GRANITA ALLA CILIEGIA 🍒 🍧

Come già detto nei post precedenti la colazione per eccellenza in Sicilia, è rappresentata da lei, la GRANITA, dolce freddo al cucchiaio, tipico della mia terra.

Questa volta vi propongo la versione alla ciliegia 🍒 , dal gusto deciso ma allo stesso tempo delicato.

Come sempre la granita è accompagnata dall’immancabile “brioscia cu tuppo” (brioche col tuppo).

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– Ciliegie denocciolate (precedentemente surgelate)

– 3 cucchiai di zucchero di canna integrale o di cocco

– 200/300 gr di ghiaccio

– acqua minerale naturale ben fredda q.b

Per la brioche:

🍴Preparazione

1. Almeno una notte prima prendete le vostre ciliegie (precedentemente lavate,mondate e denocciolate ), ponetele in sacchetto da freezer delle dimensioni 18 x 24 cm e surgelate.

2. Il mattino seguente togliete la frutta almeno 15-30 minuti prima della preparazione della granita riponendola a temperatura ambiente.

3. Prepariamo la granita : Inserire lo zucchero di canna nel bimby (o in qualsiasi potente frullatore) e polverizzatelo per 30 secondi a velocità turbo.

4. Aggiungete tutti gli altri ingredienti (frutta surgelata, ghiaccio, e poca acqua fredda ) lavorando per circa 3/5 minuti partendo da velocità cinque fino a velocità turbo. Aggiungete l’acqua in base alla consistenza che vorrete ottenere, senza superare i 500 ml di acqua.

5. Servite immediatamente la vostra granita fresca magari accompagnata con un bel ciuffo di panna montata di soia, con pezzetti di frutta, scagliette di cocco o cioccolato (in base anche al gusto di base) o granella di frutta secca.


📒Note

– Tradizionalmente i passaggi 1 e 2 potrebbero essere saltati poiché la granita viene preparata con frutta fresca e tanto ghiaccio almeno 600/800 gr su 500 gr di frutta fresca. Io preferisco surgelare la frutta per questioni di comodità e per risparmiare tempo quando ho voglia di una bella granita fatta in casa, ma ovviamente se avete della bella frutta fresca di stagione sotto le mani non perdete tempo e provate anche voi a gustarvi questo gustoso e rinfrescante dolce estivo.

– Ho notato che preparare la granita con frutta surgelata, la renda molto più vellutata e non granulosa, come molti pensano che dovrebbe essere quest’ultima. Questo sì ha dal fatto che la frutta surgelata “compensa” la presenza di “poco” ghiaccio presente nella ricetta. In questo modo risulta perfettamente mantecata e delicata al palato.

– La tradizione vuole che la si gusti immancabilmente con la classica e tradizionale “brioche col tuppo” e per chi lo desidera con l’aggiunta di panna montata.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

GRANITA PESCA E ALBICOCCA 🍧

Anche quest’anno non poteva mancare lei, la regina indiscussa dell’estate qui da me in Sicilia, ovvero la GRANITA, dolce freddo al cucchiaio, tipico della mia terra.

La “granita câ brioscia cu tuppo” (granita con brioche col tuppo) è la colazione tipica, sopratutto d’estate; morbida e fresca accompagna le ore calde dalla colazione del mattino, fino al dopo cena.

Questa volta vi propongo la versione pesca e albicocca, leggera e profumata grazie alla presenza della menta fresca.

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– Pesche e albicocche (precedentemente surgelate)

– 1 cucchiao di zucchero di canna integrale o di cocco

– 200/300 gr di ghiaccio

– acqua minerale naturale ben fredda q.b

– qualche ciuffetto di menta fresca

Per la brioche: BRIOCHE CON IL TUPPO SICILIANE VEGAN Vers. 2.0

🍴 Preparazione

1. Almeno una notte prima prendete le vostre pesche e albicocche (precedentemente lavate,mondate e tagliate), ponetele in sacchetto da freezer delle dimensioni 18 x 24 cm e surgelate.

2. Il mattino seguente togliete la frutta almeno 15-30 minuti prima della preparazione della granita riponendola a temperatura ambiente.

3. Prepariamo la granita : Inserire lo zucchero di canna nel bimby (o in qualsiasi potente frullatore) e polverizzatelo per 30 secondi a velocità turbo.

4. Aggiungete tutti gli altri ingredienti (frutta surgelata, ghiaccio, menta e poca acqua fredda ) lavorando per circa 3/5 minuti partendo da velocità cinque fino a velocità turbo. Aggiungete l’acqua in base alla consistenza che vorrete ottenere, senza superare i 500 ml di acqua.

5. Servite immediatamente la vostra granita fresca magari accompagnata con un bel ciuffo di panna montata di soia, con pezzetti di frutta, scagliette di cocco o cioccolato (in base anche al gusto di base) o granella di frutta secca.

Processed with MOLDIV

📒 Note

– Tradizionalmente il passaggio 1 e 2 potrebbe essere saltato poiché la granita viene preparata con frutta fresca e tanto ghiaccio almeno 600/800 gr su 500 gr di frutta fresca. Io preferisco surgelare la frutta per questioni di comodità e per risparmiare tempo quando ho voglia di una bella granita fatta in casa, ma ovviamente se avete della bella frutta fresca di stagione sotto le mani non perdete tempo e provate anche voi a gustarvi questo gustoso e rinfrescante dolce estivo.

– Ho notato che preparare la granita con frutta surgelata, la renda molto più vellutata e non granulosa, come molti pensano che dovrebbe essere quest’ultima. Questo sì ha dal fatto che la frutta surgelata “compensa” la presenza di “poco” ghiaccio presente nella ricetta. In questo modo risulta perfettamente mantecata e delicata al palato.

– La tradizione vuole che la si gusti immancabilmente con la classica e tradizionale “brioche col tuppo” e per chi lo desidera con l’aggiunta di panna montata.

 

REFRESHING SUMMER JUICE 

L’estate è ormai arrivata, con essa il temutissimo caldo. A questo proposito la frutta può venirci in soccorso; ecco quindi un rinfrescante succo a base di ananas, kiwi, melone di cantalupo, melone bianco, mele e zenzero.

Le proprietà dell’ananas sono tante, in particolare è nota per i suoi benefici contro la cellulite, ritenzione idrica e i suoi effetti digestivi. Da non dimenticare che è ricca di vitamina C, potassio e magnesio, importanti per il nostro fabbisogno soprattutto in estate quando tendiamo a perdere molti sali minerali. Il kiwi, grazie all’elevata concentrazione di vitamina C, aiuta a combattere i danni della pelle causati dall’esposizione solare e dall’inquinamento. Sempre la vitamina C, di cui è ricco questo frutto, protegge dalle infezioni, stimolando la formazione degli anticorpi e rafforzando il sistema immunitario. Esso depura anche l’organismo e il colon grazie al suo buon apporto di fibre.

Il melone di cantalupo (o melone arancio) grazie alle sue proprietà, è un frutto rinfrescante, diuretico, dissetante. È composto principalmente di acqua (circa il 90%); per quanto concerne minerali e vitamine contiene soprattutto potassio, fosforo, calcio, vitamina C e vitamina B3.

Il melone “gialletto” o anche conosciuto come “melone d’inverno è il frutto migliore per tutti coloro che, d’estate, desiderano in modo dissetante oltre che gustoso fare il pieno di vitamina A e C, comunque limitando il valore energetico.

Le mele sono ricche di fibre e contengono la pectina; entrambi questi componenti aiutano ad eliminare le sostanze tossiche.

Infine lo zenzero: accelera il metabolismo, riduce il senso di fame, abbassa il colesterolo, è antiemetico (aiuta in causa di nausea e vomito), cura il mal di gola, favorisce il processo digestivo e funge anche da antinfiammatorio.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 1 ananas 🍍

– kiwi 🥝 q.b

– melone di cantalupo (melone arancio) q.b

– melone bianco (detto melone d’inverno) q.b

– 2 mele 🍎

– un pezzetto di zenzero

– qualche cubetto di ghiaccio

🍴 Preparazione

1. Lavate e mondate l’ananas, i kiwi, i meloni, le mele e lo zenzero.

2. Sbucciate e tagliate a tocchetti la frutta e lo zenzero in modo tale da poter essere inseriti con facilità.

3. Azionate il vostro estrattore e a poco a poco, inserite prima l’ananas, seguita dai kiwi, meloni, mele e infine aggiungete lo zenzero.

4. Non appena pronto se desiderate, potete anche aggiungere dei cubetti di ghiaccio sul momento.

5. Il vostro succo è pronto 🍹!

📒 Note

– Abbiate cura di lavare bene frutta, verdura, tuberi e radici poiché andranno inserite con tutta la buccia. Non si butta “niente” per realizzazione di un succo. Io di solito uso il bicarbonato, ne aggiungo un cucchiaio per litro di acqua. Lascio in immersione frutta e verdura per 15 minuti. Risciacquate sempre molto bene e, se occorre, spazzolatela – e asciugatela.

– Consiglio di preparare il succo la mattina e berlo entro fine giornata (max 13-14h) sennò perde ogni beneficio e il sapore si altera.

 

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

COMPOSTA DI CILIEGIE 🍒 

Comunemente detta marmellata, la composta si differenzia in quanto la percentuale di frutta è molto più elevata dello zucchero, che nelle marmellate arriva anche all’80%. La composta di ciliegie 🍒è deliziosa 😋 per la colazione, o per farcire crostate e altri deliziosi dolci. Si conserva molto bene nei vasetti sterilizzati. Il suo gusto è inconfondibile, una volta fatta non potrete più farne a meno, specialmente perché è fatta in casa e non contiene zuccheri raffinati industrialmente. Non vi resta che provarla 🙂👩🏻‍🍳.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 1,3 kg di ciliegie denocciolate

– 30 gr di zucchero di cocco o canna integrale (facoltativo)

– 1 limone 🍋 (di cui il succo)

– ½ mela 🍎 (con buccia)

– 2-3 gr di agar agar

🍴 Preparazione

1. Lavate e denocciolate le ciliegie.

2. Inserite lo zucchero di cocco o di canna e polverizzatelo per 15 secondi a velocità 8.

3. Aggiungete ora le ciliegie 🍒 e la mezza mela nel bimby insieme allo zucchero e frullate per 30 secondi velocità 7.

4. Raccogliete con la spatola e infine inserite il succo di un limone.

5. Cuocete a temperatura varoma per 55 minuti velocità 1 . Poggiate il cestello (con dentro un peso) sopra il coperchio per parare gli schizzi durante la cottura.

6. Trascorso il tempo di cottura, sciogliete l’agar agar in un pochino d’acqua e portatelo a bollore.

7. Versate subito il gelificante nella marmellata, mescolatelo e continuate per altri 5 minuti la cottura a 100° vel 1.

8. La vostra composta di ciliegie 🍒 è ora pronta! Una volta raffreddata potete gustarla come più preferite.


📒 Note
– Se la consumate subito potete conservare la composta in frigo per qualche giorno, altrimenti riponetela in dei vasetti che porterete a bollore per 30 minuti circa. In questo modo potrà conservarsi per diversi mesi.

– I tempi di cottura dipendono  dalla quantità di acqua contenuta nelle ciliegie, potrebbe occorrere altri 20-30 minuti in più nel passaggio successivo all’aggiunta del gelificante naturale.

Procedimento senza Bimby:

  • Cuocete la mezza mela (senza buccia questa volta) in padella con 2 cucchiai di zucchero e due di acqua ( la mela contiene in modo naturale la pectina, un addensante naturale, che servirà per far addensare la marmellata di ciliegie)
  • Lavate e denocciolate le ciliegie riducendole in piccoli pezzi. Mettete ora in una pentola capiente con lo zucchero, la mela precotta e il succo del limone.
  • Portate a bollore il tutto mescolando spesso e levando con delicatezza la schiuma che si formerà in superficie.
  • Continuate la cottura per circa un’ora. Trascorsa l’ora , aggiungete l’agar agar sciolto in poca acqua e portato ad ebollizione. Lo mescoliamo alla composta e continuano la cottura per altri cinque minuti circa.
  • Per capire se la vostra marmellata ha raggiunto la consistenza desiderata fate la classica prova piattino, quindi mettete un pochino di composta di ciliegie su di un piatto, se inclinando quest’ultimo la marmellata scende non è pronta, se invece rimane ferma è terminata la cottura.

 

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

SMOOTHIES: COSA SONO E COME SI PREPARANO

Processed with MOLDIV
Smoothie con albicocche, mango, banane (surgelate), semi di chia + latte di miglio + ghiaccio 
Molte persone (amici e parenti compresi) vedendo sui vari social di The Happy Rabbit  e anche qui sul blog le foto di ogni smoothie sempre diverso mi hanno chiesto cosa fosse questa bevanda dal nome strano. Dunque ecco cosa c’è da sapere. Il nome viene dall’inglese che indica semplicemente una bevanda a base di frutta (o anche verdura). Si chiama così perchè smooth vuol dire “leggero” ; la sua consistenza è abbastanza densa e la presenza del ghiaccio garantisce che sia freddo ma non gelato. Molti mi chiedono: “Ma allora è un semplice frullato?” Non esattamente, poiché il frullato è più liquido e contiene SEMPRE latte o gelato, lo smoothie è più cremoso e non contiene mai il gelato, però può contenere latte e spesso yogurt bianco vegetale che in ogni caso sono facoltativi.

Solitamente per preparare gli smoothies 🍹 serve:

  • un frullatore o bimby
  • frutta fresca
  • ghiaccio


Se non avete frutta fresca potete usare quella surgelata evitando di mettere il ghiaccio , oppure mettere solamente 1 o 2 banane piccole surgelate (che daranno al vostro smoothie la giusta cremosità) unite al resto della frutta fresca di vostro piacimento.
 



Non c’è un modo corretto per preparare gli smoothies, a mio avviso è tutta una questione di cremosità. Per me è una bevanda fantastica che la si chiami frullato, smoothie o come si voglia, ma deve necessariamente essere ben fredda.

Io solitamente li preparo in questo modo:

  • 1 o 2 banane piccole 🍌(secondo i gusti e precedentemente tagliate a tocchetti e surgelate)
  • Frutta fresca q.b 🍒🍑🍓
  • 1 bicchiere di latte vegetale o yogurt di soia
  • Cubetti di ghiaccio ❄️ q.b (facoltativi)

Smoothie con ciliegie, frutti di bosco, banane (surgelate), semi di chia + latte vegetale di miglio + ghiaccio
La cosa divertente e che potete prepararli con tutto quello che di fresco avete in casa, adattandoli alle vostre esigenze e ad ogni momento della giornata. Ad esempio se volete impiegarli per colazione o magari pre o post allenamento vi servirà un qualcosa che via dia energia per ciò io farei uno smoothie con le banane come base, aggiungendo poi frutti freschi esotici come mango, papaya, ananas 🍍o altri ricchi di vitamine come le albicocche, pesche🍑, fragole 🍓,
ciliegie 🍒, kiwi 🥝, melone🍈 ecc..



Se in invece volete renderlo proteico, per esempio, adatto a sostituire un pasto, che con il caldo estivo imminente si sa, ci lascia poca voglia di cucinare, aggiungete della frutta secca (anacardi, mandorle … ) o dei semi di chia con una parte di latte o yogurt.




Per gli smoothie di verdura 🥒 invece io consiglio di affidarsi direttamente ad un estrattore, quindi di fare un bel succo. A mio avviso grazie ad un buon estrattore si ottiene un ottimo succo che mantiene intatti tutti gli enzimi e le vitamine della verdura. Anche a livello digestivo è preferibile quest’ultimo.Vedi Succo green detox.

Mi sembra di aver detto tutto quello che c’era da sapere sugli smoothies, adesso tocca a voi, date spazio alla fantasia e alla creatività e godetevi questa fresca e gustosa bevanda.

🌱The Happy Rabbit 🐰

TORTA AL CIOCCOLATO VEGAN

Processed with MOLDIV

Se siete amanti del cioccolato come me questa torta al cioccolato fa al caso vostro. È così morbida e goduriosa che crea dipendenza al primo morso e piace sempre a tutti.
Una torta dal successo assicurato, si prepara in pochissimi minuti e nonostante le apparenze non contiene latte, uova o burro di origini animali. È ottima con una semplice spolverata di zucchero a velo.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 250 gr farina di Maiorca

– 50 gr amido di mais

– 40 gr di cacao amaro

– 60 gr circa gocce di cioccolato (facoltative)

– 370 ml circa di latte di soia al cioccolato o al naturale

– 140 gr di zucchero di canna

– 80 ml olio di semi

– 1 bustina di lievito per dolci

– Burro o margarina vegetale q.b

– zucchero a velo

🍴 Preparazione

1. Iniziamo pre riscaldando il forno a 180° statico-ventilato (il mio).

2. Nel boccale del bimby inserite lo zucchero di canna e polverizzatelo per 30 sec a vel 10.

3. Aggiungete ora tutti gli ingredienti nel boccale, tranne le gocce di cioccolato, il lievito e il latte che andrà aggiunto a filo dal foro una volta azionato il bimby per 2 min. vel 5.

