2. Frullate pochi secondi fino ad ottenere un composto liscio che presenterà comunque dei piccoli pezzetti.

3. Versate il tutto in una ciotola aggiungendo la farina di ceci, i semi ed eventualmente i fiocchi di grano saraceno o d’avena. Amalgamate fino ad ottenere un composto morbido e compatto.

4. Con le mani leggermente inumidite formate dei burger o delle polpette del peso di 100gr circa ciascuno.

5. Fateli riposare qualche ora in frigo prima di cuocerli.

6. Potete cuocerli in una padella antiaderente con filo d’olio o in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti.

2016-02-27 11.17.52.jpg

📒 Note

– I fiocchi di grano saraceno o d’avena sono facoltativi (ad esempio io non li uso sempre per questa preparazione)

– Come accompagnamento ai burger vi suggerisco una crema di avocado.
Deliziosa ve lo garantisco 😋😎👍.

– Due possibili abbinamenti per un goloso panino:
*Panino di farro🍔  https://thehappyrabbit04.wordpress.com/2015/11/10/panini-%f0%9f%8d%9eintegrali-con-farina-di-farro-timilia-e-grano-saraceno/  (o panino senza glutine) + crema di avocado + pomodori secchi + burger;
* Panino di farro🍔  https://thehappyrabbit04.wordpress.com/2015/11/10/panini-%f0%9f%8d%9eintegrali-con-farina-di-farro-timilia-e-grano-saraceno/  (o panino senza glutine) + maionese di riso + olive nere + foglia di lattuga;

*ricetta nei post precedenti

🌱The Happy Rabbit🐰

FALAFEL DI FAVE AL FORNO

I falafel sono una pietanza mediorientale e consistono in polpette speziate e fritte a base di legumi – tra cui i più utilizzati sono ceci, fave e fagioli – 

La sua versione più antica probabilmente conteneva fave macinate, pressate in palle o dischi, e fritte. I ceci le hanno rimpiazzate quando la ricetta si è diffusa in tutta la cucina levantina. I falafel hanno origini antichissime, alcuni storici ipotizzano addirittura che venisse preparato un impasto simile già dagli antichi egizi. Oggi sono spesso venduti come street food, e normalmente si usano per farcire le pite (o piadine in rivisitazione europea) insieme a hummus, tahini, yogurt, pomodoro e melanzane grigliate. Quella che vi propongo io è una ricetta antica, passatami da una conoscente israeliana a cui ho apportato delle leggere modifiche.

Processed with MOLDIV

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti per 4 persone 📝

– 900gr di fave e piselli già cotti;

– cipolla q.b

– prezzemolo q.b

– un pizzico di cumino;

– coriandolo q.b

– curcuma q.b

– zenzero q.b

– 2 cucchiai di farina di ceci;

– 2 cucchiai di farina di riso;

– 1 pizzico di bicarbonato (facoltativo)

– semi di papavero (facoltativo)

– sale rosa q.b

– Olio evo q.b

– olio di mais o girasole q.b ( servirà per spennellare i falafel prima della cottura )

🍴 Preparazione

1. Premessa: Se avete a disposizione delle fave e piselli freschi quanto meglio, altrimenti vanno benissimo anche quelli surgelati. A questo punto vi consiglio di preparare fave e piselli qualche oretta prima in modo che possano essere ben asciutti e scolati dopo la cottura.

2. Iniziamo con il prendere una pentola o padella abbastanza capiente, in cui faremo un leggero soffritto di cipolla, seguito dall’aggiunta di fave e piselli (precedentemente sbucciati e lavati se freschi).

3. Copriamo con acqua lasciando cuocere 20/30 minuti circa, fino a cottura ultimata. Aggiustate di sale eventualmente.

4. Dopo la cottura prendete un colapasta e lasciatele scolare.

5. Nel bimby o in un frullatore abbastanza potente, versate le fave con i piselli, prezzemolo, spezie, sale e un filo di olio evo. Frullate bene il tutto.

6. Trasferite il composto in una ciotola e aggiungete i cucchiai di farina di ceci e di riso che serviranno a legare meglio il composto.