4. Successivamente aggiungete il lievito, e mescolate altri 15 sec. vel. 5.

5. Per ultimo inserite le gocce di cioccolato e mescolate con la velocità anti orario per altri 20 secondi.

6. Imburrate (con il burro o la margarina vegetale) e infarinate una teglia da forno di 24 cm di diametro. Inserite anche un cerchio di carta da forno della misura della teglia sul fondo.

7. Cuocete in forno preriscaldato per 45 minuti (fare comunque la prova stecchino). Lasciare raffreddare completamente e servire la torta spolverizzata di zucchero a velo.

📒 Note

– Nelle antiche ricette siciliane di dolci il nome Maiorca stava ad indicare la farina di grano tenero per eccellenza. Si tratta di un antico grano siciliano con un indice di glutine basso, adatto soprattutto per i dolci. Se non trovate questa farina 🌾 potete sostituirla interamente con la farina di farro o con altre farine.

– Per chi non possiede il bimby: In una terrina inserire la farina setacciata assieme all’amido di mais, al cacao e allo zucchero di canna. Mescoliamo bene tutte le polveri e poi aggiungiamo lentamente a filo il latte di soia continuando a mescolare con l’aiuto di una frusta da cucina o di uno sbattitore elettrico. Successivamente aggiungiamo l’olio di semi e le gocce di cioccolato continuando ad amalgamare gli ingredienti. Come ultimo passaggio uniamo il lievito. Il resto rimane invariato.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

HEALTHY MANGO, ORANGE AND BANANA JUICE

IMG_2931.JPG

Un modo delizioso e sano per iniziare la giornata? Questo succo con mango, arancia 🍊, banana 🍌 e semi di chia. È fresco, super facile e pronto in pochi minuti.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 1 mango

– 2-3 arance

– 1½ banana

– 1 cucchiai di semi di chia

– un pezzetto di zenzero (facoltativo)
🍴 Preparazione

1. Lavate e mondate il mango, le arance 🍊e lo zenzero.

2. Sbucciate le arance (ricavandone poi il succo) e la banana. Tagliate a tocchetti la frutta e lo zenzero in modo tale da poter essere inseriti con facilità.

3. Azionate il vostro estrattore e a poco a poco, inserite prima le banane, seguite dal mango, succo d’arancia e infine aggiungete lo zenzero.

4. Non appena pronto aggiungete i semi di chia e mescolate. Se desiderate, potete anche aggiungere dei cubetti di ghiaccio sul momento.

5. Il vostro succo è pronto 🍹!

📒 Note

– La banana una volta inserita nell’estrattore verrà estratta come polpa non come succo quindi ogni volta che preparate un succo che la contiene ricordatevi di inserirla per prima tra gli ingredienti in modo tale da estrarla dal beccuccio che solitamente ha la funzione di scarto.

– Questo succo può diventare la base di un ottimo smoothie (frullato di frutta). Basterà aggiungere del latte vegetale (mandorla o cocco) e dei cubetti di ghiaccio nel frullatore insieme alla frutta invece di usare l’estrattore.

– Abbiate cura di lavare bene frutta, verdura, tuberi e radici poiché andranno inserite con tutta la buccia. Non si butta “niente” per realizzazione di un succo. Io di solito uso il bicarbonato, ne aggiungo un cucchiaio per litro di acqua. Lascio in immersione frutta e verdura per 15 minuti. Risciacquate sempre molto bene e, se occorre, spazzolatela – e asciugatela.

– Consiglio di preparare il succo la mattina e berlo entro fine giornata (max 13-14h) sennò perde ogni beneficio e il sapore si altera.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

TORTA MARGHERITA VEGAN

Processed with MOLDIV

La torta margherita è un dolce classico della cucina italiana amato da grandi e piccini per la sua semplicità e morbidezza. Qui da me proposto in versione vegan, è un dolce ottimo per la colazione e la merenda. È così buono che la mia famiglia onnivora lo ha molto apprezzato tant’è che non è durato più di un giorno 😋.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 250 gr farina di Maiorca

– 50 gr amido di mais

– 300/325 ml circa di latte di soia alla vaniglia

– 140 gr di zucchero di canna

– 80 ml olio di semi

– 1 bustina di lievito per dolci

– un pizzico di vaniglia bourbon
(Facoltativo)

– Scorza grattugiata di un limone

– Un pizzico di curcuma

– Burro o margarina vegetale q.b

– zucchero a velo
🍴 Preparazione

1. Iniziamo pre riscaldando il forno a 180° statico-ventilato (il mio).

2. Nel boccale del bimby inserite lo zucchero di canna e polverizzatelo per 30 sec a vel 10.

3. Aggiungete ora tutti gli ingredienti nel boccale, tranne il lievito e il latte che andrà aggiunto a filo dal foro una volta azionato il bimby per 2 min. vel 5.

4. Successivamente aggiungete il lievito, e mescolate altri 15 sec. vel. 5.

5. Imburrate (con il burro o la margarina vegetale) e infarinate una teglia da forno di 24 cm di diametro. Inserite anche un cerchio di carta da forno della misura della teglia sul fondo.

6. Cuocete in forno preriscaldato per 45 minuti (fare comunque la prova stecchino). Lasciare raffreddare completamente e servire la torta spolverizzata di zucchero a velo.

IMG_2621.JPG

📒 Note

– Nelle antiche ricette siciliane di dolci il nome Maiorca stava ad indicare la farina di grano tenero per eccellenza. Si tratta di un antico grano siciliano con un indice di glutine basso, adatto soprattutto per i dolci. Se non trovate questa farina 🌾 potete sostituirla interamente con la farina di farro o con altre farine.

– Per chi non possiede il bimby: In una terrina inserire la farina setacciata assieme all’amido di mais, allo zucchero di canna e agli aromi. Mescoliamo bene tutte le polveri e poi aggiungiamo lentamente a filo il latte di soia con l’aiuto di una frusta da cucina o di uno sbattitore elettrico. Successivamente aggiungiamo l’olio di semi, la vaniglia, la scorza di limone, e la curcuma continuando ad amalgamare gli ingredienti. Come ultimo passaggio uniamo il lievito. Il resto rimane invariato.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

MEDAGLIONI DI SPINACI E CECI CON PARMIGIANO VEGAN

Processed with MOLDIV

Dorati e croccanti grazie alla panatura di mais, queste “spinacine” (così soprannominate) hanno un delizioso ripieno di spinaci, ceci, spezie, erbe 🌿 aromatiche e parmigiano di mandorle. Ottimi per un secondo veloce e proteico. Delizieranno grandi e piccini.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 500 g ceci lessati

– 250 g spinaci

– curcuma e coriandolo q.b

– erbe 🌿 aromatiche q.b

PARMIGIANO DI MANDORLE 🌱VEGAN q.b

– prezzemolo q.b

– sale rosa e olio evo q.b

– farina di ceci q.b

– pan grattato senza glutine q.b

Per la pastella 📝

– farina di ceci + acqua q.b

Per la panatura 📝

– farina di mais tostata per impanatura (o bramata) + poco pangrattato senza glutine q.b (facoltativo)

🍴 Preparazione

1. Lavate e mondate gli spinaci freschi. Riscaldate in una padella un filo d’olio evo con uno spicchio d’aglio, versate gli spinaci, mescolate e fate cuocere a vapore con il coperchio per cinque minuti circa. Una una volta cotti fateli raffreddare e assicuratevi che siano ben asciutti prima di impiegarli.

2. Iniziamo con la preparazione dei medaglioni: inserite nel bimby o in un potente frullatore i ceci precedentemente lessati e ben scolati, gli spinaci, le spezie, le erbe aromatiche, il parmigiano di mandorle, il prezzemolo e il sale.

Processed with MOLDIV

3. Azionate il robot e frullate il tutto finché non otterrete una sorta di “crema” granulosa.

4. Versare il composto in una ciotola a cui aggiungerete farina di ceci e pan grattato senza glutine quanto basta e mescolate bene con un cucchiaio fino ad amalgamare il composto. Dovrete ottenere una “palla” compatta.

Processed with MOLDIV

5. Fate riposare in frigo per circa 30/45 minuti.

6. Poco prima di preparare i medaglioni realizzate la pastella di acqua e farina di ceci in cui andrete ad bagnarli.

7. Tirate ora fuori dal frigo il composto.

8. Ungetevi le mani con olio evo o semplicemente inumiditele con acqua e iniziate a formare i vostri medaglioni prelevando una piccola parte di impasto alla volta (100 g circa) che poi andrete a lavorare con le mani schiacciandolo, come se doveste realizzare una sorta di “cotoletta”.

Processed with MOLDIV

9. Bagnate i medaglioni nella pastella di acqua e farina di ceci e successivamente impanateli nella farina di mais mischiata a poco pangrattato senza glutine.

10. I vostri medaglioni sono pronti. Fateli riposare in frigo una mezz’ora prima di cuocerli in padella con una spruzzata di olio di semi.

Processed with MOLDIV

📒 Note

– Se non avete necessità di sospendere il glutine potete usare il pangrattato classico. Io sono solita a farlo da me in casa con l’aiuto del bimby, usando del pane integrale essiccato prodotto con farine di grani antichi siciliani.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

 

SUCCO DI MELA🍎 CETRIOLO 🥒 CAROTA 🥕 E LIMONE 🍋

IMG_1831.JPG

Un gustoso succo a base di mela, cetriolo, carota e limone 🍋. È delizioso, leggero, fresco e nutriente ottimo per la colazione o negli spuntini. Io lo prendo proprio a colazione con l’aggiunta di due fette biscottate senza glutine e marmellata ai mirtilli. È ricco di fibre (presenti nella mela 🍏) e contiene la pectina, entrambi questi componenti aiutano ad eliminare le sostanze tossiche. Il cetriolo è molto ricco di acqua e, quindi, aiuta la diuresi, grazie alle sue proprietà depurative e antinfiammatorie. Le carote sono ricche di componenti importanti come: sali minerali quali potassio, ferro, calcio, magnesio e vitamine come la C, D, E, B2 e B6.
I benefici del limone sono dati invece principalmente dall’acido citrico, e dalla vitamina C che conferisce al limone proprietà antiossidanti,depurative e riequilibranti per l’intestino.
Non vi resta che provarlo 😉.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 2 mele 🍎

– 1 cetriolo 🥒

– 4 carote 🥕

– un pezzetto di limone 🍋 (facoltativo)
🍴 Preparazione

1. Lavate e mondate le mele 🍏, il cetriolo 🥒, le carote 🥕 e il limone 🍋 (senza pelarlo).

2. Tagliate a tocchetti la frutta, le verdure e il limone in modo tale da poter essere inseriti con facilità.

3. Azionate il vostro estrattore e a poco a poco, inserite prima le carote, seguite dal cetriolo e infine aggiungete le mele e il limone.

4. Non appena pronto, se desiderate, potete anche aggiungere dei cubetti di ghiaccio sul momento.

5. Il vostro succo è pronto 🍹!

Processed with MOLDIV

📒 Note

– Abbiate cura di lavare bene frutta, verdura, tuberi e radici poiché andranno inserite con tutta la buccia. Non si butta “niente” per realizzazione di un succo. Io di solito uso il bicarbonato, ne aggiungo un cucchiaio per litro di acqua. Lascio in immersione frutta e verdura per 15 minuti. Risciacquate sempre molto bene e, se occorre, spazzolatela – e asciugatela.

– Consiglio di preparare il succo la mattina e berlo entro fine giornata (max 13-14h) sennò perde ogni beneficio e il sapore si altera.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

CHEESECAKE AI FRUTTI DI BOSCO

Processed with MOLDIV

La cheesecake ai frutti di bosco é una fresca e golosa torta qui da me proposta in versione senza glutine e vegan.

Non necessita di cottura nel forno ed é facile da realizzare.

Ha una consistenza morbida ma allo stesso tempo compatta grazie all’uso di agar agar (gelificante naturale). Con l’avvento della primavera e dei suoi frutti sarà possibile realizzarla in diverse versioni.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti per la base 📝

– 380 g biscotti senza glutine nutrisí (tipo novellino o con frutti di bosco)

– 80 g circa olio di mais o di cocco

– latte di soia (o altro latte vegetale) q.b

Ingredienti per la crema 📝

– 500 g yogurt di soia ai frutti di bosco (oppure bianco naturale)

– 200 g panna di soia

– 10/15 g di agar agar

– 100 g di zucchero di canna

– 50 ml di acqua

Ingredienti per la copertura 📝

– ½ sacchetto di frutti di bosco surgelati + frutta per decorare

– acqua q.b

– 5 g di agar agar

– 2 cucchiai 🥄 di zucchero di canna

🍴 Preparazione

1. Iniziate la preparazione della cheesecake ai frutti di bosco preparando la base: Nel bimby (o in un potente frullatore) inserite i biscotti. Azionatelo a velocità 6 .

2. Dal foro aggiungete lentamente l’olio e quanto basta del latte vegetale fino ad avere una consistenza morbida.

3. Rovesciate il composto di biscotto in una tortiera apribile da 20 cm e compattatelo bene con le mani fino ad ottenere una base liscia.

4. Riponete la base in frigo per 30 minuti circa.

5. Passiamo ora alla preparazione della crema: iniziamo montando la panna di soia a cui successivamente aggiungeremo lo yogurt ai frutti di bosco e lo zucchero di canna.

6. In un pentolino sciogliere l’agar agar in acqua. Mettetelo sul fuoco è sempre mescolando portatelo ad ebollizione.

7. Una volta sciolto il gelificante unitelo subito alla crema con un cucchiaio facendolo incorporare dal basso verso l’alto.

8. A questo punto unite la crema alla base biscottata. Livellatela bene e riponetea cheesecake in frigo per un’ora e mezza .

9. Passiamo ora alla copertura: frullate i frutti di bosco (precedentemente scongelati) con l’aggiunta di acqua fino ad avere una specie di purea di frutta semi liquida. Riponete il tutto in un pentolino con l’aggiunta dello zucchero e dell’agar agar.

10. Con l’aiuto di un frustino mescolate e cuocete fino a al momento dell’ebollizione.

11. Versate la purea di frutta sulla cheesecake e ponetela in frigo per almeno 3/ 4h o se possibile per una notte.

12. Una volta fredda staccate la cheesecake ai frutti di bosco, lateralmente dalla teglia e togliete SOLO il cerchio della tortiera.

13. Decorare con frutti di bosco e servite questo delizioso dolce freddo che sarà un piacere per il palato.

Processed with MOLDIV

📒 Note

– Se non avete necessità di sospendere il glutine dalla vostra alimentazione potete usare dei classici biscotti secchi di farro tipo “oro saiwa” .

– Lo yogurt di soia è sostituibile con la stessa quantità di formaggio spalmabile vegetale tipo “SpalmaRisella”.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

CANNOLI SICILIANI VEGAN

Processed with MOLDIV

Il cannolo siciliano è il dolce per eccellenza, diventato l’effigie della pasticceria siciliana è conosciuto in tutto il mondo. Ma cosa rende i cannoli siciliani così speciali? Come si fa il guscio? Quali ingredienti compongono il ripieno? Non dovrete attendere molto per scoprirlo, quindi ecco a voi la ricetta.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti per 8/10 cialde 📝

– 120 gr farina di Maiorca

– 15 gr zucchero di canna o di cocco

– 15 gr MARGARINA VEGAN MADE IN HOME (oppure qualsiasi altra margarina o burro di soia)

– 40 ml vino rosso o bianco oppure marsala

– 10 ml di acqua (se necessaria)

– ½ cucchiaino di cannella

– ½ cucchiaino di cacao

– 1 l olio di arachidi 🥜 (per friggere)

– cioccolato fondente fuso (facoltativo)

Per la farcitura :

RICOTTA DI SOIA

– zucchero di canna (o altri dolcificanti)

– gocce di cioccolato fondente

– ½ scorza d’arancia

– granella di pistacchio (facoltativa)

🍴 Preparazione cialde

1. Dentro il boccale del bimby versare tutti gli ingredienti secchi aggiungendo poi la margarina e lo zucchero. Impostate 3 minuti vel. Spiga.

2. Dal foro versare lentamente il vino ed eventualmente l’acqua.

3. Trascorsi i tre minuti togliete l’impasto dal boccale, rovesciatelo su un piano da tavolo infarinato e dategli una forma sferica.

4. Riponetelo in una ciotola coperta da pellicola trasparente per alimenti e lasciatelo riposare per 1h.

5. Prendete l’impasto e lavoratelo in modo da dargli la forma di un cilindro. Ricavate ora da esso almeno 8 piccoli rettangoli di pasta che andrete poi a stendere fino ad ottenere dei cerchi di sfoglia sottile.

2017-02-25 14.37.12.jpg

6. Avvolgeteli intorno alle apposite canne di metallo (precedentemente poco oleate).

Processed with MOLDIV

Processed with MOLDIV

7. Friggere in abbondante olio e una volta cotti, sfilare i cannoli (possibilmente quando sono ancora caldi) e lasciarli asciugare e raffreddare su carta assorbente.

Processed with MOLDIV

8. Una volta ben freddi prendete i vostri cannoli e macchiate sia le estremità che poco il centro dell’interno con del cioccolato fuso. Questo passaggio è facoltativo ma aiuterà a mantenere la cialda ben croccante prima di essere farcita.

Processed with MOLDIV

Processed with MOLDIV

Procedimento per la farcitura:

1. Prendete la vostra RICOTTA DI SOIA auto prodotta o acquistata in precedenza, versatela in una ciotola insieme alle gocce di cioccolato, la scorsa d’arancia e lo zucchero di canna. Lavorate il tutto con la forchetta.

Processed with MOLDIV

2. Il ripieno non va lavorato troppo, deve risultare sì cremoso ma senza esagerare (che sia grumoso o meno dipende dai gusti).

Processed with MOLDIV

3. Riempite i cannoli con la farcitura aiutandovi con una spatola apposita o un normale cucchiaino.

4. Decorate con la granella di pistacchi le estremità. Cospargerli di zucchero a velo e servire.

Processed with MOLDIV

📒 Note

– ⚠️ Riempite i cannoli solo poco poco prima di servirli , non ore prima altrimenti la cialda non sarà più così fragrante.

– Nelle antiche ricette siciliane di dolci il nome Maiorca stava ad indicare la farina di grano tenero per eccellenza. Si tratta di un antico grano siciliano con un indice di glutine basso, adatto soprattutto per i dolci. Se non trovate questa farina 🌾 potete sostituirla interamente con la farina di farro o con altre farine.

– Chi non possiede il bimby può impastare tutto “a mano “, per almeno 5/10 minuti unendo agli ingredienti secchi i liquidi. Il resto rimane invariato.

– Se non amate la ricotta o non potete assumere soia nessun problema, ci sono molti ripieni golosi che qui da me in Sicilia usiamo per i cannoli in sostituzione della ricotta. Tra questi la crema pasticcera in versione classica, al cioccolato o al pistacchio. Se volete realizzare questi gusti potete seguire le mie ricette base della CREMA PASTICCERA VEGAN  o della CREMA PASTICCERA AL CIOCCOLATO🍫FONDENTE (che troverete nei file precedenti). Per la versione al pistacchio dovete solo aggiungere un paio di cucchiai 🥄 di pasta di pistacchio alla crema pasticcera base una volta cotta.

– Attenzione ⚠️ : il ripieno con le varie creme deve essere ben cremoso e compatto, non liquido per cui aumentate la dose di amido di mais a 70 gr se seguite la mia ricetta.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

 

RICOTTA DI SOIA

Processed with MOLDIV

Con molta soddisfazione posso affermare che ce l’ho fatta 💪🏻anche io nella realizzazione della ricotta di soia. Devo l’esperimento a👨🏼‍🍳 Ravanello Curioso – Chef Anarco Vegan . Il consiglio principale che posso darvi è di usare un latte vegetale di soia senza zuccheri, sale e oli, poiché potrebbero incidere negativamente al momento della cagliatura della ricotta.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

Processed with MOLDIV

– 1 l di latte di soia Provamel

– 2o 3 cucchiai di aceto di mele o di riso

– 1 pizzico di sale rosa

– 6/7 cucchiai di acqua

Attrezzatura:

Bisogna avere una reticella porta ricotta, io l’ho riciclata da una vecchia ricottina.

🍴 Preparazione

1. In una pentola mettiamo il latte di soia e portiamolo ad ebollizione.

2. In un altro piccolo mettiamo acqua e aceto e facciamo lo stesso, ma questo bolle in un attimo, quindi consiglio di fare questo passaggio quando il latte di soia sta per raggiungere il punto di ebollizione.

3. Versiamo l’acqua e aceto dentro alla pentola contenente il latte bollente che abbiamo spento. Quest’ultimo deve cagliare immediatamente. Se non vediamo formarsi i fiocchi significa che il latte non va bene o che non era abbastanza caldo.

4. Mescoliamo appena, non forte per non rompere la cagliata.

5. Coprire con un coperchio e lasciar riposare per 60 minuti.

6. Quando è fredda, travasiamo il tutto dentro il cestello del bimby o in un colino e mettiamo a colare per qualche ora.

7. Trascorsa qualche ora potete aromatizzarla con zucchero di canna (polverizzato 7 sec a vel 10) oppure con altri dolcificanti. Per la versione salata potete aggiungere sale e un filo d’olio evo oppure arricchirla con altri aromi come un trito di erbe fresche, pomodori secchi, olive nere o lievito alimentare.

8. A questo punto versate la ricotta nella reticella in modo tale da poter ottenere la forma classica e riponetela in frigo per 24h.

9. Il giorno dopo noterete da subito che la ricotta si è ben compattata, quindi rovesciatela in un piatto da portata e gustatevi la vostra deliziosa creazione.

Processed with MOLDIV

📒 Note
– Controllate bene gli ingredienti e i valori nutrizionali del vostro latte di soia se vorrete ottenere una buona ricotta. L’assenza di zuccheri, sale e oli come anche la percentuale di fagioli di soia contenuta, sono fattori importanti da considerare, ma non necessariamente. Ogni marca è diversa di per se. Ad esempio il latte di soia natural della provamel che ho usato io contiene acqua e fagioli di soia decorticati* (7,2%) . Nonostante abbia ancora poca esperienza nel campo dei formaggi vegan posso affermare che i grassi e le proteine sono anch’esse da tenere in considerazione. Per citare una marca da me sperimentata in passato con fallimento (in questa specifica preparazione), ISOLA BIO. Dalla lista dei valori nutrizionali di isola bio noterete che le percentuali che vi ho accennato sono “basse” rispetto alla provamel o alla cereal (altra buona marca suggeritami). Io Ad ogni modo uso sempre provamel che è una garanzia almeno per quanto riguarda il latte di soia nelle preparazioni in cucina 

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

CHIACCHIERE VEGAN 🎭

Processed with MOLDIV

Le chiacchiere, chiamate con nomi diversi a seconda delle regioni d’Italia (frappe, cenci, bugie), sono dolci tipici della tradizione carnevalesca generalmente fritti ma ne esiste anche una variante cotta al forno. Io vi propongo entrambe le versioni 😋.
L’origine delle chiacchiere è da ricercarsi in tempi molto remoti. Già gli antichi romani erano soliti preparare dolci fritti per festeggiare i saturnali (festività corrispondenti all’odierno carnevale). Tali dolci prendevano il nome generico di frictilia e, durante i festeggiamenti venivano distribuiti alla folla che in massa si riversava per le strade.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 230 gr. di farina di farro

– 230 gr farina di maiorca tipo 1

– 40 gr. amido di mais oppure fecola di patate

– 100 gr. di zucchero di canna

– 60 gr  MARGARINA VEGAN MADE IN HOME (oppure qualsiasi altra margarina vegetale)

– 40 gr olio evo

– 120 gr di vino bianco o liquori vari

– 30/50 ml acqua

– 8/10 gr lievito per dolci

– metà scorza d’arancia o un 🥄 cucchiaino raso di vaniglia bourbon

– olio di arachidi per friggere (facoltativo)

– zucchero a velo
🍴 Preparazione

1. Inserire nel bimby gli ingredienti secchi e aggiungere la scorza d’arancia o la vaniglia bourbon.

2. Inserite anche la margarina e l’olio evo. Chiudere il bimby.

3. Azionatelo impostandolo tre minuti a velocità spiga.

4. Dal foro aggiungete lentamente il vino bianco o i liquori e poi l’acqua.

5. Togliere l’impasto dal bimby e avvolgere la pasta nella pellicola per alimenti facendola riposare a temperatura ambiente per 30 minuti.

6. Prendete l’impasto, dividetelo in due panetti iniziate a stendere il primo, avendo cura di mantenere l’altro sempre coperto.

7. Tagliate con una rotella dentata dei rettangoli da 10 x 6 cm e praticate un taglio anche nel centro per facilitare la cottura delle chiacchiere.

Processed with MOLDIV

8. Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 10 minuti circa. Devono risultare dorate altrimenti se cotte troppo avranno l’aspetto da biscotto.

Processed with MOLDIV

9. Per la versione fritta scaldare per bene l’olio d’arachidi e immergere le chiacchiere fino a doratura completa.

Processed with MOLDIV

10. Far raffreddare e cospargere di zucchero a velo.

📒 Note

– Ricordatevi che il segreto di queste chiacchiere e riuscire a tendere la sfoglia sottile, altrimenti avrete una chiacchiera buona ma “biscottata” poiché spessa.

– Per i più golosi potete intingere le chiacchiere nel cioccolato fondente fuso.

– Per quanto riguarda i liquori consiglio il maraschino e la vodka, un abbinamento perfetto. Se invece desiderate una versione analcolica magari per i bambini potete sostituire il vino o i liquori con del latte vegetale.

– Nelle antiche ricette siciliane di dolci il nome Maiorca stava ad indicare la farina di grano tenero per eccellenza. Si tratta di un antico grano siciliano con un indice di glutine basso, adatto soprattutto per i dolci. Se non trovate questa farina 🌾 potete sostituirla interamente con la farina di farro o con altre farine.

– Chi non possiede il bimby può impastare tutto “a mano “, per almeno 10 minuti unendo agli ingredienti secchi i liquidi. Il resto rimane invariato.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

PARMIGIANO DI MANDORLE 🌱VEGAN

Parmigiano di mandorle Vegan

Solo pochi ingredienti senza glutine per un risultato che non solo delizierà il vostro palato ma renderà ogni vostro piatto unico e inconfondibile. Provare per credere 😉.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 250/300 gr di mandorle pelate

– lievito alimentare in fiocchi q.b

– sale rosa q.b
🍴 Preparazione

1. In una padella antiaderente tostare per qualche minuto le mandorle pelate con l’aggiunta di un po’ di sale rosa.

2. Trasferire le mandorle tostate e salate nel bimby o in un potente frullatore, aggiungendo quanto basta dei fiocchi di lievito alimentare.

3. Tritare per qualche secondo il tutto fino ad ottenere una consistenza fine e non granulosa .

4. Il vostro parmigiano di mandorle è pronto 😋. Potete impiegarlo su qualsiasi ricetta, io lo uso spesso in ricette a base di cereali, verdure e legumi. Per citarne qualcuna: parmigiana di 🍆 🍅 melanzane, minestrone 🍲, lasagne, insalate 🥙 di cereali ecc.

📒 Note

– Provatelo sui legumi, non ne farete più a meno oppure in aggiunta ai vostri impasti quando realizzerete burger vegetali. Io ne vado matta, ogni settimana ne preparo una piccola “scorta” per la famiglia da tenere in frigo. Per quanto riguarda la durata si mantiene benissimo per settimane, in frigo ovviamente.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

CIOCCO 🍫PANCAKE 🥞 AL PISTACCHIO E YOGURT

Processed with MOLDIV

Una variante cioccolatosa dei pancake 🥞, per la vostra colazione o merenda in versione senza glutine (con farine naturali) e ovviamente Vegan. L’unione tra lo yogurt di soia al gusto pesca/mango e la granella di pistacchi rende questi pancake un piacere per il palato. Ma andiamo alla ricetta 👇🏻.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 65 gr farina di riso

– 35 gr farina di mais

– 20 gr di amido di tapioca (o in alternativa di mais)

– 8 gr di lievito

– 1 cucchiaio 🥄 e mezzo di olio di mais

– 30 gr di zucchero di canna

– 20 gr di cacao amaro

– un pizzico di vaniglia bourbon

– 300 gr di latte di mandorla

🍴 Preparazione

1. In una terrina dai bordi alti versare le farine, il cacao e l’amido setacciati uniti allo zucchero di canna, il lievito, il pizzico di sale e la vaniglia. Mescolare.

2. Miscelate l’olio al latte, quindi aggiungeteli agli ingredienti secchi.

3. Lavorate il tutto con uno frustino fino ad ottenere un composto omogeneo.

4. Non è necessario il riposo (se usate il latte di mandorle) ma io consiglio comunque di riporre il composto in frigo per almeno 15 minuti.

5. Spennellate una padella anti aderente con un filo di olio e a fuoco medio-basso riscaldare la padella. Quando sarà calda versare lentamente un piccolo mestolo di pastella e cuocere i pancake fino a cottura e doratura completa per lato.

6. Servite i vostri pancake 🥞 con lo yogurt di soia alla pesca/mango, le fette di banana 🍌 e la granella di pistacchi.

IMG_0018.JPG

📒 Note

– Qualora non abbiate il latte di mandorle, potete utilizzare un qualsiasi altro vegetale di vostro gradimento ma regolatevi con la quantità, che sarà tra i 200/250 ml poiché di solito le altre bevande vegetali sono più “liquide” e meno dense rispetto al latte di mandorla. In questo caso sarà necessario far riposare 30/45 minuti in frigo l’impasto prima di procedere con la preparazione dei pancake.

– Questa ricetta è realizzabile anche con altre farine. Io consiglio la farina di farro o le farine derivanti da grani antichi siciliani come la farina di grano tenero ” Maiorca” tipo 1 che ha un basso contenuto di glutine.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

GREY’S ANATOMY ❤️HEART VEGAN 🎂🍓CAKE

Processed with MOLDIV

Anche voi come me siete fans della famosissima serie TV americana “Grey’s Anatomy”? Benissimo, eccovi allora una mega e golosa torta 🎂 di compleanno ispirata alla serie. Ma andiamo alla ricetta 👇🏻😁:

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 2 PAN DI SPAGNA DI FARRO VEGANO

CREMA PASTICCERA VEGAN versione chantilly

– Cioccolato fondente fuso q.b

– Pasta di mandorle o di zucchero + amido di mais q.b

– Fragole 🍓 q.b

– Marmellata di fragole q.b

– 1 o 2 buste di panna di soia da montare (marca HOPLÀ) q.b

– bagna per la torta

🍴 Preparazione

1. Preparate con qualche ora di anticipo (in modo tale che possa essere ben freddo) il pan di spagna di farro.

2. Passate ora alla preparazione della crema pasticciera base a cui successivamente aggiungerete della panna di soia. Montate il tutto con le fruste elettriche per qualche minuto per ottenere una delicata e squisita crema chantilly.

3. Per la bagna io ho usato un preparato di liquori fatto da mio padre in pasticceria, apposito per la realizzazione di torte alla crema, a cui ho aggiunto zucchero di canna e acqua calda.

4. Per la realizzazione dei cuori 💕 ho usato mezzo panetto di pasta di mandorle riscaldato per pochi secondi nel microonde in modo tale da essere morbido e facile da lavorare. Successivamente ho aggiunto qualche goccia di succo di fragole e amido di mais q.b finché non ho raggiunto una consistenza morbida e non appiccicosa.

Processed with MOLDIV

5. Per creare i ritmi cardiaci ho utilizzato del cioccolato fondente fuso. Con una sacca a poche ho disegnato i ritmi su un foglio di carta da forno. Una volta ben asciutti sono pronti per essere utilizzati.

Processed with MOLDIV

6. La marmellata alla fragola con l’aggiunta di qualche goccia di succo di fragola servirà per la scritta finale. Facoltativi sono i glitter dorati alimentari.

Processed with MOLDIV

COMPOSIZIONE TORTA 🎂:

1. Ricavare quattro dischi di pan di spagna di farro.

2. Con l’aiuto di un pennello in silicone per dolci, bagniamo il primo disco di pan di Spagna con la bagna.

3. Stendere ora sulla base uno strato di crema chantilly e aggiungete le fragole tagliate in precedenza a pezzetti .

4. Poggiate ora il secondo disco di pan di Spagna inumidito e stendete la crema chantilly con l’aggiunta di pezzetti di fragole.

5. Con lo stesso procedimento di prima, alternate un’altro strato di pan di Spagna con la crema e fragole.

6. Adesso che la nostra torta è stata assemblata, ricoprite tutti i bordi con dei pezzetti sbriciolati di pan di spagna (usando l’ultimo disco).

7. A questo punto prendete la panna do soia montata e spalmatela sulla torta avendo cura di livellare anche i bordi.

8. Per finire ponete le decorazioni realizzate in precedenza ovvero i cuori di pasta di mandorle e i ritmi di cioccolato fondente; finite con una scritta d’auguri da voi personalizzata.




📒 Note

– Ho realizzato questa torta usando quasi due pan di spagna di farro (erano più di 3 kg di torta 😋).

– Se la torta è per dei bambini e volete evitare il liquore, un’idea per la bagna potrebbe essere quella di usare del latte di riso alla vaniglia.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

CREMA PASTICCERA VEGAN 

La crema pasticcera è una delle preparazioni base più note della nostra tradizione pasticcera. Nonostante non siano presenti ingredienti di origine animale, si ottiene comunque una crema squisita, adatta per essere utilizzata come farcitura di dolci, specialmente torte 🎂.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 515 gr di latte di soia alla vaniglia provamel (o altro latte vegetale)

–55 g di amido di mais o riso

– 40 g di zucchero di canna

– un pizzico di curcuma

🍴 Preparazione
1. Iniziamo polverizzando lo zucchero di canna. Inserirlo nel boccale a velocità 7 per 20 secondi.