7. Formate tante palline dalle dimensioni medie e lasciatele riposare in frigo per una mezz’oretta.

8. Ricoprite una teglia con della carta da forno, distribuite i falafel e spennellateli con un po’ di olio di semi. Infornate a 180°C per 20 minuti circa.

9. Servite i falafel ben caldi, accompagnati da una bella insalata , hummus o da alcune salsine che potrete mettere in tante piccole ciotoline.

Processed with MOLDIV

 

📒 Note

– Potete realizzare i falafel anche con solo fave o altri legumi a vostro piacere, il procedimento non cambia.

– In base ai legumi a volte si possono anche omettere le farine oppure aggiungerne in piccole quantità.

– I semi di papavero sono facoltativi come già detto, se li gradite, dopo aver formato le polpettine potete cospargerli di quest’ultimi.

– Io non amo molto la frittura, ma se lo gradite potete preferirla alla cottura al forno. Suggerisco un olio di semi di arachide.

🌱The Happy Rabbit🐰

OMELETTE DI CECI CON CREMA SPEZIATA DI PISELLI E VERDURINE 🍆GRIGLIATE

Processed with Moldiv

‪#‎farinadiceci‬ ‪#‎omelette‬ ‪#‎vegan‬ ‪#‎piselli‬ ‪#‎spezie‬ ‪#‎verdure‬ ‪#‎glutenfree‬

“L’alta cucina non è una cosa per i pavidi, bisogna avere immaginazione, essere temerari, tentare anche l’impossibile e non permettere a nessuno di porvi dei limiti solo perché siete quello che siete, il vostro unico limite sia il vostro cuore. Quello che dico sempre è vero, chiunque può cucinare ma solo gli intrepidi possono diventare dei grandi”.
– (Gusteau) dal film d’animazione Pixar Ratatouille –

Processed with Moldiv

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

Per l’Omelette

– farina di ceci q.b

– acqua q.b

– curcuma q.b

– sale rosa q.b

Per la crema speziata di piselli

– piselli surgelati q.b

– cipolla q.b

– olio evo e sale rosa q.b

– curcuma, zenzero e coriandolo q.b

– sale rosa q.b

Secondo Condimento

– verdurine grigliate a piacere (io ho usato melanzane e zucchine)

🍴 Preparazione

1. Mescolate tutti gli ingredienti con una forchetta o frustino. Lasciate riposare in frigo per almeno una o due ore prima del momento di preparazione.

2. Nel frattempo in una padella antiaderente fate un soffritto di cipolla a cui aggiungerete i piselli, con eventualmente un po’ di acqua e continuate la cottura al vapore. Dopo la cottura aggiustate di sale, spezie e olio.

3. A questo punto non ci resta che preparare la crema di piselli. Facilissimo: aiutatevi con un frullatore ad immersione se vi è possibile, altrimenti va bene anche un frullatore normale.

4. Frullare i piselli compresi dell’acqua avanzata di cottura ( se non ve ne fosse avanzata, aggiungete dell’acqua a parte ), con l’olio evo, ed eventualmente altro sale rosa e spezie. Frulliamo fino ad ottenere una bella crema.

5. Riscaldate una padella antiaderente e versate poco composto alla volta, e date forma alla vostra omelette. Appena inizieranno a formarsi delle bolle, girate delicatamente e cuocete dall’altra parte per un altro minuto.

6. Farcire l’Omelette con la crema speziata di piselli e le verdure precedentemente grigliate.

Processed with Moldiv

📒 Note

– Se avanza della pastella si può lasciare riposare in frigo e riutilizzare nei giorni successivi fino al momento dell’utilizzo.

– La crema speziata di piselli è molto versatile, anche come condimento per verdure, pasta, riso o altri cereali. Ottima anche per farcire panini o tramezzini. Altra idea potrebbe essere trasformare la crema di piselli in una vellutata. Per questo motivo consiglio di prepararla abbondante e un po’ prima in modo da poterla impiegare nei modi più fantasiosi.

– Potete farcire l’Omelette con altri tipi di creme che siano di legumi o no. Per le verdure o altri condimenti spazio alla fantasia e ai propri gusti ☺.

🌱The Happy Rabbit🐰