2. Unire tutti gli altri ingredienti, e cuocere per sette minuti a 90° vel. 4;

3. Versare la crema in una ciotolina di vetro e lasciare raffreddare prima di usarla.

📒 Note

⚠️ Questa crema è adatta per farcire torte, poichè ha una consistenza morbida che personalmente mi piace. Se ritenete che la consistenza sia troppo “liquida” o dovete impiegarla per farcire dolci dove è richiesta una crema più compatta e corposa come nel ripieno dei bignè, crostate o dei CANNOLI SICILIANI VEGAN aumentate la dose di amido di mais a 70 gr.

– Per chi non possiede il bimby è possibile realizzare la crema nel metodo classico sciogliendo a freddo in un pentolino amido e zucchero di canna con il latte vegetale. Seguire poi con la cottura sul fuoco, mescolando continuamente per 10 minuti circa finché la crema non comincia ad addensarsi. Versare la crema in una ciotolina di vetro e lasciare raffreddare prima di usarla.

– Per quanto riguarda il latte vegetale (Provamel) usato nella preparazione per la crema Pasticcera, ho notato che oltre a contenere già zucchero è abbastanza dolce, così ho diminuito la quantità di zucchero che di solito uso. Se invece doveste usare un latte vegetale che non contiene zuccheri la quantità di zucchero da dosare per la crema è di 65 gr.

– Per chi non tollera la bevanda vegetale di soia è possibile realizzare la crema pasticciera con del latte di riso o miglio, aggiungendo mezzo cucchiaino di vaniglia bourbon oppure una stecca della stessa.

– Per chi ha l’esigenza di tenere la glicemia sotto controllo è possibile sostituire lo zucchero di canna con quello di cocco, altrettanto buono e ricco di proteine.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

DETOX BREAKFAST 🍎JUICE 🍊


Un gustoso succo a base di mele, arance, topinambur e zenzero efficace se si sta seguendo una dieta disintosicante e depurativa post Natale. È ricco di fibre (presenti nella mela 🍏) e contiene la pectina, entrambi questi componenti aiutano ad eliminare le sostanze tossiche; le arance 🍊 sono un’ottima fonte di acido citrico che, una volta nell’organismo, abbassa il pH, cioè l’acidità, migliora i processi digestivi, riduce la glicemia e aiuta a conservare attivo il metabolismo. Esse sono anche drenanti, depurative e antinfiammatorie, saziano, appiattiscono la pancia e ti aiutano a controllare la fame; 
il topinambur è utile alla disintossicazione del corpo a livello cellulare; È ricco di minerali quali il ferro, manganese, calcio, magnesio, potassio, fosforo, sodio. Aumenta la resistenza del corpo e le difese immunitarie. Il Topinambur accelera il metabolismo e può essere utile in caso di obesità o disturbi del tratto gastrointestinale. Nonostante sia un tubero è ideale per i diabetici in quanto ha capacità di ridurre i livelli di zuccheri nel sangue. 

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝
– 3 mele 🍎 
– 3 arance 🍊 
– 3 pezzi di topinambur 

– un pezzetto di zenzero 

🍴 Preparazione

1. Lavate e mondate le mele 🍏, le arance 🍊, il topinambur (senza pelarlo) e lo zenzero.
2. Tagliate a tocchetti la frutta, il tubero e la radice di zenzero in modo tale da poter essere inserita con facilità. 

3. Azionate il vostro estrattore e a poco a poco, inserite prima le mele, seguite dalle arance e infine aggiungete il topinambur e lo zenzero.

4. Non appena pronto, se desiderate, potete anche aggiungere dei cubetti di ghiaccio sul momento.

5. Il vostro succo green è pronto 🍹! 

📒 Note

– Abbiate cura di lavare bene frutta, verdura, tuberi e radici poiché andranno inserite con tutta la buccia. Non si butta “niente” per realizzazione di un succo. Io di solito uso il bicarbonato, ne aggiungo un cucchiaio per litro di acqua. Lascio in immersione frutta e verdura per 15 minuti. Risciacquate sempre molto bene e, se occorre, spazzolatela – e asciugatela.
– Consiglio di preparare il succo la mattina e berlo entro fine giornata (max 13-14h) sennò perde ogni beneficio e il sapore si altera.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

LASAGNE CON RAGÙ DI LENTICCHIE

Processed with MOLDIV

Una variante diversa, ma allo stesso tempo deliziosa 😋 delle classiche lasagne ma in versione senza glutine. Andiamo alla ricetta 👇🏻.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– RAGÙ DI LENTICCHIE 🍝

– lasagne in sfoglia senza glutine e vegan

– mozzarisella

– parmigiano Vegan di mandorle

– un filo d’olio evo

Ingredienti 📝per la Besciamella

– 100 gr Olio evo

– 100 gr Mix Farina S.G (per pane e pasta), farina di riso oppure amido di mais

– 1 pizzico sale rosa

– noce moscata da grattugiare q.b.

– 1 l di latte di sorgo o di soia al naturale (senza zuccheri)

Procedimento Besciamelle

1. Mettere l’olio evo in un tegame e farlo riscaldare a fuoco lento. Quando è completamente caldo togliere il tegame dal fuoco e aggiungere lentamente la farina S.G o la maizena, meglio se setacciata per evitare grumi.

2. Aggiungere anche un bel pizzico di sale rosa e la noce moscata grattugiata.

3. Mescolare bene per far sciogliere il tutto e quando il composto è ben amalgamato rimettere il tegame sul fuoco e far cuocere per un paio di minuti, sempre mescolando.

4. Aggiungere quindi il latte di sorgo (precedentemente riscaldato) a filo, continuando a mescolare.

5. Far cuocere per circa 10 minuti a fuoco basso, mescolando sempre, fino a che la besciamella non si addensa e otterrete la consistenza che più si desiderate.

🍴 Preparazione LASAGNE

1. Scottare in acqua salata le sfoglie di pasta e disporle delicatamente su una tovaglia pulita per farle asciugare, in modo tale che non si attacchino tra loro.

2. Preparare il ragù di lenticchie secondo ricetta.

3. Preparare la salsa besciamella per ultima.

4. Prendere una pirofila e “sporcarla” con qualche cucchiaio di ragù di lenticchie e di besciamella; disporre uno strato di pasta, mettere qualche cucchiaio di ragù, qualche cucchiaio di besciamella, aggiungere la mozzarisella tagliata a cubetti e spolverare con il parmigiano di mandorle. Procedere allo stesso modo fino alla fine degli ingredienti terminando con il sugo, un poco di besciamella, la mozzarisella e il formaggio di mandorle.

5. Mettere in forno preriscaldato a 200° per circa mezz’ora; appena pronte farle riposare a forno spento per una decina di minuti quindi servirle subito in tavola.

📒 Note

Per chi NON è Celiaco o Intollerante al glutine: potete usare qualunque tipo di lasagna in sfoglia (purché non contenga uova). Io suggerisco quelle di semola o di farro. Per quanto riguarda il latte vegetale usato per la besciamella vi consiglio quello d’avena, rende benissimo per la preparazione di questa salsa e sinceramente lo preferisco al latte di soia. Per la farina usata nella besciamella andrà bene qualsiasi tipo, io prediligo quella semi integrale o di farro.

– Per chi possiede il bimby potete preparare la besciamella seguendo questa modalità: Inserite tutti gli ingredienti nel boccale. 12 Min. 90° Vel. 4.

– Per il parmigiano Vegan di mandorle: vi basterà tostare delle mandorle con del sale rosa, dopo aggiungere del lievito alimentare in fiocchi e tritare il tutto finemente in frullatore o nel bimby.

– Per la mozzarella di riso se avete tempo potete anche realizzare la mia MOZZARISELLA CON LATTE DI RISO AUTO PRODOTTO VERSIONE 2.0 oppure produrne una voi, ne esistono diverse versioni vegetali e presto ve ne mostrerò anch’io qualcun’altra 😉.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

RAGÙ DI LENTICCHIE 🍝


Semplice, gustoso e senza glutine;
il ragù di lenticchie è un ottimo sostituto del ragù tradizionale a base di soia o setain, una valida alternativa per chi non ama includere ingredienti di origine animale nel proprio regime alimentare.

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti per 6/8 persone 📝

– 500 gr lenticchie mignon miste (verdi, rosse e classiche)

– un pezzetto di alga kombu

– 2 foglioline d’alloro

– 2 carote 🥕

– ½ cipolla grande

– 2 gambi di sedano

– 1.500 l passata di pomodoro 🍅 vellutata

– 1 tazzina d’aceto di mele

– olio evo e sale rosa q.b

– curcuma, pepe nero e zenzero q.b

🍴 Preparazione

1. Lavate, scolate e mettete in pentola a pressione le lenticchie insieme al pezzetto di alga kombu e le due foglioline d’alloro. Aggiungete dell’acqua fino a ricoprirle.

2. Chiudere la pentola a pressione e far cuocere 8 minuti dal momento del fischio.

3. Una volta cotte scolatele e lasciate intiepidire.

4. Iniziamo a preparare il nostro ragù: lavare, mondare e tritare le 🥕 carote, i gambi di sedano e la cipolla.

5. Scaldate in una pentola capiente un filo d’olio, quindi aggiungete le verdure tritate precedentemente. Fate rosolare il tutto per circa cinque minuti.

6. A questo punto aggiungete le lenticchie e fate rosolare bene, mescolando continuamente in modo delicato per 5 minuti circa.

7. Sfumate con l’aceto di mele lasciando evaporare.

8. Incorporate la passata ed un pizzico di zucchero per togliere l’acidità del pomodoro. Aggiustate di sale e spezie lasciando cuocere per circa 15 minuti a fuoco dolce, mescolando di tanto in tanto, finché il sugo risulterà corposo e non troppo liquido.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

GRANO SARACENO CON ZUCCA 🎃 HOKKAIDO, CAVOLO VIOLA E CECI

Non tutti la conoscono e usano ma la zucca Hokkaido si è diffusa inizialmente in Giappone 🇯🇵 dove tuttora rappresenta uno degli alimenti base. È una varietà d’eccellenza che vale la pena provare. Il suo sapore è semi dolce, molto delicato e si adatta bene ad ogni tipo di preparazione specialmente nei dolci. In questa ricetta ho deciso di abbinarla al cavolo viola e ceci, un unione al dir poco fantastica.

👉🏻 Cosa ti serve?
Ingredienti 📝
– 55 gr di grano saraceno

– 1 cavolo viola piccolo

– Zucca Hokkaido (o altra zucca ) q.b.

– ceci (cotti)

– cipolla q.b.

– curcuma e zenzero q.b

– sale rosa e olio evo q.b

– olio di lino q.b

– “parmigiano” di mandorle auto prodotto

🍴 Preparazione

1. Mondate, lavate e tagliate a finemente il cavolo viola. Stesso procedimento per la zucca che invece andrà tagliata a cubetti.

2. In due padelle differenti facciamo cuocere per 15 minuti circa per primo il cavolo viola che verrà saltato in padella con un soffritto di cipolla. Nella seconda andremo a cuocere a vapore la zucca accompagnata da uno spicchio d’aglio. A fine cottura inserite le spezie, il sale rosa e l’olio evo.

3. Cuocere il grano saraceno in acqua salata per 16 minuti.

4. In una terrina unire tutti gli ingredienti precedentemente preparati, ovvero: il cavolo, la zucca , il grano saraceno, i ceci (nel mio caso precedentemente preparati nella pentola a pressione con un brodo di verdure fatto da me), e l’olio di lino. Mescolate il tutto.

5. Servite con una bella spolverata di “parmigiano” di mandorle che esalterà il tutto.


📒 Note

– Potete usare qualsiasi altro cereale senza glutine o no (per i non celiaci)

– Per il “parmigiano” Vegan di mandorle: vi basterà tostare delle mandorle con del sale rosa, dopo aggiungere del lievito alimentare in fiocchi e tritare il tutto finemente in frullatore.

– 🌱The Happy Rabbit🐰 –

SUCCO GREEN DETOX (CON MELA 🍏, CETRIOLO E LATTUGA ROMANA)

2016-09-17 10.21.09.jpg

Ultimamente si sente molto parlare dei benefici apportati dai succhi detox, che siano “green” (verdi), alla frutta o mixati con frutta e verdura. Il succo che vi propongo è a base di mela 🍏, cetriolo e lattuga.

La mela 🍏 contiene molte fibre e contiene la pectina, entrambi questi componenti aiutano ad eliminare le sostanze tossiche, in particolare aiutano l’organismo a abbassare il colesterolo.

Il cetriolo è molto ricco di acqua e, quindi, aiuta la diuresi, grazie alle sue proprietà depurative e antinfiammatorie;

La lattuga romana invece è ricca di proteine, omega 3 e vitamina C apporta un sacco di benefici per la salute, in particolare per l’apparato digerente.

L’ estrattore di succo sta riscuotendo molto successo ultimamente in Italia, tanto è vero che è risultato tra gli elettrodomestici più venduti. I succhi estratti non solo sono un’ottima fonte di micronutrienti (vitamine, minerali, oligoelementi…) ma vi faranno sentire meglio, rendendovi energici in modo naturale, a differenza dei succhi di frutta commerciali, che sono pieni di conservanti e zuccheri.

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 2 mele verdi o di qualsiasi altra varietà

– 2 cetrioli

– 8/10 foglie di lattuga romana

🍴 Preparazione

1. Lavate e mondate le mele, i cetrioli e le foglie di lattuga.

2. Tagliate a tocchetti frutta e verdura in modo tale da poter essere inserita con facilità.

3. Azionate il vostro estrattore e a poco a poco, inserite prima le foglie di lattuga, seguite con i cetrioli e infine aggiungete le mele.

4. Non appena pronto, se desiderate, potete anche aggiungere dei cubetti di ghiaccio sul momento.

5. Il vostro succo green è pronto 🍹!

2016-09-16 11.46.48-2.jpg

📒 Note

– Abbiate cura di lavare bene frutta e verdura poiché andranno inserite con tutta la buccia. Non si butta “niente” per realizzazione di un succo. Io di solito uso il bicarbonato, ne aggiungo un cucchiaio per litro di acqua. Lascio in immersione frutta e verdura per 15 minuti. Risciacquate sempre molto bene e, se occorre, spazzolatela – e asciugatela.

– Consiglio di preparare il succo la mattina e berlo entro fine giornata (max 13-14h) sennò perde ogni beneficio e il sapore si altera.

– Potere usare qualsiasi varietà di lattuga poiché fa bene alla salute ed ha numerosi nutrienti che apportano benefici all’organismo. Tuttavia, la varietà “lattuga romana” contiene nutrienti in quantità un po’ più elevate.

🌱The Happy Rabbit 🐰

VEGAN PANCAKE BIG HERO

Big_Hero_6_Baymax.jpg

#‎senzaglutine‬ Disney Italia Disney

Conoscete Baymax protagonista del film d’animazione Disney BIG HERO 6?

È un tenero robot gonfiabile extra-large, tecnicamente un assistente sanitario con il compito di prendersi cura degli altri.

Per la gioia dei più piccini 👧👦 ma anche per noi un po’ più grandicelli, ecco un tenero Baymax pancake che lascerà un sorriso durante la merenda o la colazione.

Ecco la ricetta 👇 😋:

👉  Cosa ti serve?

Ingredienti per 2-3 persone

– 200 gr mix dolci senza glutine “Leila – natura e sapore” ( oppure il mix dolci “Farabella”)

– 320/ 360 ml di latte di riso (oppure miglio)

– 4 cucchiai di olio di mais

– 4 cucchiaini di lievito per dolci ‘biovegan’

– 1 pizzico di sale rosa

– 1 pizzico di curcuma

– 1 pizzico di vaniglia

🍴 Preparazione

1. In una terrina dai bordi alti versare il mix setacciato unito allo zucchero di canna, il lievito, il pizzico di sale, la vaniglia e la curcuma. Mescolare.

2. Miscelate l’olio al latte, quindi aggiungeteli agli ingredienti secchi.

3. Lavorate il tutto con uno frustino fino ad ottenere un composto omogeneo.

4. Lasciare riposare il composto in frigo per almeno 20-30 minuti.

5. Spennellate una padella anti aderente con un filo di olio e a fuoco medio-basso riscaldare la padella. Quando sarà calda versare lentamente un piccolo mestolo di pastella e cuocere i pancake fino a cottura e doratura completa per lato.

14034984_1102734269764479_1885751492718529617_n.jpg

6. Servite i vostri pancake con lo sciroppo d’acero o come più preferite dando spazio alla vostra fantasia e gusto.

14045716_1102734109764495_6471233792748223543_n

📒 Note

– Per facilitarvi nella realizzazione del personaggio Disney BIG HERO versate la pastella (mi raccomando deve essere densa) in una bottiglietta con beccuccio stretto in modo tale da usare questa per ‘disegnare’ il vostro personaggio animato.

– Potete realizzare questa ricetta anche con altre farine: 180 gr farina di farro + 20 gr farina di mais fioretto (adatta per dolci) oppure interamente con la farina di farro.

– La polvere lievitante per dolci Biovegan è realizzata con cremor tartaro, senza aggiunta di fosfati. Il prodotto aiuta a conferire all’impasto una struttura soffice ed è ideale per la realizzazione di ogni tipo di dolce ed è più tollerato da chi presenta fastidi o intolleranze al classico lievito per dolci presente in commercio.

🌱The Happy Rabbit🐰

 

PEPERONI RIPIENI ALLA SICILIANA

13906792_1100501029987803_8607474531162660257_n

Un altro piatto della tradizione siciliana sono: i peperoni ripieni, che dalle mie parti chiamiamo ‘Pipi Chini’. Una ricetta ricca di sapore, che amo preparare in estate con i peperoni piccoli e tondi. All’interno c’è un ripieno saporito di pan grattato, capperi di Pantelleria (oppure olive nere), prezzemolo, parmigiano veg di mandorle, qualche pezzetto di pomodoro fresco unito a della salsa per dare umidità, e un po’ di erba cipollina. Per finire io aggiungo sempre della mozzarella di riso.
Buoni tiepidi ma anche freddi, sono eccezionali specialmente se mangiati il giorno dopo la preparazione.

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 10 peperoni piccoli e tondi

– pan grattato di mais senza glutine q.b

– pan grattato di riso senza glutine q.b

– 60 gr parmigiano Veg di mandorle

– mozzarella di riso q.b

– due pomodori

– salsa di pomodoro q.b

– una manciata di capperi di Pantelleria o olive nere (facoltativi)

– prezzemolo q.b

– qualche filo di erba cipollina

– curcuma e coriandolo q.b

– sale rosa ed olio evo q.b

🍴 Preparazione

1. Lavare i peperoni piccoli, togliere la parte superiore ( il cosiddetto ‘cappello’) e metterla da parte, quindi svuotateli con cura dai semi.

13921038_1100501093321130_5251970299142190540_n

2. Ungere sia esternamente che internamente i peperoni, compresi i “cappelli” con un po’ di olio evo e salarli leggermente. Preriscaldare il forno a 200° in modalità statico – ventilata.

3. Passiamo al ripieno: In una ciotola mescoliamo i due tipi di pan grattato senza glutine, il prezzemolo, l’erba cipollina e i capperi tritati finemente (oppure le olive nere), unite anche il parmigiano veg di mandorle, un pizzico di sale rosa, le spezie, il pomodoro privato della buccia (tagliato a cubetti piccoli), e qualche cucchiaio di salsa di pomodoro. Aggiungere quindi al composto tanto olio quanto basta a inumidire il tutto senza renderlo ‘troppo umido’ poiché deve risultare un composto sgranato ma soffice.

4. Alla base di ogni peperone mettete dei cubetti di mozzarella di riso, seguite con la farcia preparata in precedenza e finite aggiungendo altri cubetti di mozzarella vegetale. ‘Chiudete’ coprendo con le calottine tagliate all’inizio.

5. Rivestite la teglia con la carta forno unta d’olio, e ponete i peperoni, spolverateli con parmigiano di mandorle.

6. Irrorateli con abbondante olio extravergine d’oliva, comprimendoli bene affinché non si secchino troppo durante la fase di cottura.

7. Cuocete a 190° per circa 45 minuti.

8. Serviteli tiepidi, ma il mio consiglio è di gustarli ben freddi 😋 magari accompagnati da un buon bicchiere di vino rosso.

13882591_1100501109987795_7456597555736780173_n

📒 Note

– Per il parmigiano Veg di mandorle: vi basterà tostare delle mandorle con del sale rosa, dopo aggiungere del lievito alimentare in fiocchi e tritare il tutto finemente in frullatore.

– Potete realizzare questa ricetta anche con del pangrattato integrale classico.

– Per la mozzarella di riso se avete tempo potete anche realizzare la mia mozzarisella con latte di riso auto prodotto (ricetta nei post precedenti) oppure produrne una voi, ne esistono diverse versioni vegetali e presto ve ne mostrerò anch’io qualcun’altra 😉.

🌱The Happy Rabbit🐰

 

FOCACCIA 🍕 TRADIZIONALE MESSINESE CON FARINE DI GRANI ANTICHI

13932880_1098391646865408_2322299880667368884_n

Come accennato in un post passato, per la realizzazione di questa tradizionale focaccia siciliana, mi sono dovuta cimentare con un grande abile maestro del mestiere ovvero mio padre. In tutto questo, dovendo seguire la sua ricetta “famosa” e tramandata, è partita in atto una sfida, padre onnivoro contro figlia vegana …

Chi ha vinto? Beh, ovviamente l’allieva 🙋.
Ma andiamo alla ricetta 😊👇.

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

Per l’impasto:

– 100 gr farina di farro integrale

– 700 gr farina di farro bianco

– 200 gr semola di grano duro Timilia (grano antico siciliano)

– 20 gr zucchero di canna

– 60 gr olio evo

– 15 gr sale rosa

– 30 gr lievito di birra

– 588 gr acqua minerale naturale

Condimenti:

– Un cespo di scarola (invidia)

– pomodori tagliati a fette q.b

– mozzarisella (mozzarella di riso) q.b

– origano q.b

– sale rosa q.b

– pepe bianco q.b

– olio evo q.b

– coriandolo q.b (facoltativo)

– parmigiano veg di mandorle auto prodotto

🍴 Preparazione

1. Iniziamo con il disporre le farine a fontana, aggiungendo nel centro lo zucchero di canna, l’olio evo, il sale e sbriciolate all’interno il lievito di birra.

2. Lentamente aggiungere poca acqua per volta, in modo tale da sciogliere il lievito e amalgamate il tutto con una forchetta facendo attenzione a non far fuoriuscire quest’ultima.

3. Cominciare a lavorare l’impasto e appena otterrete un impasto omogeneo (deve essere appiccicoso) aggiungete la restante acqua sempre lentamente in modo tale che possa essere tutta assorbita.

4. Continuate a lavorare con le mani portando poco a poco al centro le farine restanti, finché non si è formato un impasto morbido, liscio ed elastico.

5. L’impasto deve essere molto elastico, non duro. Non preoccupatevi se risulterà leggermente appiccicoso. 13912728_1098392410198665_914682044191830496_n.jpg

6. Con le mani unte di olio, ponete il panetto d’impasto su una teglia con carta da forno oleata e lasciate lievitare in forno spento per 60/90 minuti circa.

13886887_1098392206865352_1526798347971031663_n.jpg

7. Per ottenere una focaccia non troppo alta e croccante consiglio di dividere l’impasto in tre panetti.

13938603_1098392030198703_5498367686326781098_n.jpg

8. Stendere con i polpastrelli della dita unti di olio evo l’impasto, allo spessore desiderato. Condire la base con delle fette di mozzarisella, seguite dalla scarola e dalle fette di pomodoro. Finite con l’aggiunta di aromi, olio evo, sale e spezie. Riposo per 30/45minuti.

13934616_1098391936865379_4380614327772129016_n

9. Preriscaldate il forno in modalità ventilata/statica a 220 gradi o se il vostro forno è di ultima generazione, impostatelo in modalità pizza. Cuocete per 35/45 minuti (dipende dal forno).

10. Circa 5/10 minuti prima della fase finale di cottura, estraete la teglia dal forno e disponete in superficie altre fette di mozzarisella. Rimettere in forno e completate la cottura.

13932880_1098391860198720_1440372352731527131_n.jpg

13903245_1098392126865360_7246513456012659588_n.jpg

📒 Note

– Per la mozzarella di riso se avete tempo potete anche realizzare la mia mozzarisella con latte di riso auto prodotto (ricetta nei post precedenti) oppure produrne una voi, ne esistono diverse versioni vegetali e presto ve ne mostrerò anch’io qualcun’altra 😉.

– Per il parmigiano Veg di mandorle: vi basterà tostare delle mandorle con del sale rosa, dopo aggiungere del lievito alimentare in fiocchi e tritare il tutto finemente in frullatore. Se desiderate potete lasciarlo anche più “granuloso” come ho fatto io per la focaccia.

– Se avete poco tempo e volete realizzare l’impasto della focaccia nel Bimby ecco il procedimento: Inserire nel boccale circa metà dell’acqua che ci occorrerà per la preparazione, il lievito e lo zucchero di canna e impostate 1.30 min, 37 gradi vel 3. Aggiungete le farine e andate a vel 4 per 50 secondi. Azionate la vel. spiga per 5 minuti circa e intanto versate poco per volta a più riprese la restante acqua e l’olio nell’impasto, lasciando che si assorba prima di aggiungerne altro. Poco prima dello scadere dei 5 minuti aggiungete il sale rosa. Prelevare l’Impasto dal boccale e continuare dal punto 6 in poi.

🌱The Happy Rabbit🐰

INSALATA ESTIVA CON FAGIOLI NERI, CECI, FARRO E RADICCHIO

2016-06-07 13.49.51-2.jpg

Avete mai provato i fagioli neri? Se non l’avete mai fatto, ve li consiglio, sono ottimi, leggeri e proteici. L’estate è ormai presente, così come la voglia di cibi leggeri e freschi e veloci da preparare, quindi perché non provare a combinare una buona insalata, semplice gustosa e completa dal punto di vista nutrizionale. Come cereale io ho usato il farro ma potete tranquillamente sostituirlo con dell’ottimo grano saraceno o quinoa per una versione gluten free. Altro ingrediente “segreto” qui presente, è l’olio di sesamo, ricco di sali minerali, calcio, vitamina A, E e vitamine del gruppo B.

Ma andiamo alla ricetta 😉 👇.

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 60 gr circa di farro (o altro cereale senza glutine)

– fagioli neri già cotti q.b

– ceci già cotti q.b

– radicchio tagliato a julienne q.b

– olio di sesamo q.b

– olio evo q.b

– mix di semi tritati ( zucca, lino, sesamo, girasole)

– gomasio q.b (facoltativo)

🍴 Preparazione

1. Cuocere il farro in acqua salata per circa 15 minuti.

2. In una terrina unire tutti gli ingredienti precedentemente preparati, ovvero: i legumi, il radicchio, il farro, gli oli e il gomasio. Mescolate il tutto.

3. Servire l’insalata tiepida o fredda, a seconda dei vostri gusti, accompagnata da una spolverata di seno misti.

4. Il piatto è pronto, non vi resta che gustarvelo. Buon appetito amici 😉😋.

📒 Note

– Come accennato prima potere sostituire tranquillamente il farro con altri cereali senza glutine, come dell’ottimo grano saraceno o quinoa per una versione gluten free.

– I legumi (fagioli neri e ceci) sono tutti biologici e sono stati cotti precedentemente in pentola a pressione con un dado di verdure fatto da me nel bimby, con aggiunta di alga kombu, alloro (che facilitano la digestione e diminuiscono i tempi di cottura) e spezie a fine cottura; Se avete poco tempo potete usare tranquillamente anche dei legumi bio già cotti che troverete facilmente in delle boccette di vetro in qualsiasi negozio bio o supermercato.

🌱The Happy Rabbit🐰

GRANITA 🍧 SICILIANA PESCA/MANGO

2016-07-31 09.13.59-2.jpg

La granita, dolce freddo al cucchiaio, tipico della mia terra, la Sicilia, è il dolce estivo per eccellenza, morbido e fresco accompagna le ore calde dalla colazione del mattino, fino al dopo cena. La “granita câ brioscia cu tuppo” (granita con brioche col tuppo) è la colazione tipica, sopratutto d’estate.
E’ davvero un delizioso modo per iniziare la giornata, ma lo potete gustare anche dopo il pranzo o la cena, servito in dei bicchierini per rinfrescarvi nelle calde giornate estive. Per questa granita ho scelto di abbinare due dei mie frutti preferiti ovvero la pesca e il mango; Il risultato? Strabiliante! Ma andiamo alla ricetta 😊 👇.

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 300 gr di pesche (precedentemente surgelate)

– 200 gr di mango (precedentemente surgelato)

– 125 gr zucchero di canna

– 200/300 gr di ghiaccio

– acqua minerale naturale ben fredda q.b

– una spruzzata di succo di limone

Per la brioche: Continua a leggere

SMOOTHIE BOWL 🍌🍒 (FRULLATO CREMOSO IN CIOTOLA)

Gli “Smoothie Bowls” ovvero frullati in ciotola oltre ad essere un must di tendenza, sono così buoni, freschi, leggeri e proteici che non potrete più farne a meno. Si possono mangiare come una sana colazione, pranzo o merenda. Ve li consiglio specie dopo una bella camminata o corsetta mattutina, perché vi daranno molta carica ed energia soprattutto in estate.

Qual’è la differenza fra un frullato (smoothie) e un frullato in ciotola (smoothie bowl) ? Sicuramente la consistenza e l’aggiunta del topping (decorazione). Mentre un frullato tradizionale viene bevuto con una cannuccia, un frullato in ciotola dal momento che ha una certa consistenza vi permette di guarnirlo con topping deliziosi e di mangiarlo con il cucchiaio. La ricetta standard per lo smoothie BOWL prevede l’aggiunta di frutta congelata, di due banane affettate e congelate, e di latte vegetale.

Ma andiamo alla ricetta 👇 😋.

2016-07-03 10.18.03-2.jpg

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

Per lo smoothie bowl:

– 300 gr circa di frutti di bosco congelati

– 300 gr circa di ciliegie congelate

– 2 banane affettate e congelate

– 4-6 cucchiai yogurt di soia al mirtillo (facoltativo)

– Latte di mandorla, di cocco o di miglio q.b

– 3-4 Cubetti di ghiaccio (facoltativo)

Per il topping (decorazione):

– Mirtilli freschi q.b

– Ciliegie fresche q.b

– Qualche fetta di banana

– Semi di chia q.b

– Semi di zucca q.b

– Cocco rapé q.b

🍴 Preparazione

1. Mettete la frutta congelata, lo yogurt di soia al mirtillo, e i cubetti di ghiaccio nel bimby o in un potente frullatore.

2. Azionate il bimby e a filo aggiungete il latte vegetale fino a raggiungere una consistenza cremosa ma non troppo liquida.

3. Versate lo smoothie in due ciotole e guarnite con i mirtilli, le ciliegie, le fette di banane fresche, i semi di chia e di zucca e per rendere ancora tutto più dolce, finite con del cocco rapé.

Processed with MOLDIV 

📒 Note

– Per realizzare il vostro SMOOTHIE BOWL potete usare la frutta che più preferite ( ma la banana congelata di solito è presente come frutto) e qualsiasi altro yogurt o latte vegetale.

– E’ possibile anche aggiungere della frutta secca;

– Non è necessario dolcificare, ma se volete potete utilizzare due cucchiaini di sciroppo d’agave.

🌱The Happy Rabbit🐰

BRIOCHE CON IL TUPPO SICILIANE VEGAN Vers. 2.0

E se a colazione la brioche fosse con il tuppo? Nella mia regione, in Sicilia, la tradizione vuole che la colazione (in particolare modo in primavera/estate), venga consumata con una tipica brioche tonda e calda con sopra un piccolo “tuppo”, accompagnata da gelato o granita con panna. Un connubio davvero sorprendente.

La brioche siciliana e’ inconfondibile a partire dall’aspetto a doppia cupola, con una “pallina” grande come base e una piccola al centro sopra di essa. Il nome deriva proprio dal loro aspetto che richiama il tradizionale chignon basso che le donne siciliane portavano un tempo, detto nel dialetto locale per l’appunto “tuppo”.

La ricetta tradizione prevede ingredienti di origine animale ma ovviamente, io vi propongo la mia versione in chiave Vegan; dopo diversi esperimenti, negli anni, posso ora, affermare con soddisfazione, di essere riuscita a mettere appunto un’ottima ricetta, molto apprezzata dai parenti e amici onnivori che si sono piacevolmente sorpresi nell’assaggiare la mia brioche.

Se vi trovate in Sicilia non perdete l’occasione di assaggiarla (per chi è vegetariano/onnivoro), se invece non avete in programma un viaggio alla scoperta di gusti e tradizioni di questa bellissima terra che è la Sicilia, vi mostrerò io come farla, perciò impariamo insieme come prepararla in casa 😉 , non è difficile, la si può realizzare anche a mano, ma, come tanti impasti lievitati, ci vuole pazienza e passione nel prepararla.

Eccovi la ricetta 👇.

2016-06-14 14.39.05-2.jpg

Processed with MOLDIV

Ingredienti per 12 brioche 📝

per il lievitino

– 150 gr farina manitoba

– 120 gr acqua naturale

– 12,5/13 gr lievito di birra

– un pizzico di zucchero di canna

Per l’impasto

– 325 gr farina di farro

– 25 gr farina manitoba (oppure farina di Maiorca, deriva da un grano antico siciliano a basso indice glutinico)

– 50 gr acqua naturale

– 60/70 gr di latte di miglio (o altro latte vegetale)

– 150/160 gr MARGARINA VEGAN MADE IN HOME oppure 100 gr olio di semi di mais o vedi suggerimenti nelle note

– 90 gr zucchero di canna

– 2 cucchiai colmi di sciroppo d’agave o malto di riso

– 5 gr di sale rosa

– mezzo cucchiaino di vaniglia bourbon

– scorza grattugiata di mezzo limone

– un pizzico di curcuma

– latte vegetale + sciroppo d’agave q.b (per lucidare le brioche)

🍴 Preparazione

Per il lievitino:

1. Iniziamo con la preparazione del lievitino (questo ci permetterà di ottenere un impasto molto soffice e leggero) : nel boccale del bimby inserire l’acqua, il pizzico di zucchero e il lievito. 10 secondi, vel. 4, 37°. Successivamente inserire la farina Manitoba e impostate la modalità spiga per 40 secondi. Trasferite l’impasto in una terrina e lasciate lievitare per 30 minuti in forno preriscaldato a 30° (in estate questo passaggio si potrà evitare).

2016-06-14 10.09.08-2.jpg

Preparazione impasto:

2. Trascorsi i trenta minuti di lievitazione del lievitino passiamo ora alla preparazione dell’impasto: Riprendiamo il bimby e dentro il boccale versatevi la restante acqua, il latte di miglio,lo zucchero di canna, il sale rosa, le farine, il pizzico di curcuma, la scorza di limone e la vaniglia bourbon. 50 secondi, vel. 4. Versate ora la margarina auto prodotta per 40 secondi velocità spiga. Infine aggiungere il lievitino per 2:30 minuti/secondi, continuando sempre con la modalità spiga. Controllate l’impasto e fate andare per altri 40 secondi impostando la modalità antiorario e spiga. Trasferite nuovamente l’impasto nella terrina e lasciate lievitare per 90 minuti in forno preriscaldato a 30°.

2016-06-14 10.31.22-2.jpg

Preparazione brioche:

Processed with MOLDIV

3. Trascorso il tempo della prima lievitazione, posate l’impasto sul piano da lavoro infarinato e date un giro di pieghe a 90° dette a “portafoglio”, che serviranno a infittire la maglia glutinica e l’alveolatura. Le pieghe “a portafoglio” consistono nel prendere ogni angolo del nostro impasto, partendo da destra, stenderlo delicatamente e successivamente portarlo al centro. Si continuerà così finché non si chiuderà il giro.

4. Se durante la lavorazione l’impasto dovesse risultare leggermente appiccicoso non preoccupatevi, continuate a lavorarlo per 5/8 minuti spolverandolo con altra farina.

5. Ottenuto un panetto liscio, lasciatelo a riposare in una ciotola coperta per circa 15/20 minuti sempre in forno spento “preriscaldato” con luce accesa.

Per la formatura:

6. A questo punto dividere l’impasto formando delle palline grandi (da 75/80 gr ciascuno) e delle palline piccoline, il cosiddetto “tuppo” (da 15/20 gr ciascuno), sovrapponendo quest’ultime a quelle grandi.

2016-06-14 12.50.19-2.jpg

7. Sistemare le brioscine nella teglia coperta di carta forno e pennellatele con una miscela di latte + sciroppo d’agave.

8. Far raddoppiare le brioscine, ci vorranno circa 20/30 minuti, dipende dalla temperatura.

9. Poco prima che scada il tempo di riposo, accendere il forno a 190° modalità statico – ventilato, sistematevi nella parte bassa un pentolino di acqua fredda, e non appena avrà raggiunto la temperatura desiderata, infornare le brioche; Dopo circa 7 minuti abbassare la temperatura a 160°. Cuocere per circa 15 minuti.

2016-06-14 13.43.05-2.jpg

10. A fine cottura non tirare subito le brioche via dal forno, ma, lasciatele altri 5/10 minuti con lo sportello semi aperto.

2016-06-14 14.41.08-2.jpg

Sfornatele e lasciatele intiepidire su una gratella, dopodiché apritele e pappatevele 😋 col gelato 🍦o con un ottima granita 🍧.

2016-06-14 14.38.45-2.jpg

📒 Note

– Per chi non possiede il bimby niente paura, è possibile realizzare i passaggi del lievitino e dell’impasto, impastando tutto a mano, per almeno 10 minuti.
Ps. Per Il passaggio “2” : sciogliere lo zucchero e il lievito con acqua naturale tiepida. Il resto rimane invariato.

– I tempi di lievitazione sono importanti e si regolano sopratutto in base alla temperatura poiché possono variare da una trentina di minuti fino ad arrivare anche a due o tre ore; un’altro suggerimento è di non lasciare lievitare troppo le brioche specie in estate perché otterreste solo l’effetto “ruota bucata” ovvero in cottura o dopo quest’ultime potrebbero afflosciarsi e appiattirsi.

– Per questa specifica preparazione ho usato anche la farina Manitoba, che sono solita usare molto poco e di rado. Se volete evitarla potete sostituirla tranquillamente con la farina di farro o con altre farine, come quella di Maiorca, derivante da grani antichi siciliani.

– Per quanto riguarda la margarina auto prodotta, se avete difficoltà nel prepararla, trovare gli ingredienti oppure semplicemente non la tollerate a causa di allergie o intolleranze alla soia, potete sostituirla con olio di mais, burro di cacao sciolto a bagno maria, con olio di cocco ammorbidito (100 gr) oppure se avete modo di trovarlo usate il burrolì (150 gr), un burro vegetale, un po’ costoso, ideato la Luca Montersino), mantenendo così la “parte grassa”.

🌱The Happy Rabbit🐰

BIETOLE CON GRATINATURA MORBIDA ALLA SICILIANA

Le bietole in padella sono un classico della cucina tipica siciliana specie se gratinate, perché si sa, qui da me in Sicilia, soprattutto in alcune città, la gratinatura con pangrattato va a braccetto con qualsiasi cibo.

Oggi vi propongo queste ottime verdure gratinate morbide in padella (non in forno come si usa di solito) e spezziate. Un piatto semplice, veloce, senza glutine e proteico se accompagnato come ho fatto io con delle lenticchie precedentemente cotte.

Ma eccovi la ricetta 👇🏻😊.

2016-05-31 21.06.44-2.jpg

👉🏻 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 2 fasci di bietole

– pan grattato senza glutine q.b

– 1 spicchio d’aglio

– Olio evo e sale rosa q.b

– curcuma e coriandolo q.b

– gomasio q.b (facoltativo)

– lenticchie precedentemente cotte e condite per accompagnare (facoltative)

🍴 Preparazione

1. Pulire le bietole, eliminando tutte le foglie rovinate e i gambi più duri.

2. Lavarle molto bene, facendole scolare un po’, ma non del tutto.

3. A questo punto scottatele per alcuni minuti in acqua salata.

4. In una padella o pentola alta mettere l’olio evo e lo spicchio d’aglio, far soffriggere senza farlo scurire troppo. Aggiungere le bietole, il pan grattato, le spezie e salare.

5. Mettere il coperchio sulla padella o pentola e far cuocere a fiamma moderata, per circa 5/10 minuti al massimo. Se necessario, nel caso dovessero cominciare ad attaccarsi al fondo della pentola, aggiungere un pochino d’acqua.

6. Continuare la cottura fino a quando non si saranno ammorbiditi, e il pangrattato sarà diventato un tutt’uno con le bietole, formando una sorta di “gratinatura morbida”.

7. Servitele tiepide, con una spolverata di gomasio e se lo desiderate potete accompagnarle con delle lenticchie precedentemente cotte e dei crostini di pane tostato.

📒 Note

– Come pangrattato senza glutine io ho usato quello della KOILIA (che trovo davvero ottimo), ma voi potete usare quello che più gradite. Ovviamente potete realizzare la ricetta anche con ingredienti contenenti glutine, di cui consiglio sempre la versione integrale, se possibile con grani antichi.

🌱The Happy Rabbit🐰

RISO ALLA CANTONESE VEGAN 🍚 🇨🇳

Dopo un breve periodo di assenza, eccomi 🙋 🏻💪🏻, tornata a fare ciò che amo, ovvero cucinare e scrivere ✍🏻sul blog, condividendo con voi, le mie realizzazioni e soddisfazioni. Quella che sto per proporvi, è una ricetta appartenente alla tradizione cinese, molto semplice e quasi senza glutine (ad eccezione di un ingrediente che potrete sostituire con molta facilità).

Vi sto parlando del Riso alla Cantonese, tipico piatto tradizionale cinese della regione di Canton. La ricetta originale prevedeva tra gli ingredienti il riso a grana lunga (tipo basmati) lessato e saltato insieme ai piselli e ad altri ingredienti di origine animale; ovviamente io vi propongo la mia versione Vegan. Quand’ero onnivora, preparavo spesso questa ricetta per me e la mia famiglia, ma vi assicuro che la versione vegana è nettamente migliore in termini di sapore, non ha eguali, infatti è stata molto gradita da tutti.

Ma eccovi la ricetta 👇🏻.

Processed with MOLDIV

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti (per 5 persone) 📝

– 380 gr di Riso basmati

– 400 gr circa di Piselli

– 1 panetto di tofu affumicato ( o classico che potrete aromatizzate voi per la versione gluten free)

– 200 gr farina di ceci ( per la farifrittata)

– Olio di semi di Sesamo

– Olio di semi di arachide

– Sale rosa q.b.

– Tamari (facoltativo)

🍴 Preparazione

La cottura del riso basmati:

1. Mettete il riso nel cestello del bimby o in uno scolapasta e inseritelo a sua volta in una bacinella.

2. Ricopritelo di acqua fredda e mescolate i chicchi con le mani fino a rendere l’acqua bianca. Alzate lo scolapasta, buttate l’acqua “sporca”, lavando ancora finché l’acqua non diventa completamente limpida. Questo procedimento servirà a far perdere l’amido del riso, rendendo a fine cottura i chicchi ben sgranati.

3. Se usate il bimby per la cottura, trasferitelo subito nel boccale, e impostate per 14 minuti circa, 100° , vel 1, modalità antiorario. Se invece volete procedere con la cottura in pentola classica, lasciate il riso in acqua fredda per altri venti/trenta minuti.

4. Successivamente procedete normalmente con la cottura (niente sale) che durerà circa 10 minuti dall’ebollizione (non dovrebbe essere necessario scolare il riso).

5. Quando il riso sarà cotto, versatelo in un recipiente e conditelo con due/tre cucchiai di olio di semi di sesamo e lasciate raffreddare.

Il condimento:

1. Sbollentate i piselli in acqua salata quindi scolateli molto al dente e tenete da parte.

2. Prepariamo la Farifrittata, versando la farina di ceci, il sale rosa, la curcuma o il Masala, in una ciotola. Aggiungiamo circa 400/450 ml di acqua sbattendo il tutto con un frustino. Regolatevi voi riguardo la consistenza (varia a volte in base alla marca di farina utilizzata) che non deve essere né troppo liquida né troppo densa. Se volete potete fare riposare l’impasto una mezz’oretta in frigo altrimenti se come me avete poco tempo, potete procedere direttamente con la cottura in padella antiaderente ben calda a cui avremo aggiunto precedentemente un filo d’olio di semi. A questo punto versate il composto e lasciate cuocere a fiamma bassa per 15 minuti circa. Una volta cotta, stracciate la Farifrittata come a “strapazzarla”.

2016-04-07 13.14.28-2.jpg

3. Tagliate a cubetti il tofu affumicato e tenete anch’esso da parte ( se volete potete passarlo in padella due minuti prima di aggiungerlo al resto degli ingredienti).

Processed with MOLDIV

4. Adesso che tutti i nostri ingredienti sono pronti passiamo alla fase finale della ricetta : Nel wok, versate due cucchiai colmi di olio di semi di arachidi, fatelo scaldare bene, quindi aggiungete il riso che dovrà “friggere” e sfrigolare (la ricetta originale si chiama Riso fritto alla cantonese). Il sale va aggiunto a questo punto.

5. Saltatelo per un paio di minuti e quando alcuni chicchi di riso cominceranno ad essere abbrustoliti e a scurirsi, unite il resto degli ingredienti precedentemente preparati , ovvero piselli, Farifrittata “strapazzata” e tofu affumicato.

6. Cuocete a fuoco medio/alto finché avranno i segni della rosolatura.

7. Il nostro riso alla cantonese è pronto per essere gustato. Potete accompagnarlo con del tamari, come già detto è facoltativo. Ci sono molte versioni di questo piatto, in molte si usa la salsa di soia in altre no. Personalmente preferisco il tamari come salsa, anche perché è senza glutine ed è più saporita.

📒 Note

– Questa ricetta può sembrare elaborata ma non lo è affatto. Se avete poco tempo vi consiglio di preparare tutti gli ingredienti in anticipo, specialmente il riso 4/5 ore prima almeno, deve essere ben freddo.

– Gli oli di semi di sesamo e di arachide sono importantissimi perché doneranno al riso un gusto aromatico e tostato più accentuato, che difficilmente dimenticherete.

– Potete sostituire il tofu affumicato con quello classico (per la versione gluten free) marinandolo con quello che più vi piace.

– Per quanto riguarda il tamari: la ricetta originale non lo prevede assolutamente come del resto anche la salsa di soia. Il gusto tipico del piatto deriva dall’olio di sesamo nonché dal tipo di riso che ha un sapore aromatico. D’altro canto, esistono molte versioni di questo piatto, in cui si usa la salsa di soia, ma come già detto io preferisco e vi consiglio di gran lunga il tamari 😊.

– L’olio di sesamo va aggiunto sempre a crudo.

– Potete preparare questa ricetta anche la sera prima e portarla a lavoro per il pranzo in ufficio magari mettendola in un simpatico lunchbox (porta pranzo), online se ne trovano davvero di carini :-).

🌱The Happy Rabbit🐰

L’OLIO DI NEEM

L’OLIO DI NEEM

Antiparassitario e repellente naturale
Nonostante sia un ottimo olio vegetale ad uso cosmetico per la cura della pelle, è anche molto utilizzato per la salvaguardia dei nostri amici a quattro zampe 🐾 dagli attacchi dei parassiti (zanzare, pappataci e pulci, comprese larve e uova…) in quanto è in grado di creare un habitat a loro sfavorevole.

Usato puro 2-3 gocce sul pelo (cani 🐶 e gatti 🐱).
In lozione spray, diluito in acqua.

*informazioni consigliate da un’erborista

2016-05-07 10.26.59.jpg

2016-05-07 10.46.56.jpg

 – 🌱The Happy Rabbit🐰

PASTA CON CAVOLFIORE ALLA SICILIANA

La pasta con il cavolfiore in Sicilia viene chiamata “pasta k’i vruocculi arriminati” ed è un’altra di quelle ricette che hanno un posto importante nella tradizione siciliana.

Cominciamo con il fare una precisazione: in Sicilia quando parliamo di broccoli facciamo riferimento al cavolfiore perché quelli che in tutto il resto d’Italia vengono chiamati broccoli, in Sicilia vengono chiamati sparacelli (il perché di questo ingarbuglio linguistico non mi è dato sapere!). Quindi la pasta con i broccoli arriminata (mescolata, saltata) altro non è che della pasta con del cavolfiore a pezzetti, cipolla, uva passa, pinoli e pangrattato tostato.

La versione originale prevede anche l’aggiunta di acciughe ma ovviamente noi ne facciamo tranquillamente a meno. In genere per questa ricetta, come formato di pasta vengono usati dei bucatini, io ho usato degli spaghetti grossi poiché non sono riuscita a trovare una buona qualità di pasta, e, detto sinceramente tra noi, nello scegliere dei bucatini Barilla e degli spaghetti grossi di semola integrale, ho preferito quest’ultimi. Nonostante ciò, è altrettanto buona con altri formati di pasta come spaghetti grossi, ziti, penne rigate e strozzapreti. Ma andiamo alla ricetta 😊👇.

2016-04-02 14.09.06-2-1.jpg

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 400 gr. bucatini o spaghetti grossi di semola integrale

– 1 cavolfiore grande

– 1 cipolla

– 180 gr circa di uva passa

– pinoli q.b

– sale rosa e olio evo q.b

– 1 bustina di zafferano e pepe nero q.b

🍴 Preparazione

1. Lavate, mondate e riducete a tocchetti il cavolfiore. Lessatelo al dente in acqua salata.

2. Una volto cotto, prendete circa metà cavolfiore e con l’aiuto del frullatore ad immersione andate a fare una “crema”, aggiungendo l’acqua di cottura avanzata. Aggiustate con sale, spezie ed olio evo. Mettetela da parte.

3. Rosolate la cipolla affettata nell’olio extravergine d’oliva, unitevi l’uva passa (precedentemente ammollata), i pinoli e, poco dopo, il cavolfiore tagliato a pezzetti.

4. Aggiungete un po’ dell’acqua di cottura avanzata del cavolfiore. Fate cuocere con lo zafferano, e se lo gradite aggiungete una spolverata di pepe nero.

5. Con la restante acqua di cottura del cavolfiore, lessate gli spaghetti grossi o i bucatini, scolateli e “arriminarli” (saltateli) nel tegame con il condimento preparato precedentemente e con la crema di cavolfiore per un paio di minuti.

6. Finite il piatto con una spolverata di pangrattato integrale appena tostato.

📒 Note

– Per la versione gluten free sostituire il formato di pasta e il pangrattato con i corrispettivi senza glutine.

– La ricetta originale non prevede l’aggiunta di una crema di cavolfiore, ma come ben sapete, io amo adattare le ricette a modo mio, così ho deciso di apportare questa leggera modifica che a mio avviso rende questa pasta ancora più gustosa.

🌱The Happy Rabbit🐰

PANINI DI CENA VEGAN

Come già accennato nel post precedente, anche se con un po’ di ritardo, ecco la ricetta di un dolce tradizionale siciliano solito preparare durante il periodo pasquale. Nonostante ciò, lo si trova comunque per tutto l’anno nei panifici di città e provincia.

I panini di cena sono un prodotto tipico della mia terra, la Sicilia, in particolare della mia città Messina. Preparati in occasione del giovedì santo, e non solo, sono dei pani dolci e speziati, ricoperti da semi di sesamo. Il profumo emanato dalla cannella dona a questo piccolo panino dolce un sapore caratteristico, che, vi assicuro, diventa difficile dimenticare una volta assaggiato. La loro realizzazione sono per me, una tradizione e un piacevole ricordo di infanzia.

A Messina durante la Quaresima, tutti i panifici, vendono questi “panuzzi ‘i cena” legati,  come già detto prima, per tradizione al Giovedì Santo, infatti rappresentano il pane che Gesù diede ai suoi apostoli durante l’ultima cena. Sono ottimi per la colazione e per lo spuntino, grandi e piccini, una volta provati non potranno più farne a meno. La ricetta originale prevedeva tra gli ingredienti strutto, burro e uova. Io vi propongo ovviamente la mia versione in chiave vegan, con alcuni piccoli accorgimenti sulla lievitazione che ho avuto modo di apprendere e sperimentare dai buoni, vecchi, consigli della nonna, infatti la ricetta mi è stata tramandata da lei.

Ma eccovi la ricetta 😊 👇.

2016-03-24 13.45.18.jpg

👉  Cosa ti serve?

Ingredienti per 13 panini 📝

per il lievitino

– 150 gr farina manitoba

– 120 gr acqua aromatizzata con i chiodi di garofano

– 1 cubetto di lievito di birra

Per l’impasto

– 250 gr farina di farro

– 100 gr farina manitoba

– 140 gr acqua aromatizzata con i chiodi di garofano

– 50 gr olio di semi di mais

-50 gr  MARGARINA VEGAN MADE IN HOME

– 75 gr zucchero di canna

– qualche goccia di essenza di cannella (oppure cannella in polvere q.b )

– semi di sesamo q.b

– un pizzico di curcuma

– latte vegetale + zucchero di canna q.b (per lucidare i panini)

Per l’acqua ai chiodi di garofano

– 500 ml di acqua

– 1 cucchiaio colmo di chiodi di garofano tritati

🍴 Preparazione

1. Iniziamo facendo bollire per 5 minuti circa 500 ml di acqua con un cucchiaio colmo di chiodi di garofano tritati. Farla raffreddare prima di usarla.

2. Iniziamo con la preparazione del lievitino (questo ci permetterà di ottenere un impasto molto soffice e leggero) : nel boccale del bimby inserire acqua, zucchero di canna e cubetto di lievito. 10 secondi, vel. 4, 37° . Successivamente inserire la farina Manitoba e impostate la modalità spiga per 40 secondi. Trasferite l’impasto in una terrina e lasciate lievitare per 40 minuti in forno preriscaldato a 30° (in estate questo passaggio si potrà evitare).

3. Trascorse le ore di lievitazione del lievitino passiamo ora alla preparazione dell’impasto: Riprendiamo il bimby e dentro il boccale versatevi la restante acqua aromatizzata, lo zucchero di canna, il sale rosa, l’olio, le farine, il pizzico di curcuma e l’essenza di cannella. 50 secondi, vel. 4. Versate ora la margarina per 40 secondi velocità spiga. Infine aggiungere il lievitino per 1:30 minuti/secondi, continuando sempre con la modalità spiga. Anche qui, trasferite l’impasto in una terrina e lasciate lievitare per 60/90 minuti in forno preriscaldato a 30°.

2016-03-31 17.19.01.jpg

4. Preparazione panini: Trascorso il tempo della prima lievitazione, posate l’impasto sul piano da lavoro infarinato e date un giro di pieghe a 90° dette a “portafoglio”, che serviranno a infittire la maglia glutinica e l’alveolatura. Le pieghe “a portafoglio” consistono nel prendere ogni angolo del nostro impasto, partendo da destra, stenderlo delicatamente e successivamente portarlo al centro. Si continuerà così finché non si chiuderà il giro.

5. Lasciate a riposare in una ciotola coperta per circa 15/20 minuti.

2016-03-31 17.44.42.jpg

6. A questo punto dividere l’impasto formando delle palline di varie dimensioni ( da 55 a 75 gr Max ). Spennellare la superficie con latte vegetale miscelato ad un pò di zucchero di canna (o malto, o sciroppo d’agave), e ricoprire con i semi di sesamo. Praticare al centro un piccolo taglio orizzontale.

2016-03-31 17.46.22.jpg

7. Sistemare i panini in una teglia ricoperta da carta da forno. Riposo per altri 15/20 minuti.

8. Poco prima che scada il tempo di riposo, accendere il forno a 180° modalità ventilato. Non appena avrà raggiunto la temperatura desiderata, infornare i panini e, inserite anche nella parte bassa del forno un pentolino di acqua fredda.

2016-03-31 17.48.11.jpg

9. Cuocere per circa 15 minuti.

10. A fine cottura non tirare subito i panini via dal forno, ma, lasciateli altri 5/10 minuti con lo sportello semi aperto.

2016-03-22 20.09.21.jpg

 

📒 Note

– Per chi non possiede il bimby niente paura, è possibile realizzare i passaggi del lievitino e dell’impasto, impastando tutto a mano, per almeno 10 minuti.
Ps. Per Il passaggio “2” : sciogliere lo zucchero e il lievito con l’acqua aromatizzata tiepida. Il resto rimane invariato.

– Per l’essenza di cannella, io ho utilizzato quella che usa mio padre, procurata in pasticceria, ha un’aroma dolce e caratteristico, ma allo stesso tempo pungente per questo bisogna stare attenti a dosarne la quantità giusta. Anche lui, rispetta la tradizione, ahimè non in chiave Vegan.

– Per questa specifica preparazione ho usato anche la farina Manitoba, che sono solita usare molto poco e di rado. Se volete evitarla potete sostituirla tranquillamente con la farina di farro o con altre farine, io consiglio anche quelle derivanti da grani antichi.

– Per quanto riguarda la margarina auto prodotta, se avete difficoltà nel prepararla, trovare gli ingredienti oppure semplicemente non la tollerate a causa di allergie o intolleranze alla soia, potete sostituirla con burro di cacao sciolto a bagno maria, con olio di cocco ammorbidito, oppure se avete modo di trovarlo usate il burrolì, (un burro vegetale, un po’ costoso, ideato la luca montersino), mantenendo così la “parte grassa”.

🌱The Happy Rabbit🐰

 

MARGARINA VEGAN MADE IN HOME

Condivido con voi questo velocissimo, semplice e gluten free ingrediente base di svariate preparazioni culinarie. Realizzo questa ricetta da quando sono Vegana e mi sono sempre trovata bene. Prossimamente vi farò vedere come l’ho impiegata in una ricetta tradizionale pasquale tipica della mia 🙋 terra, la Sicilia 😊, e in una golosissima pasta frolla, che ha lasciato tutti senza parole. Ma andiamo alla ricetta 👇.

Processed with MOLDIV

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 100 ml olio di mais o girasole

– 50 ml Latte di soia provamel al naturale ( senza oli, zucchero e sale)

– qualche goccia di succo di limone

– 2 pizzichi di sale rosa

🍴 Preparazione

La preparazione è molto semplice è veloce:

1. Unire tutti gli ingredienti secondo ordine e frullarli con il frullatore ad immersione fino ad avere un composto cremoso ed omogeneo.
2. La nostra margarina Vegan è pronta!!! Adesso possiamo impiegarla come più ci piace per creare fantastiche ricette.

Processed with MOLDIV 

📒 Note

– Una volta preparata potrete riporla tranquillante in frigo per circa una settimana.

– Se dovete impiegarla in diverse preparazioni potete duplicare o triplicare le dosi della margarina. La consistenza non cambierà.

– È essenziale il latte di soia al naturale senza la presenza di oli, sale e zucchero, altrimenti non si otterrà la consistenza desiderata.

🌱The Happy Rabbit🐰

TORTA DI 🎂 COMPLEANNO CON PAN DI SPAGNA AL CIOCCOLATO 🍫, CREMA DI FRAGOLE 🍓E CREMA CHANTILLY.

Questa torta è stata preparata per il compleanno di mia zia, una persona davvero speciale. Affetta dal diabete può concedersi pochissimi dolci e, ultimamente a causa di vari problemi di salute, quest’ultimi gli erano stati tolti. Qualche mese fa gli feci una promessa, ovvero che per il suo compleanno avrei realizzato per lei, una bella torta che di sicuro avrebbe potuto gustarsi senza sensi di colpa. Questa torta è stata una sfida per me che da poco mi destreggio con le torte alla crema; ma c’è di più, questa volta bisognava fare un dolce più grande, per molti parenti onnivori con l’obbiettivo di conquistarli. Il RISULATO? UN 🎉 SUCCESSONE!!!! Anche questa volta stento ancora a crederlo, ma è piaciuta così tanto che ho ricevuto molteplici complimenti.
Davvero, davvero soddisfatta 😃✌ . Ma eccovi la ricetta.

File 06-03-16, 06 39 36.jpeg

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti per la Torta 📝

PAN DI SPAGNA DI FARRO AL CACAO 🍫 VEGAN

CREMA PASTICCERA ALLA FRAGOLA 🍓🍓

– fragole

– granella di pistacchio

– cocco rapé q.b (per la decorazione)

– cioccolato fondente fuso (per la decorazione)

– 1 o 2 buste di panna di soia da montare (marca HOPLÀ) q.b

– bagna per la torta

Ingredienti 📝 per la crema chantilly :

515 gr di latte di soia alla vaniglia ‪#‎provamel‬ (o altro latte vegetale)

–55 g di amido di mais

– 40 g di zucchero di canna

– un pizzico di curcuma

– panna di soia da montare q.b

🍴 Preparazione crema chantilly:

1. Iniziamo polverizzando lo zucchero Mascobado. Inserirlo nel boccale a velocità 7 per 20 secondi.

2. Unire tutti gli altri ingredienti, e cuocere per sette minuti a 90° vel. 4;

3. Versare la crema in una ciotolina di vetro e lasciare raffreddare prima di usarla.

4. Dopo circa un’oretta la nostra crema alla vaniglia sarà fredda quindi ci basterà mischiarla insieme ad un po’ di panna di soia (precedentemente montata), montando nuovamente il tutto per un minuto con le fruste elettriche. Ecco che otterremo così la crema chantilly.

Processed with MOLDIVCOMPOSIZIONE TORTA 🎂:

1. Ricavare quattro dischi di pan di spagna al cacao.

2. Con l’aiuto di un pennello in silicone per dolci, bagniamo il primo disco di pan di Spagna con la bagna.

3. Stendere ora sulla base uno strato di crema pasticcera alla fragole.

4. Poggiamo ora il secondo disco di pan di Spagna inumidito e stendiamo la crema chantilly con l’aggiunta di pezzetti di fragole.

5. Con lo stesso procedimento di prima, alterniamo gli altri due strati di pan di Spagna con le due creme.

6. Adesso che la nostra torta è stata assemblata, ricopriamo e livelliamo tutti i bordi con la crema alla vaniglia avanzata o eventualmente con la panna di soia.

7. Decoriamo i bordi della torta con granella di pistacchio.

8. Al centro della torta versare un mestolo di crema alle fragole.

9. Per finire poniamo delle decorazioni a piacere.
Io ho usato delle fragole, il cioccolato fuso per scrivere la dedica, una spolverata di cocco rapé e con l’aiuto di una sac a poche ho realizzato delle decorazioni con la panna avanzata.

Processed with MOLDIV

Processed with MOLDIV

 

📒 Note

– Ho realizzato questa torta usando quasi due pan di spagna di farro al cacao ( erano più di 3 kg di torta 😀 )

– Per la bagna io ho usato un preparato di liquori fatto da mio padre in pasticceria, apposito per la realizzazione di torte alla crema, a cui ho aggiunto zucchero di canna e acqua calda.

– Se la torta è per dei bambini e volete evitare il liquore, un’idea per la bagna potrebbe essere quella di usare del latte di riso alla nocciola o vaniglia.

– Per chi non possiede il bimby è possibile realizzare le creme nel metodo classico sciogliendo a freddo in un pentolino amido, zucchero di canna, vaniglia bourbon,con il latte vegetale. Seguire poi con la cottura sul fuoco, mescolando continuamente per 10 minuti circa finché la crema non comincia ad addensarsi. Versare la crema in una ciotolina di vetro e lasciare raffreddare prima di usarla. Successivamente mischiarla alla panna di soia montata.

– Per quanto riguarda il latte vegetale usato nella preparazione della crema alla vaniglia, io ho usato quello della #Provamel che oltre a contenere già zucchero è abbastanza dolce, così ho diminuito la quantità di zucchero che di solito uso. Se invece doveste usare un latte vegetale che non contiene zuccheri la quantità di zucchero da dosare per la crema è di 65 gr.

🌱The Happy Rabbit🐰

PAN DI SPAGNA DI FARRO AL CACAO 🍫 VEGAN

2016-03-16 21.45.51Dopo il successone del Pan di Spagna classico con farina di farro non poteva quindi mancare la versione al cacao.

Con questa ricetta potrete realizzare delle meravigliose torte alla crema farcite. Io ho realizzato una versione golosa con frutta che ha sorpreso la mia famiglia scettica ✌.

Prossimamente ricetta sul blog 💻. Purtroppo non ho potuto realizzare delle belle foto, ma vi assicuro che il successo è garantito 😉. Provatelo!

👉 Cosa ti serve?

Per una teglia da 20 cm

Ingredienti 📝

– 140 gr di Farina di farro bianca o semi integrale di grano

– 40 gr di cacao amaro

– 70 gr Fecola di patate

– 150 gr Zucchero di canna

– 150 gr Latte di soia ( consiglio quello della Provamel che non contiene zuccheri, oli e sale)

– 80 gr Latte di soia al naturale

– 150 ml Olio di semi di mais

– 1 bustina di lievito per dolci

– un pizzico di vaniglia bourbon

🍴 Preparazione

1. Accendere il forno a 200° modalità ventilato.

2. Oleare e infarinare una teglia a cui aggiungere anche un cerchio ritagliato di carta da forno dello stesso diametro della teglia.

3. In una terrina aggiungere la farina precedentemente setacciata, la fecola, il cacao, lo zucchero di canna, e la vaniglia. Mescolate con un cucchiaio di legno o con le fruste elettriche.

4. Prendere i 150 ml di latte di soia ed emulsionatelo con l’olio di mais per bene.

5. Aggiungere il latte miscelato con l’olio agli ingredienti secchi. Frullate o mescolate energicamente con un cucchiaio di legno, finché non otterrete un composto omogeneo.

6. Infine aggiungere il lievito anch’esso setacciato e i restanti 80 ml di latte di soia e mescolare.

7. Una volta ottenuto un composto omogeneo versatelo nella teglia precedentemente oleata e infarinata.

8. Infornare nel forno precedentemente riscaldato e cuocete per 30 minuti. Fate comunque la prova stecchino.

9. Una volto cotto, lasciate il pan di spagna altri 10 minuti in forno con lo sportello aperto prima di toglierlo. In questo modo non subirà l’effetto brusco del cambio temperatura e non si sgonfierà.

10. Lasciatelo raffreddare capovolto su una griglia. Trascorsa un’oretta circa, sarà bene freddo e potreste tagliarlo e farcirlo come più vi piace.

📒 Note

– Con questa dose potete realizzare una torta a due strati.

– Dopo vari esperimenti ho potuto constatare che è importantissimo il latte di soia per questa specifica preparazione.

– La cottura è molto importante, regolatevi anche in base al vostro forno. Il mio consiglio è di non protrarre la cottura per oltre 35 minuti perché tenderebbe a seccare e indurire il pan di spagna.

– 🌱The Happy Rabbit🐰

CREMA PASTICCERA ALLA FRAGOLA 🍓🍓

Anche voi come me amate le torte 🍰 alla frutta?

Eccovi quindi una super golosa 😋, crema alla fragola 🍓, semplice da fare e anche gluten free.

Provatela! 😉

Processed with MOLDIV

 

Ingredienti 📝

– 300 gr di fragole

– 300 gr di latte di riso

– 65g di amido di mais

– 40 g di zucchero di canna Mascobado

– un pizzico di vaniglia

🍴 Procedimento :

1. Iniziamo polverizzando lo zucchero Mascobado e le fragole. Inserirli nel boccale a velocità 7 per 20 secondi.

2. Unire tutti gli altri ingredienti, e cuocere per sette minuti a 90° vel. 4;

3. Versare la crema in una ciotolina di vetro e lasciare raffreddare prima di usarla.

📒 Note

– ⚠️ Questa crema è adatta per farcire torte, poichè ha una consistenza morbida che personalmente mi piace. Se ritenete che la consistenza sia troppo “liquida” o dovete impiegarla per farcire dolci dove è richiesta una crema più compatta e corposa come nel ripieno dei bignè, crostate ecc… aumentate la dose di amido di mais a 80 gr.

– Per chi non possiede il bimby è possibile realizzare la crema nel metodo classico sciogliendo a freddo in un pentolino amido, zucchero di canna e purea di fragole con il latte vegetale. Seguire poi con la cottura sul fuoco, mescolando continuamente per 10 minuti circa finché la crema non comincia ad addensarsi. Non appena sarà pronta, aggiungere quanto basta della pasta di nocciole siciliane bio e mescolare. Versare la crema in una ciotolina di vetro e lasciare raffreddare prima di usarla.

🌱The Happy Rabbit🐰

BURGER DI 🍔 BARBABIETOLA E SPINACI AI FAGIOLI BORLOTTI

Volete gustare un burger 🍔 sfizioso, salutare e gluten free?

Eccolo!!! Con questa ricetta, veloce, otterrete parecchi burger, io faccio sempre una bella scorta in modo da poterli surgelare. 

Per chi come me non ha sempre molto tempo di cucinare causa università, lavoro o impegni vari questi burger vi torneranno utili. Provateli con varie salsine o con un’ ottima crema di avocado. Successo garantito ✌ 😋.
Consigli su come gustarli nelle note 📒.

2016-02-27 11.13.17.jpg

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 3 boccette di fagioli borlotti bio

– 1 barbabietola precotta (confenzione sottovuoto)

– spinaci già cotti q.b

– 4/5 cucchiai di farina di ceci

– mix semi (zucca,girasole,lino,sesamo) q.b

– fiocchi di grano saraceno o di avena (facoltativi) q.b

– sale rosa, olio evo, e spezie q.b

🍴 Preparazione

1. Versate nel bimby o in un robot da cucina la barbabietola, i fagioli borlotti ben scolati e gli spinaci.

2. Frullate pochi secondi fino ad ottenere un composto liscio che presenterà comunque dei piccoli pezzetti.

3. Versate il tutto in una ciotola aggiungendo la farina di ceci, i semi ed eventualmente i fiocchi di grano saraceno o d’avena. Amalgamate fino ad ottenere un composto morbido e compatto.

4. Con le mani leggermente inumidite formate dei burger o delle polpette del peso di 100gr circa ciascuno.

5. Fateli riposare qualche ora in frigo prima di cuocerli.

6. Potete cuocerli in una padella antiaderente con filo d’olio o in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti.

2016-02-27 11.17.52.jpg

📒 Note

– I fiocchi di grano saraceno o d’avena sono facoltativi (ad esempio io non li uso sempre per questa preparazione)

– Come accompagnamento ai burger vi suggerisco una crema di avocado.
Deliziosa ve lo garantisco 😋😎👍.

– Due possibili abbinamenti per un goloso panino:
*Panino di farro🍔  https://thehappyrabbit04.wordpress.com/2015/11/10/panini-%f0%9f%8d%9eintegrali-con-farina-di-farro-timilia-e-grano-saraceno/  (o panino senza glutine) + crema di avocado + pomodori secchi + burger;
* Panino di farro🍔  https://thehappyrabbit04.wordpress.com/2015/11/10/panini-%f0%9f%8d%9eintegrali-con-farina-di-farro-timilia-e-grano-saraceno/  (o panino senza glutine) + maionese di riso + olive nere + foglia di lattuga;

*ricetta nei post precedenti

🌱The Happy Rabbit🐰

BACI FONDENTI ALLA NOCCIOLA VEGAN

“Il primo bacio non viene baciato dalle labbra, ma dagli occhi”

(Thomas Bernhardt)

Un pò di Storia 📖:
Si dice che dietro ogni grande uomo ci sia una grande donna. In questo caso, possiamo dire che dietro un piccolo cioccolatino ci sia LEI : Luisa Spagnoli.
Il suo è un nome che tutti noi conosciamo per via dei negozi di abbigliamento diffusi in tutta Italia; Merito del suo spirito imprenditoriale, della sua ambizione e della consapevolezza che tutto è possibile.
Nel 1922 l’azienda di Perugia gestita da Luisa e F.Buitoni attraversava un periodo di crisi, così la donna, capita la situazione, inventa, con gli scarti del cacao e delle nocciole, un cioccolatino dal gusto unico e dal nome aggressivo: lo chiama infatti “il cazzotto”.
Ai quei tempi il cioccolato era un lusso e veniva solo regalato o offerto in segno di amicizia e di stima. Non si poteva esprimere tutto questo con “un cazzotto”.
Fu Giovanni, con un’intuizione dettata dal suo amore per Luisa, a ribattezzarlo “il bacio”, il Bacio Perugina.
Quel bacio, oltre a risollevare l’azienda, accende tra i due, nonostante la notevole differenza d’età, un amore passionale che li legherà per sempre.

Ebbene, dopo qualche tentativo con soddisfazione sono riuscita a realizzare la Mia versione, ovviamente rivisitata in chiave VEGAN, dei Baci fondenti alla nocciola. Hanno conquistato proprio tutti, anche i più scettici e beh, sono così golosi che uno tira l’altro. Ma andiamo alla ricetta 😊 👇.

Processed with MOLDIV

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti (per 14/15 cioccolatini ) 📝

– 100gr di NUTELLA CIOCCOLATOSA 🍫 DEI 10 MINUTI

– 100gr di nocciole tostate

– 1 cucchiaio di cacao amaro

– 1 + 1/2 tavoletta di cioccolato fondente

– 15 nocciole tostate circa per realizzare ogni “bacio”

🍴 Preparazione

1. Tostare le nocciole e tritarle grossolanamente.

2. In una terrina aggiungere, la nutella, le nocciole tritate e il cacao amaro. Impastate fino a formare una palla compatta.

3. Adesso formate tante palline della dimensione di una noce a cui aggiungerete sopra una nocciola. Riposo in frigo per circa 30 minuti.

Processed with MOLDIV

4. Fondere il cioccolato a bagno maria.

5. Immergere i baci nel cioccolato fuso.

2016-02-13 11.10.07.jpg

6. Riporre in frigo per qualche ora fino a che non saranno ben solidi.

7. Passate 3/4 ore i nostri baci vegan saranno pronti per essere incartati con un bigliettino contenente una frase di vostra scelta e gustati con le persone care.

2016-02-13 11.06.20.jpg

Processed with MOLDIVProcessed with MOLDIV

📒 Note

– Potete usare la vostra fantasia per realizzare, visto che siamo in tema di San Valentino, dei bigliettini fatti a mano con su scritto ciò che volete, avvolgerli ai cioccolatini, incartarli e riporli in una scatola a cuore, realizzata con decoupage come ho fatto io.

– Se avete poco tempo o non avete tutti gli ingredienti per realizzare la Nutella fatta in casa come ho fatto io, potete usare anche una qualsiasi nutella vegan. In questo caso se notate che l’impasto dei baci non compatta bene, aggiungete qualche altro cucchiaio di cacao e nocciole tritate.

🌱The Happy Rabbit🐰

NUTELLA CIOCCOLATOSA 🍫 DEI 10 MINUTI

Per gli amanti del fondente come me, ecco una semplice e veloce nutella da fare in pochi minuti, perché si sa, quando la voglia di dolce🍫 ti assale non ti resta che soddisfarla 😋 ✌. Questa Ricetta è così versatile, che è stata impiegata per la realizzazione dei miei ormai “famosi” e acclamati 

BACI ALLA NOCCIOLA VEGAN (ricetta 👉 prossimamente sul blog 💻).

2016-02-12 18.30.13.jpg

👉  Cosa ti serve?

Ingredienti 📝

– 300gr (150gr cioccolato fondente al 70% + 150gr cioccolato fondente con fave di cacao altromercato)

– 100gr di nocciole tritate

– 80/100gr zucchero di canna integrale

– 150ml di latte di miglio (o altro latte vegetale)

– 80g olio di mais

2016-02-12 18.40.42.jpg

🍴 Preparazione

1. Tritate in modo grossolano il cioccolato fondente e mettere da parte.

2. Com il bimby (chi non lo avesse basta anche un frullatore molto potente), tritare le nocciole fino a ridurle in una farina (io le ho lasciate a pezzetti perché mi piace sentire i pezzi di nocciola ) e mettere anch’esse da parte.

3. Riscaldare il latte di miglio (deve essere molto caldo) e versarlo sul cioccolato tritato in precedenza. Con l’aiuto di un frustino sciogliere bene il cioccolato.

4. A questo punto aggiungere al cioccolato sciolto con il latte, la farina di nocciole, lo zucchero e iniziare a frullare con il frullatore a immersione. Lavorate bene, e dopo qualche minuto aggiungere a filo l’olio di mais. Continuare a frullare fino a raggiungere una consistenza cremosa.

5. La nostra nutella fondente è pronta per essere gustata come più vi piace. 😋

📒 Note

– La quantità di zucchero varia a seconda del cioccolato fondente che andrete ad utilizzare e, se in quest’ultimo è presento o meno molto zucchero. Ad esempio noi abbiamo provato anche con del cioccolato al 50% abbastanza dolce; il risultato è stato per l’appunto un po’ zuccheroso per i miei gusti, quindi sarebbero stato meglio diminuire la dose di zucchero per la preparazione della Nutella.

🌱The Happy Rabbit🐰

FALAFEL DI FAVE AL FORNO

I falafel sono una pietanza mediorientale e consistono in polpette speziate e fritte a base di legumi – tra cui i più utilizzati sono ceci, fave e fagioli – 

La sua versione più antica probabilmente conteneva fave macinate, pressate in palle o dischi, e fritte. I ceci le hanno rimpiazzate quando la ricetta si è diffusa in tutta la cucina levantina. I falafel hanno origini antichissime, alcuni storici ipotizzano addirittura che venisse preparato un impasto simile già dagli antichi egizi. Oggi sono spesso venduti come street food, e normalmente si usano per farcire le pite (o piadine in rivisitazione europea) insieme a hummus, tahini, yogurt, pomodoro e melanzane grigliate. Quella che vi propongo io è una ricetta antica, passatami da una conoscente israeliana a cui ho apportato delle leggere modifiche.

Processed with MOLDIV

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti per 4 persone 📝

– 900gr di fave e piselli già cotti;

– cipolla q.b

– prezzemolo q.b

– un pizzico di cumino;

– coriandolo q.b

– curcuma q.b

– zenzero q.b

– 2 cucchiai di farina di ceci;

– 2 cucchiai di farina di riso;

– 1 pizzico di bicarbonato (facoltativo)

– semi di papavero (facoltativo)

– sale rosa q.b

– Olio evo q.b

– olio di mais o girasole q.b ( servirà per spennellare i falafel prima della cottura )

🍴 Preparazione

1. Premessa: Se avete a disposizione delle fave e piselli freschi quanto meglio, altrimenti vanno benissimo anche quelli surgelati. A questo punto vi consiglio di preparare fave e piselli qualche oretta prima in modo che possano essere ben asciutti e scolati dopo la cottura.

2. Iniziamo con il prendere una pentola o padella abbastanza capiente, in cui faremo un leggero soffritto di cipolla, seguito dall’aggiunta di fave e piselli (precedentemente sbucciati e lavati se freschi).

3. Copriamo con acqua lasciando cuocere 20/30 minuti circa, fino a cottura ultimata. Aggiustate di sale eventualmente.

4. Dopo la cottura prendete un colapasta e lasciatele scolare.

5. Nel bimby o in un frullatore abbastanza potente, versate le fave con i piselli, prezzemolo, spezie, sale e un filo di olio evo. Frullate bene il tutto.

6. Trasferite il composto in una ciotola e aggiungete i cucchiai di farina di ceci e di riso che serviranno a legare meglio il composto.

7. Formate tante palline dalle dimensioni medie e lasciatele riposare in frigo per una mezz’oretta.

8. Ricoprite una teglia con della carta da forno, distribuite i falafel e spennellateli con un po’ di olio di semi. Infornate a 180°C per 20 minuti circa.

9. Servite i falafel ben caldi, accompagnati da una bella insalata , hummus o da alcune salsine che potrete mettere in tante piccole ciotoline.

Processed with MOLDIV

 

📒 Note

– Potete realizzare i falafel anche con solo fave o altri legumi a vostro piacere, il procedimento non cambia.

– In base ai legumi a volte si possono anche omettere le farine oppure aggiungerne in piccole quantità.

– I semi di papavero sono facoltativi come già detto, se li gradite, dopo aver formato le polpettine potete cospargerli di quest’ultimi.

– Io non amo molto la frittura, ma se lo gradite potete preferirla alla cottura al forno. Suggerisco un olio di semi di arachide.

🌱The Happy Rabbit🐰

BISCOTTI DELLA FORTUNA 🇯🇵🇨🇳🇺🇸 VEGAN

Processed with MOLDIV

I biscotti della fortuna diffusi nei ristoranti cinesi in occidente non sono una tradizione originaria della Cina.

Il biscotto della fortuna è un biscotto croccante, dove al suo interno è racchiusa una piccola “fortuna” ovvero un messaggio di buon auspicio scritto su un pezzo di carta. La “fortuna” può essere espressa con poche parole precise o vaghe, che dovrebbero simboleggiare una profezia. Il messaggio può includere anche una frase cinese accompagnata dalla traduzione o un elenco di numeri “fortunati”.

Questi biscotti vengono spesso serviti come dessert nei ristoranti cinesi negli Stati Uniti ed in altri paesi, ma sono praticamente assenti sul territorio cinese. Quindi riassumendo risulta che i biscotti della fortuna sono stati ideati dai giapponesi, popolarizzati dai cinesi, consumati dagli americani 😁.
Ma eccovi la ricetta ovviamente in chiave Vegan 👇 😋.

Processed with MOLDIV 

👉 Cosa ti serve?

Ingredienti per 12 biscotti 📝

– 65 gr Farina di farro (o mix senza glutine)

– 1+1/2 cucchiaino Amido di mais

– 1 cucchiaio colmo di farina di semi di lino (+ 3 cucchiai di acqua tiepida)

– 35/40 gr zucchero di canna

– qualche goccia essenza di mandorla

– qualche goccia essenza di arancia

– pizzico di vaniglia bourbon

– 12 cucchiai circa di acqua tiepida

🍴 Preparazione

1. Prima di cominciare a mettere le mani in pasta ricordatevi i messaggi benauguranti. Dopo che li avete scritti su un pezzetto di carta, fate asciugare l’inchiostro e ripiegate più volte il bigliettino per motivi di spazio.

2. Iniziamo con il preparare il cosiddetto “uovo di semi di lino” ovvero dobbiamo far sì che la farina o i semi di lino (precedentemente tritati) diventino un “gel colloso” che andrà poi a legare i nostri ingredienti secchi.

3. Quindi, in una ciotolina mettiamo la farina di semi di lino, e mescolando aggiungiamo i tre cucchiai (colmi) di acqua.

4. Mettiamo in frigo o lasciamo riposare a temperatura ambiente il composto per 15 minuti circa. Trascorso il tempo stabilito dovremmo avere un composto appunto colloso.

5. Passiamo ai biscotti: In una terrina montare con le fruste il nostro “Uovo di semi di lino”.

6. A questo punto aggiungere il resto degli ingredienti e, sempre con l’aiuto delle fruste elettriche, frullate, versando i cucchiai di acqua tiepida poco per volta fino ad amalgamare completamente il tutto.

7. Una volta ottenuto il composto della giusta consistenza, prendere un cucchiaio bello pieno di impasto e stenderlo, su una teglia coperta con carta da forno ben oleata, fino ad ottenere un cerchio. Fate 4 di questi cerchi per teglia cosicché siano più facili da maneggiare.

8. Metterli in forno preriscaldato a 180° gradi per 10/15 minuti. Tirare fuori la teglia e, muniti di paletta e guanti usa e getta togliere i dischi dal colore dorato. Con molta prontezza, su ognuno di questi appoggiare un bigliettino e ripiegarli su se stessi, schiacciando le estremità.

9. Mettere i biscotti negli stampini da muffin, affinché si modellino e raffreddino.

10. Non vi resta che servirli agli amici o ai parenti e vedere le loro espressioni mentre leggono le frasi 📝 che avete scritto.

 

2015-12-12 10.51.22-1.jpg

2015-12-12 12.15.05-1.jpg

📒 Note

– È possibile realizzare questi biscotti anche con altri tipi di farine (ad esempio quella semi integrale tipo 2, kamut oppure se ne avete la possibilità usate farine di grani antichi); per la versione gluten free invece consiglio il mix dolci “Leila – natura e sapore” oppure il mix dolci “Farabella”. Trovo entrambi facilmente nei negozi bio specializzati o in erboristeria.

– I guanti usa e getta vi “proteggeranno” dal non scottarvi troppo durante la piegatura del biscotto, perché credetemi bruciano parecchio essendo appena usciti dal forno.

– Vi suggerisco di essere abbastanza veloci nel passaggio della chiusura del disco perché in pochi secondi tenderà ad indursi e non sarà più possibile aprire o aggiustare il biscotto della fortuna. In questa fase io mi sono aiutata con una tazza, ovvero ho piegato il disco su se stesso e ho dato la forma poggiandolo sul bordo di quest’ultima.

– Il procedimento può sembrare complicato, ma una volta pronto l’impasto e i bigliettini sarà divertente realizzarli.

🌱The Happy Rabbit🐰